Vai al contenuto

Recommended Posts

Cortinarius trivialis J.E. Lange 1940

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Cortinariaceae
Genere Cortinarius
Sottogenere Myxacium

Etimologia
Dal latino triviàlis = comune, frequente.
 
Cappello
4-12 cm, all’inizio emisferico o conico, poi campanulato, infine disteso o leggermente depresso, tipicamente con largo umbone centrale ottuso; margine involuto, talvolta anche a maturità. Superficie pileica molto glutinosa, liscia, di colore bruno-rossiccio o nocciola, a volte con sfumature olivastre.
 
Imenoforo
Lamelle adnate, uncinate, moderatamente fitte, quasi ventricose, grigiastre con sfumatura violetta all’esordio, poi grigio-brunastre.
 
Gambo
6-15(18) × 1-2 cm, slanciato, pressoché cilindrico o attenuato alla base che a volte può essere radicante; tende a diventare brunastro partendo dal basso, più o meno decorato da braccialetti circolari o zigrinature scagliose; il colore biancastro, uniforme in gioventù, si conserva solo alla sommità del gambo. Zona cortinale molto evidente.
 
Carne
Piuttosto fibrosa, biancastra, imbrunente a partire dalla base del gambo; sapore vagamente dolciastro e odore non significativo.
 
Habitat
Cresce gregario nei boschi di latifoglie, sia puri che misti, prediligendo substrati calcarei ma legandosi a molte essenze tra cui Betulle, Faggi, Castagni, Querce e Pioppi. Dall’estate al tardo autunno.
 
Commestibilità e Tossicità
Non commestibile, di nessun interesse alimentare.
 
Osservazioni
Risulta una specie facile da riconoscere anche nel bosco per merito delle tipiche ghirlande che decorano il gambo, delle lamelle solitamente sfumate di violetto al debutto e per l’assenza di un odore significativo; tuttavia l’estrema variabilità con cui può manifestarsi, rende lecito pensare a una possibile confusione da parte di un neofita.
 
Somiglianze e Varietà
Cortinarius collinitus (Sowerby) Gray, fungo paragonabile a Cortinarius trivialis per l’assenza di odore distintivo, si distingue per il gambo bianco, con tracce di velo violaceo, la crescita presso conifere e le tonalità decisamente bruno-rossastre del cappello.  Cortinarius integerrimus Kühner, molto simile al precedente, presenta un odore mielato-urinoso caratteristico. Infine, Cortinarius mucosus (Bull. : Fr.) J. Kickx f., taxon tipico del Pino, si separa agevolmente per il gambo biancastro. Inoltre le tre specie suddette mancano delle vistose decorazioni sul gambo tipiche di Cortinarius trivialis.
 
Curiosità
Cortinarius trivialis presenta due veli generali di diversa natura: l’uno glutinoso, l’altro membranoso. La non omogenea frammentazione di questi due strati è all’origine della caratteristica ornamentazione presente sul gambo. Le specie del genere Cortinarius che presentano gambo e cappello glutinoso, viscido, sono da collocare nel Sottogenere Myxacium; questo gruppo presenta silhouette piuttosto simili e per la determinazione specifica è spesso necessario affiancare agli aspetti morfologici, anche altri elementi come l’odore e il sapore della carne.
 
Scheda AMINT tratta da Tutto Funghi


Regione Abruzzo; Novembre 2010; Foto di Tomaso Lezzi.
Un Cortinarius facilmente riconoscibile anche macroscopicamente per il cappello glutinoso e il gambo decorato da cercini glutinosi.

post-2993-083427000%201288988675.jpg

Un particolare del gambo con i cercini glutinosi.

post-2993-064094800%201288988678.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information