Jump to content

Recommended Posts

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga 2002

Tassonomia
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae

Sinonimi
Macrolepiota rhacodes var. hortensis Pilát ex Wasser 1980
Macrolepiota rhacodes var. bohemica (Wichanský) Bellù & Lanzoni 1987

Etimologia
L'epiteto Chlorophillum deriva dal greco dal greco chloròs [χλωρός], = verde pallido e  fýllo [φύλλο] = lamella, con le lamelle verdognole; e dall'epiteto latino brúnneus [a, um] = bruno, per il colore del viraggio.

Cappello
Inizialmente emisferico, poi convesso ed a completa maturazione appianato, al centro è presente un largo umbone ottuso, il margine tende a non distendersi completamente. La cuticola, di colore bruno-nocciola, inizialmente è unita, poi si lacera in una calotta discale molto ampia, mentre la parte restante verso il margine si dissocia in grossolane squame rettangolari, lasciando intravedere il fondo biancastro.

Lamelle
Bianche, fitte, larghe, arrossanti-imbrunenti per l’invecchiamento o per lo sfregamento. Filo intero e concolore, con l’età può diventare marrone.

Gambo
Tozzo, cilindrico, spesso più corto del diametro del cappello, attenuato all’apice e con un grosso bulbo bruscamente marginato alla base, anello semplice, privo di doppia corona, ampio, fioccoso, con la parte inferiore colorata di bruno-nocciola.

Carne
Bianca, vira al taglio all’arancione e tardivamente al rosso scuro. Odore fungino, sapore dolce.

Habitat
Cresce in zone aperte, prati, giardini, su terreno a base sabbiosa, con presenza di residui vegetali, dalla fine dell’estate all’autunno inoltrato.

Commestibilità e tossicità
Si tratta di specie tossica, la sua ingestione provoca sindrome gastroenterica più o meno accentuata.

Microscopia
Spore ellissoidali, 9,9-12,3 × 6,8-8,0 µm, lisce, in posizione frontale ovoidali, con poro germinativo apicale e spesso con un’estremità troncata, destrinoidi, in massa bianche.
Basidi tetrasporici.
Cheilocistidi abbondanti clavati.
Pleurocistidi non osservati.
Pileipellis costituita da un trichoderma, con elementi terminali strettamente clavati, lobati e moniliformi.

Specie simili
Chlorophyllum rhacodes (Vittad.) Vellinga, si separa per le squame del cappello grandi e poligonali, l’anello doppio, il forte viraggio della carne al rosso, la base dello gambo che si ispessisce gradualmente e termina con un bulbo non marginato, le spore si presentano sia troncate che non troncate ed i cheilocistidi sono sferopeduncolati.
Chlorophyllum molybdites (G. Mey. : Fr.) Massee, si distingue per le lamelle presto di colore grigio-olivastre, il cappello poco squamettato, la base del gambo lievemente bulbosa e le spore di dimensione inferiore.
Chlorophyllum olivieri (Barla) Vellinga, differisce per una minuta squamettatura di colore grigio olivaceo del cappello, che poco contrasta con lo sfondo bianco, per il gambo poco bulboso, l’anello semplice.

Bibliografia
AA.VV., 2018. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp. 2nd Edition, 2nd printing.
VELLINGA, E.C., 2002. New combinations in ChlorophyllumMycotaxon 83: 415-417. [Data di accesso: 19/12/2019].
VELLINGA, E.C., 2003. Type studies in Agaricaceae – Chlorophyllum rachodes and alliesMycotaxon 85: 259-270. [Data di accesso: 19/12/2019].
VELLINGA, E.C., 2008. Chlorophyllum. Nature.Berkeley.edu. [Data di accesso: 19/12/2019].

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti e Tomaso Lezzi - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Regione Lazio, Borgo di Fogliano (LT); Novembre 2019; Foto e miscoscopia di Mario Iannotti.
(Exsiccatum MI20191115-01)

Ritrovamento su suolo sabbioso, nel giardino botanico della già Villa Caetani ora Villa Fogliano, area di notevole interesse storico-paesaggistico, inserita nel Parco Nazionale del Circeo.

Chlorophyllum-brunneum-2930_31_2019.jpg

Chlorophyllum-brunneum-2932_34_2019.jpg

Viraggio all'arancio della carne alla sezione.

Chlorophyllum-brunneum-C_2932_34_2019.jpg

Basidi tetrasporici. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

Chlorophyllum-brunneum-basidi-01_1000x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-basidi-02_1000x.jpg

Spore ellissoidali, 9,9-12,3 × 6,8-8,0 µm, lisce, in posizione frontale ovoidali, con poro germinativo apicale e spesso con un’estremità troncata, destrinoidi, in massa bianche. Reazione destrinoide, spore osservate in reattivo di Melzer a 1000×.

Chlorophyllum-brunneum-spore-melz-14_1000x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-spore-melz-15_1000x.jpg

Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

Chlorophyllum-brunneum-spore-rc-31_1000x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-spore-rc-33_1000x.jpg

Cheilocistidi abbondanti clavati. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 400×.

Chlorophyllum-brunneum-cheilorc-33_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-cheilorc-35_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-cheilo-rc-37_400x.jpg

Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

Chlorophyllum-brunneum-cheilo-rc-43_1000x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-cheilo-rc-44_1000x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-cheilo-rc-45_1000x.jpg

Pileipellis costituita da un trichoderma, con elementi terminali strettamente clavati, lobati e moniliformi. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 400×.

Chlorophyllum-brunneum-pileipellis-rc-06_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-pileipellis-rc-12_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-pileipellis-rc-13b_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-pileipellis-rc-14_400x.jpg

Chlorophyllum-brunneum-pileipellis-rc-15_400x.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga; Roma, Villa Pamphili; Novembre 2011; Foto di Tomaso Lezzi.

Viraggio della carne al taglio prima all'arancione e solo più tardi al rosso scuro; bulbo marginato; cheilocistidi clavato-piriformi, di lunghezza 33-57 × 17-20 µm; Spore ellissoidali, in alcuni casi tronche.
Come è osservabile dai dati ricavati dalla letteratura e riassunti a seguire, i campioni mostrano alcuni caratteri di Chlorphyllum rhacodes e altri diChlorophyllum brunneum.
I caratteri differenziali morfocromatici, possono essere soggetti ad una certa variabilità, rimane costante e decisiva l'osservazione dei cheilocistidi, che sono stati considerati come elementi di rilievo nella determinazione di questi campioni.

Chlorophyllum olivieri è differente per il disegno radiale delle scaglie sul cappello.
Segue un breve elenco con la sintesi delle differenze tra Chlorophyllum rhacodes e Chlorophyllum brunneum tratto dalla letteratura.

Chlorophyllum rhacodes
Anello doppio
Anello con parte inferiore chiara
Bulbo clavato
Cheilocistidi globosi, sub-globosi, 10-35 × 8-25 µm
Cheilocistidi spesso catenulati
Spore con apice troncato, o no

Chlorophyllum brunneum
Anello non distintamente doppio
Anello con parte inferiore bruna
Bulbo marginato (simile a quello di alcuni Cortinarius del sottogenere Phlegmacium)
Cheilocistidi clavati, 25-50 × 8-20 µm
Spore con apice troncato

La parte inferiore dell'anello è chiara, la carne virava prima all'arancione (campione di sinistra nella foto di gruppo e sezione foto grande) e solo dopo al rosso scuro (campione al centro nella foto di gruppo).

post-2993-0-29387000-1321396106.jpg

La sezione con il viraggio prima all'arancione e poi al rosso scuro.

post-2993-0-16549700-1321396110.jpg

Particolare delle squame sul cappello.

post-2993-0-12746500-1321396112.jpg

Particolare dell'anello, con il lato inferiore chiaro.

post-2993-0-94176800-1321396107.jpg

Foto di Mauro Cittadini.

post-127-0-72822300-1321379174.jpg

post-127-0-09930300-1321379178.jpg

Particolare delle squame del cappello.

post-127-0-88324100-1321379180.jpg

Sezione e viraggio.

post-127-0-88690500-1321379171.jpg

Microscopia, Foto di Tomaso Lezzi

Cheilocistidi clavato-piriformi, di lunghezza 33-57 × 17-20 µm.

post-2993-0-19211800-1322061914.jpg

post-2993-0-99305700-1322061916.jpg

post-2993-0-53567800-1322061902.jpg

Spore ellissoidali, in alcuni casi tronche.

post-2993-0-80014700-1322061918.jpg

post-2993-0-95176400-1322061920.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga; Regione Lazio, Roma, Villa Pamphili; Settembre 2012; Foto di Tomaso Lezzi.


Viraggio al taglio prima all'arancione, come nel campione sezionato in primo piano, poi al rosso scuro, come nel campione sezionato sullo sfondo. Crescita sotto Quercus ilex.
La specie è stata già confermata con microscopia dei campioni raccolti nello stesso luogo a Novembre 2011.

Giovani esemplari, notare il viraggio nelle sezioni.

post-2993-0-14756300-1348909836.jpg

Esempalri adulti, in cui si nota bene la tipica desquamazione del cappello con squame che affondano nella carne, non superficiali.

post-2993-0-34204800-1348909841.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga; Regione Lazio, Roma, Villa Pamphili; Ottobre 2012; Foto di Tomaso Lezzi.

Viraggio al taglio prima all'arancione, come nel campione sezionato in primo piano, poi al rosso scuro, come nel campione sezionato sullo sfondo. Crescita sotto Quercus ilex.
La specie è stata già confermata con microscopia dei campioni raccolti nello stesso luogo a Novembre 2011.

post-2993-0-98391900-1349257986.jpg

post-2993-0-60017300-1349257989.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga; Regione Lazio (RM); Novembre 2016; Foto di Tomaso Lezzi.

Esemplari molto maturi, ma che mostrano ancora un vistoso viraggio.

Chlorophyllum-brunneum-02b.jpg

Chlorophyllum-brunneum-03-4.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chlorophyllum brunneum (Farl. & Burt) Vellinga; Regione Lombardia; Ottobre 2010; Foto, commento e microscopia di Gianluigi Boerio.

Ritrovamento in zona ruderale, davanti a cascinale su terreno smosso a base sabbiosa con parecchi residui legnosi, al margine di bosco di quercia. La specie, in tempi relativamente recenti, è stata inserita nel genere Chloropyllum ed annovera una lunga lista di sinonimie. Decorazioni sul cappello abbondanti e ampie su sfondo bianco/bianco crema, anello relativamente semplice non doppio, carne arrossante e bulbo nettamente marginato ed ampio.

47.jpg

La sezione rivela la carne arrossante ma soprattutto la netta marginatura del bulbo alla base del gambo, che stando a Vellinga (Mycotaxon 85 - 2003) sarebbe carattere differenziale costante dalla simile Chlorophyllum rachodes.

48.jpg

Anche la microscopia rivela caratteri differenziali: spore mediamente più grosse rispetto a Chlorophyllum rachodes (nella foto: 10,5-12,5 x 7,5-8 µm), spesso con apicolo tronco.

49.jpg

Basidi principalmente tetrasporici.

50.jpg

Ma soprattutto cheilocistidi grossi (nella foto: 35-50 x 11-15 µm) clavati o subclavati.

51.jpg

Dettaglio cheilocistidi e spore. (Osservazioni microscopiche a 1000x in rosso congo).

52.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information