Vai al contenuto

Recommended Posts

Russula virescens (Schaeff.) Fr.

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae
Genere Russula
Sottogenere Heterophyllidia
Sezione Virescentineae

Nome italiano
Colombina verde, Verdone.

Etimologia
Dal latino "virescens"= verdeggiante, per il suo colore.

Cappello
5-15 cm, dapprima globoso, con margine aderente al gambo, quindi piano convesso, a volte un po' depresso e/o bitorzoluto e/o irregolare. Margine ondulato, liscio di rado con lievi solchi radiali. Cuticola separabile solo lungo il margine, secca e sempre più o meno screpolata-areolata, inizialmente di colore bianco, si ispessisce e si screpola in tante areole poligonali, che distanziandosi tra loro assumono tinte verdastre e volgenti al nocciola, facendo apparire il fondo giallognolo (in una sorta di marmorizzazione). Infine tende a decolorarsi in modo non uniforme.

Lamelle
Fitte, fragili, prima biancastre, poi crema pallido, spesso con iridescenze e macchie brunastre.

Gambo
6-10 × 2-4 cm, robusto, quasi sempre rugoso, più o meno cilindrico, ma spesso ingrossato nella parte centrale, pieno, poi cavernoso; superficie bianca, talvolta macchiata qua e là di nocciola.

Carne
Soda, granulosa, fragile, friabile, bianca; odore lieve di frutta, sapore gradevole di noci, ma talvolta un po' sgradevole nell'adulto e in quegli esemplari eccessivamente disidratati.

Habitat
In estate ed autunno, cresce solitario o gruppi, soprattutto boschi di latifoglie, sotto Faggio, Quercia o Castagno, spesso anche fra l'erba ai margini del bosco.

Microscopia
Spore 7-9 × 5-6 µm, tondeggianti, bianche.

Commestibilità e Tossicità
Ottimo commestibile sia da crudo che da cotto, una delle migliori Russula in assoluto, se non proprio la migliore.

Osservazioni
Questa specie che viene normalmente considerata la migliore tra le russule commestibili è facilmente riconoscibile per il colore verde-azzurro marmorizzato della cuticola, per la compattezza (alto peso specifico) ed il buon sapore della sua carne.

Somiglianze e varietà
Un'altra Russula la cui cuticola si frattura spontaneamente è la Russula cutefracta Cooke facente parte dello stessa sezione (sottosezioneIndolentineae), che oltre a verde e olivastra può essere violacea. Sulla cuticola screpolata si disegnano a mò di graticola, delle linee più chiare, per lo più rossicce, come la carne immediatamente sotto la cuticola, lamelle di consistenza lardacea, anch'essa è commestibile.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Pietro Curti - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


post-36492-0-93276000-1462696384.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula virescens (Schaeff.) Fr.; Regione Lombardia; Giugno 2009; Foto di Massimo Mantovani.

Giovanissimi esemplari.

post-735-1246260829.jpg

Esemplari di grosse dimensioni, di colore molto intenso al centro del pileo.

post-735-1246260930.jpg

Foto macro del pileo.

post-735-1246261019.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula virescens (Schaeff.) Fr.; Regione Lombardia, Valtorta; Settembre 2009; Foto di Massimo Biraghi.

Ritrovamento in faggeta 1000 m s.l.m., si riconosce immediatamente da altre Russule con toni verdastri per le scagliette presenti sul cappello.

post-2286-1252345628.jpg

Esemplare maturo.

post-2286-1252345685.jpg

Particolare del pileo dissociato in areole.

post-2286-1252345656.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information