Jump to content

Recommended Posts

Lamium maculatum L.

 

Sinonimi

Lamium affine Guss. & Ten. in Ten. [1835-1838, Fl. Nap., App. 4 : 10]

Lamium album L. var. maculatum L. [1753, Sp. Pl. : 579]

Lamium cupreum Schott & al. [1855, Ísterr. Bot. Wochenbl., 1855 : 357]

Lamium foliosum Crantz [1769, Stirp. Austr., ed. 2, 4 : 258]

Lamium laevigatum L. [1763, Sp. Pl., ed. 2 : 808]

Lamium melissifolium Mill. [1768, Gard. Dict., ed. 8 : n_ 5]

Lamium mutabile Dumort. [1829, Flor. Belg. : 45]

Lamium niveum Schrad. [1841, Linnaea, 15, Litt. : 94]

Lamium pallidiflorum Beck [1887, Ann. Naturhist. Hofmus. Wien, 2 : 144]

Lamium rugosum Aiton [1789, Hort. Kew., ed. 1, 2 : 296]

 

Tassonomia

 

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Magnoliopsida

Ordine: Lamiales

Famiglia: Lamiaceae

 

Nomi italiano

Falsa ortica (per la somiglianza con l'Ortica) - Dolcimele (per il gusto dolce del fiore).

 

Etimologia

Dal greco lamios = fauci, bocca; maculatum per le macchie chiare che caratterizzano le sue foglie.

 

Descrizione

E' una pianta erbacea perenne alta mediamente cm 20-40 (80); il fusto, verde, quasi glabro, presenta una sezione quadrangolare e, quando si adagia sul terreno, emette delle radici in corrispondenza dei nodi; L. maculatum è una piantina che, se l'ambiente lo consente, tende a diventare tappezzante ed infestante.

 

Foglie

Nei climi meridionali è una pianta sempreverde, mentre, altrove, perde le foglie in autunno per germogliare nuovamente ai primissimi torpori pre-primaverili; le foglie sono crenate, opposte, di forma ovale e pubescenti; il colore è verde, spesso con macchia biancastra lungo la nervatura centrale, mentre le dimensioni non superano i 5-6 cm di lunghezza.

 

Fiori

Di colore rosa, lavanda con macchie porpora e sfumature biancastre, sono posti a piccoli grappoli in corrispondenza dell'apice del fusto e alle ascelle dei nodi della parte alta.

 

Frutti

Piccolissimi acheni brunastri, esteticamente insignificanti.

 

Periodo di fioritura

La fioritura avviene da Marzo a Giugno ma, in particolari condizioni climatiche, si protrae fino all'autunno inoltrato.

 

Territorio di crescita

E' presente in tutte le regioni italiane con minore frequenza al Sud, praticamente assente in Sicilia;

da 0 a 1300 metri slm e, nelle regioni meridionali, arriva a 1800.

 

post-656-1207953656.jpg

 

 

Periodo di fioritura Fiorisce da Marzo a Giugno ma, in particolari condizioni climatiche, continua fino all'autunno inoltrato.

 

Habitat

Gradisce posizioni semiombreggiate ma luminose e fresche: prati, margine dei boschi e degli orti, terreni abbandonati ed incolti; non sopporta il gelo ed i caldi esasperati.

 

Somiglianze e varietà

L. album, assente nelle isole e dai fiori spiccatamente bianchi;

L. purpureum nel quale le foglie ed il fusto, soprattutto nella zona apicale, possiedono colorazioni rosso-porpora;

L. hybridum, con brattee florali di forma ovata, colori più giallo-verdastri.

 

Specie protetta

Non si conoscono azioni di protezione nei riguardi di questa pianta.

 

Costituenti chimici

I costituenti principali utilizzati in erboristeria si trovano in particolare nelle infiorescenze, ma anche nelle foglie e sono: sostanze tanniche, saponine tritriterpeniche, glucosidi flavonici, mucillagine, acido gallico, olio essenziale, sali potassici e un alcaloide, la lamiina.

 

Uso Alimentare

Le foglie di L. purpureum ed altri Lamium, vengono raccolte prima della fioritura e consumate crude in insalata, oppure cotte da sole o insieme ad altre erbe selvatiche.

 

Uso Cosmetologico

Infusi di tutte le parti della pianta per compresse, lavande e frizioni; con l'acqua distillata dei fiori e delle foglie si preparano colliri.

 

Uso Farmacologico

Questa pianta è utilizzata per le sue proprietà depurative, astringenti, antiemorragiche.

 

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

 

Medicina alternativa e Curiosità

In passato veniva usata per combattere la scrofolosi, eruzione cutanea causata da una forma di tubercolosi.

 

Note

Si narrava che la regina libica Lamia fosse una mangiatrice di bambini: la fauce aperta di questo fiore somiglia ad una bocca spalancata e ricorda questa leggenda che veniva raccontata ai bambini per tenerli tranquilli.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Giovanni Baruffa - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

 

Link utili

 

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

Lamium maculatum L. - Foto di Giovanni Baruffa

post-656-1208123327.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Pietro Curti

 

 

post-656-1208122487.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Mauro Cittadini

 

 

post-127-1208007675.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Mauro Cittadini

 

 

post-656-1208127445.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Mauro Cittadini

 

 

post-127-1208007842.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Giovanni Baruffa

 

 

post-656-1208017533.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Bonni

 

 

post-656-1208022816.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Bonni

 

 

 

post-656-1208022900.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Bonni

 

 

post-656-1208023150.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lamium maculatum L. - Foto di Viver

 

 

post-2350-1206111914_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information