Jump to content
Sign in to follow this  
Pietro Curti

Equisetum telmateja Ehrh.

Recommended Posts

Equisetum telmateja Ehrh.

 

Sinonimi

Equisetum braunii Milde

Equisetum eberneum Schreber in Roth

Equisetum majus Schinz & Thell.

Equisetum maximum Duval-Jouve non Lam.

 

 

 

Tassonomia

 

Regno: Plantae

Divisione: Equisetophyta

Classe: Equisetopsida

Ordine: Equisetales

Famiglia: Equisetaceae

 

 

 

Nomi italiano

Equiseto massimo - Coda di cavallo

 

Etimologia

Il nome di specie deriva dalla radice greca "telma" che indica palude alludendo all'habitat semi palustre dove cresce questa pianta, Equisetum come s'intuisce è strettamente collegato all'aspetto generale che ricorda la coda di cavallo, "equus" = cavallo, metre "saetula" = setola.

 

Descrizione

Questa essenza è strutturata in fusti rettilinei, cilindrici, vuoti, provvisti di nodi, provvisti all'altezza dei nodi di guaine che si spingono fino a metà dell'internodo e che presentano vertici acuminati nerastri. I fusti possono essere fertili o sterili, i primi si sviluppano in primavera i secondi in estate, i primi presentano una spiga apicale decorata con dischetti nei quali maturano le spore (sporangi), i secondi presentano all'altezza dei nodi delle fitte ramificazioni. Priva di frutti e fiori si riproduce per spore che maturano in sporofilli a scudetto collocati sulla superficie della spiga dei fusti fertili primaverili. Le foglie sono rappresentate alla guaina squamosa strutturata in punte acuminate, collocata all'altezza dei nodi. Le piante sono alte 50/100 cm e oltre, presentano rizomi striscianti.

 

 

Periodo fertile

In primavera, dall'inizio di Marzo a tutto Maggio.

 

 

Territorio di crescita

Presente in modo diffuso in tutte le regioni italiane, dalle pianure alla media/alta collina, fino a 1400 mt.

 

post-4-1206314070.jpg

 

 

Habitat

Si tratta di una pianta erbacea perenne, che ama i siti dove l'acqua scorre o stagna in abbondanza, margine delle strade, margine delle rive fluviali, ambienti umidi in genere sono le stazioni di crescita predilette.

 

Somiglianze e varietà

Le specie più vicine sono: Equisetum arvense L. e Equisetum ramosissimus Desf. che presentano le medesime proprietà e la stessa composizione chimica; diversamente Equisetum palustre L. costituisce eccezione ed è sospettato di tossicità, si differenzia dai precedenti per la spiga molto arrotondata e per la crescita contemporanea dei fusti sterili e dei fusti fertili.

 

 

Specie protetta

Non esistono riscontri relativi alla tutela di questa pianta.

 

Costituenti chimici

Contiene: quantità rilevanti di acido silicico, vari glucosidi, acidi fenolici, flavonoidi, tannino, vitamina C, sali di potassio, calcio e alluminio, piccolissime tracce di alcaloidi.

 

Uso Alimentare

In cucina si usano i germogli teneri dei fusti fertili, dopo averli liberati degli sporangi presenti nella spiga e delle dure guaine internodali, sono consumati sia freschi che sott'olio. Dopo averli bolliti possono essere infarinati e fritti, inseriti nelle minestre, negli impasti di carne, gratinati al forno o passati in padella con burro e formaggio.

 

Uso Cosmetologico

L'infuso viene utilizzato nell'acqua del bagno o per pediluvi, svolge un ruolo regolante la traspirazione eccessiva, è rigenerativo rinfrescante. Rinforza le unghie e aiuta il riassorbimento delle macchie bianche sulle stesse, da forza e tono ai cappelli, sul derma e astringente e tonico.

 

Uso Farmacologico

Le proprietà medicamentose attribuite a questa essenza sono innumerevoli: emostatiche, rimineralizzanti, diuretiche, antisettiche, cicatrizzanti e antireumatiche. La grandissima quantità di sicilio presente in questa pianta conferisce alla stessa un ruolo importante nel trattamento dei procesi di calcificazione delle ossa. Concorrendo alla produzione di collagene si reputa abbia grande efficacia nel garantire stabilità all'elasticità dei tendini, delle cartilagini e delle pareti arteriose. Il succo fresco della pianta aspirato o il decotto inalato risulta efficacie nel trattamento delle emorragie nasali.

 

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

 

Medicina alternativa e Curiosità

Nella floriterapia l'Equisetum si ritiene determinante per stabilire connessioni tra i vari livelli di coscienza, dal conscio all'inconscio, questa capacità veniva confermata dall'astrologia antica che in passato suggeriva una forte influenza di Saturno su questa essenza. Pianeta denominato guardiano della soglia, in funzione della suo controllo al transito in altri stati e livelli di coscienza. Altre tradizioni e pensieri di medicina alternativa parlano in modo esplicito di "principio saturnino", quale fatto regolante l'interconnessione tra Saturno e le ossa/scheletro e da qui il suo uso per il trattamento delle fratture e delle patologie delle ossa. Secondo il pensiero antroposofico di Rudolf Steiner questa essenza contiene proprietà del tutto simili a quelle che sovraintendono al funzionamento renale e quindi in buona sostanza vengono confermate le azioni diuretiche descritte dalla fitoterapia classica.

 

Note

Si tratta di un vero reperto preistorico vivente, una pianta incredibile che mantiene più o meno inalterati i caratteri ancestrali che risalgono a qualcosa come circa 250 milioni di anni fa, periodo del Carbonifero e Devoniano in cui fece la sua comparsa sulla terra. Un tempo il decotto degli Equisetum veniva utilizzato in agricoltura come anticrittogamico e antiparassitario. Grazie alla presenza del duro silicio, in passato la pianta essiccata veniva utilizzata da numerosi artigiani per levigare superfici e materiali di vario genere, dal legno al vetro, passando per l'avorio e l'argento.

 

 

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Pietro Curti - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

 

 

Link utili

 

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

 

Equisetum telmateja Ehrh. - Foto di Pietro Curti

 

post-4-1206314214.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guaina internodale e spiga.

Equisetum telmateja Ehrh. - Foto di Pietro Curti :)

 

 

post-4-1206314992.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guaina internodale e spiga.

Equisetum telmateja Ehrh. - Foto di Pietro Curti :)

 

 

post-4-1206315038.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gruppo di fusti fertili primaverili.

Equisetum telmateja Ehrh. - Foto di Massimo Biraghi :)

 

 

post-2286-1206480962.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guaina internodale.

 

 

Equisetum telmateja Ehrh. - Foto di Marika

 

 

post-3243-1206745087.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information