Jump to content

lucy

Members
  • Posts

    2,564
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by lucy

  1. Sì, siamo tornati a controllare. Le piante di Dactylorhiza incarnata subsp. incarnata ci sono, come negli anni scorsi, anche se, almeno per il momento , sono piccolissime, forse a causa della carenza d'acqua.
  2. Ophrys apifera var.aurita (Moggr.)Gremli, Trevigiano, 130 m, 2 giugno 2017 Lucy
  3. Ophrys apifera var.aurita (Moggr.)Gremli, Trevigiano, 130 m, 2 giugno 2017
  4. Ophrys apifera var.aurita (Moggr.)Gremli, Trevigiano, 130 m, 2 giugno 2017 Quest'anno non è stato possibile vederla vicino a casa, ma, diversamente da altre varietà di apifera, non è mancata all'appello.
  5. Grazie a Mauro e a tutti gli altri per l'attenzione e le precisazioni. Lucy
  6. Sono in anticipo? Che sorpresa! Sembrano N. austriaca. Ciao
  7. Sì, certo, il quadro è piuttosto confuso e il mistero si infittisce, almeno per me che conosco solo questa stazione. Dal punto di vista della morfologia, comincio ad orientarmi ( bello e utile il confronto delle due immagini contrapposte di Giordano!), ma solo se escludo puzze o profumi ,che non mi hanno aiutato affatto nella determinazione. Sono anni ormai che subisco con sconforto la fatidica domanda: “L'hai annusata?”, ricavandone l'idea che l'odore fosse un carattere risolutivo per l'identificazione, costante, importante, definito...Come dicevo la mia esperienza è molto piccola, ma credo che in futuro ignorerò questo carattere , anche se devo dire che, stando così le cose, mi irrita un po' che abbia tutto questo valore descrittivo (dopotutto una sottospecie si chiama FRAGRANS !). Per quanto riguarda il problema della quota e dell' habitat, vorrei riportare qui alcuni commenti di amici espressi in altra sede, sempre su queste piante: 1)….”Per quanto riguarda l'areale di distribuzione, la subsp. coriophora non è mai stata trovata (attualmente) al di fuori dell'arco alpino, almeno per quanto riguarda l'Italia. Il bacino del Piave, fa parte evidentemente dell'arco alpino, e non si può escludere l'arrivo di "semi" e la successiva formazione di popolazioni dalle quote più alte alle basse quote anche di pianura. La certezza comunque, si potrà avere solo con ulteriori indagini, anche magari con chi conosce bene le due sottospecie. Aggiungo (giusto per rendere il tutto più complicato), che esiste anche la possibilità che si possano trovare popolazioni intermedie, o di introgressione, come capita in tantissime specie di orchidee.” 2)...”Se può confortare l'ipotesi che si tratti della subsp coriophora, aggiungo che le rare stazioni conosciute in Piemonte sono in due casi localizzate su vecchio alveo del fiume e su un isolone in mezzo al Po, un'altra in un prato a basso apporto idrico. Quindi non propriamente in ambiente umido, anzi nei primi 2 casi piuttosto aridi addirittura di greto, peró in zone interessate da esondazioni vecchie o recenti Aggiungo che in una sito del basso Piemonte sono presenti a poca distanza entrambe le subsp e forme intermedie, e che per quanto riguarda l'odore sgradevole di coriophora coriophora, dato come carattere distintivo, non sempre è percepibile. Sicuramente peró non profuma come fragrans, che invece ha sempre odore gradevole”
  8. Sì, certo. Non so se si trattava proprio di vaniglia, mi sembrava un po' diverso. Sicuramente era un profumo gradevole.
  9. Ringrazio tanto mauroo per l'attenzione e aspetto di leggere con piacere il suo ulteriore contributo chiarificatore. Ho pochissima dimestichezza con questa specie: praticamente l'ho incontrata quasi solo lì, sul Piave. Conoscendola pochissimo ho continuato a cozzare contro dei pregiudizi sui caratteri discriminanti. Quest'anno per la prima volta, soprattutto grazie ad Elide che osservava con me, ho avuto la sensazione che nel parco coabitassero le due sottospecie. Grazie ancora. Al di là delle determinazioni sicure, la cosa più importante è approfondire e cercare di capire. Lucy
  10. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Oggi abbiamo odorato un'infinità di piante senza mai avvertire né profumo né puzza. Foto di Elide: Lucy
  11. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m
  12. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m
  13. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m
  14. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Nel prato n°2:
  15. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m
  16. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Questa era molto chiara:
  17. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Ancora:
  18. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m La stessa:
  19. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m
  20. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Oggi sono ritornata. Le piante in piena fioritura il 21 erano ormai sfiorite ed erano state soppiantate da altre nel complesso più chiare.
  21. Anacamptis coriophora (L.) R.M. Bateman, Pridgeon & M.W.Chase 1997 Trevigiano, maggio- giugno 2017, 130 m Queste piante profumavano di "pasticceria"!!
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use Privacy Policy