Vai al contenuto

Recommended Posts

Russula cessans A. Pearson 1950

Tassonomia

Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Genere Russula

Sottogenere Russula

Sezione Tenellae

Subsezione Laricinae

Sinonimi

Russula chamaeleontina var. rosea Romell

Etimologia

Russula = dal latino russŭlus, rossiccio, rossastro, rosso, per il colore dei cappelli che assumono molte specie in questo genere.

cessans = dal latino cesso, che indugia, che ritarda, riferibile alla crescita in tarda stagione rispetto alle altre specie del suo genere.

Cappello

Cappello convesso, di piccola-media dimensione, poi un po’ depresso al centro con l’età, margine regolare, ottuso, leggermente scanalato a maturità. La cuticola è liscia, brillante con la pioggia, di colore rosso-vinoso, violaceo-brunastro, spesso con decolorazioni ocra-verdastre.

Imenoforo

Le lamelle sono adnate o smarginate, moderatamente fitte, fragili, forcate, anastomosate, dapprima di colore crema, poi gialle a maturità.

Gambo

Il gambo è cilindrico, bianco, pieno, presto spugnoso, abbastanza fragile.

Carne

La carne è bianca, fragile, con odore fruttato, lamelle leggermente piccanti, se l’assaggio comprende carne, cuticola e lamelle si può definire di sapore mite. Reazione positiva al Guaiaco.

Habitat

È una Russula tardiva, cresce in autunno inoltrato sotto pini.

Microscopia

Spore subglobose di misura 8,3-9,8 × 7,4-8,5 µm; Q = 1,0-1,2; Qm = 1,1; amiloidi, con apicolo più o meno allungato, crestate-subreticolate. Con verruche che confluiscono in creste disposte a formare un reticolo parziale. Sporata gialla.

Basidi clavati, prevalentemente tetrasporici, osservati anche rari monosporici.

Macrocheilocistidi cilindrici, fusiformi, appendiculati, con estremità anche moniliformi.

Epicute costituita da peli attenuati, con corti articoli, anche affilati, dermatocistidi cilindracei, lisci, ottusi, plurisettati.

Commestibilità e tossicità

Commestibile, di nessun pregio culinario.

Note

È una specie che fa la sua comparsa nel tardo autunno, si fa riconoscere per la crescita nella pinete, le piccole dimensioni, la sporata gialla, le lamelle leggermente piccanti.

Somiglianze e varietà

Russula nauseosa (Pers.) Fr., è legata all’Abete rosso ed all’ambiente di montagna, ha le spore con aculei più o meno isolati.

Russula laricina Velen., si separa per il portamento slanciato, il cappello con colorazioni più policrome e variegate, margine nettamente scanalato-tubercolato, carne ingrigente, spore meno reticolate, ambiente montano costituito da abeti rossi, bianchi e larici.

Russula sapinea Sarnari, cappello con colorazioni policrome, è una piccola specie legata alle foreste di Picea, carne ingiallente sulle tonalità ocra-ruggine, spore echinulate-crestate.

Russula olivina Ruots. & Vauras, specie del nord, associata alle foreste di Picea, cappello con tonalità da verde oliva a giallastro, spore grandi, echinulate, basidi bisporici.

Russula tyrrhenica Sarnari, molto simile, legata alle pinete litoranee ed associata con Cistus monspeliensis o salvifolius, la carne ha un sapore più piccante, sporata più pallida, a volte presenta una macchia rossa alla base del gambo, microscopicamente si separa per l'epicutis con peli, con i singoli articoli assai lunghi, circa 25-50 µm ed i dermatocistidi molto incrostati.

Russula odorata Romagn., si differenzia per la taglia e carnosità inferiore, il margine presto scanalato-tubercolato, l’ingiallimento marcato, l’habitat di latifoglie.

Bibliografia

GENNARI, A., 2005. Funghi. Arezzo: Ed. Antonio Gennari.

BOCCARDO, F. et al., 2008. Funghi d'Italia. Bologna: Ed. Zanichelli.

SARNARI, M., 2005. Monografia illustrata del Genere Russula in Europa. Tomo Secondo. Trento: Ed. AMB.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Regione Umbria; Novembre 2016; Foto, descrizione e microscopia di Mario Iannotti.

(Exsiccatum MI20161112-01)

post-12947-0-10739700-1479656836.jpg

post-12947-0-91424100-1479656850.jpg

post-12947-0-25868300-1479656863.jpg

Microscopia

Spore subglobose di misura 8,3-9,8 × 7,4-8,5 µm; Q = 1,0-1,2; Qm = 1,1; amiloidi, con apicolo più o meno allungato, crestate-subreticolate. Con verruche che confluiscono in creste disposte a formare un reticolo parziale. Osservazione in Melzer a 1000×.

post-12947-0-22179400-1479656981.jpg

post-12947-0-40935300-1479657000.jpg

post-12947-0-86371200-1479657011.jpg

post-12947-0-58636400-1479657024.jpg

post-12947-0-68639400-1479657037.jpg

Basidi clavati, prevalentemente tetrasporici, osservati anche rari monosporici. Osservazione in Floxina acquosa all'1% a 1000×.

post-12947-0-15469500-1479657101.jpg

post-12947-0-47117500-1479657119.jpg

post-12947-0-48150500-1479657140.jpg

post-12947-0-64221400-1479657158.jpg

Basidi monosporici. Osservazione in Floxina acquosa all'1% a 1000×.

post-12947-0-86784400-1479657202.jpg
Macrocheilocistidi cilindrici, fusiformi, appendiculati, con estremità anche moniliformi. Osservazione in Floxina acquosa all'1% a 1000×.
post-12947-0-01910500-1479657246.jpg
post-12947-0-00995300-1479657261.jpg
post-12947-0-21731500-1479657275.jpg
post-12947-0-23767700-1479657289.jpg
post-12947-0-30858700-1479657304.jpg
Epicute, costituita da peli attenuati, anche affilati, con dermatocistidi cilindracei, lisci, ottusi, plurisettati. Osservazione in Floxina acquosa all'1% a 400×.
post-12947-0-90994100-1479657352.jpg
post-12947-0-32421200-1479657378.jpg
Osservazione in Floxina acquosa all'1% a 1000×.
post-12947-0-49033700-1479657411.jpg
post-12947-0-62685200-1479657431.jpg
post-12947-0-86083600-1479657448.jpg
post-12947-0-97413400-1479657464.jpg
post-12947-0-74695000-1479657479.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information