Vai al contenuto

Recommended Posts

Russula subfoetens W.G. Smith

Tassonomia
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Foto e Descrizioni
Appartiene al Sottogenere Ingratula Romagnesii Sez. Foetentineae ( Melzer & Zvara ) Singer.
Viene scambiata spesso con la sosia R. foetens, si riconosce macroscopicamente per le dimensioni minori, la superficie pileica non così glutinosa e per le peculiarità organolettiche poco marcate.
La carne ha la tendenza di ingiallire all'aria e ha una tipica reazione giallastra (giallo dorato), ma anche arancio-brunastra nei vecchi esemplari.

Regione Lombardia; Giugno 2007; Foto di Massimo Mantovani.

post-735-1181411720_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula subfoetens W.G. Smith; Regione Lombardia, loc. Sanico (LC); Luglio 2014; Foto di Marco Barbanera.

Sotto latifoglie.

post-15250-0-38573400-1405948799.jpg

post-15250-0-99060500-1405948817.jpg

La reazione gialla immediata al KOH la distingue dalla simile R. foetens.

 

post-15250-0-75900900-1405948885.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula subfoetens W.G. Smith; Regione Umbria; Agosto 2014; Foto e microscopia di Stefano Rocchi.



Rinvenuta sotto Querce e Castagni. Odore sgradevole come quello di R. foetens ma meno intenso. Sapore un po' acre nelle lamelle, nullo altrove.


Reazioni macrochimiche:


- Solfato ferroso: leggermente rosa;


- Fenolo: rosa poi brunastro;


- Tintura di Guaiaco: intensa e immediatamente verde petrolio.


- KOH: gialla nelle parti bianche; arancio bruno sul cappello.



Spore ovoidali-subglobose 7,8-9,9 × 6,7-8,2 µm; Qm = 1,1, con verruche variabili più o meno connesse in brevi tratti o piccole creste. Basidi caratterizzati da grandi sterigmi. Peli superficiali della cuticola costituiti da cellule cilindriche e irregolari, larghe 3-5 µm, ortocromatiche in Blu di Cresile.



La simile Russula foetens si distingue per avere un odore sgradevole più marcato, per una maggiore acredine, per la reazione nulla alla KOH e per le verruche delle spore in genere non connesse.



post-9732-0-61738400-1417213150.jpg



post-9732-0-51896200-1417213184.jpg



La reazione gialla al KOH.



post-9732-0-99963800-1417213236.jpg



Spore ovoidali-subglobose 7,8-9,9 × 6,7-8,2 µm; Qm = 1,1, con verruche variabili più o meno connesse in brevi tratti o piccole creste. Osservazione in Melzer 1000×.



post-9732-0-14440800-1417213357.jpg



post-9732-0-99340300-1417213444.jpg



Basidi clavati tetrasporici, con lunghi sterigmi. Osservazione in Rosso Congo 1000×.



post-9732-0-18207500-1417213610.jpg



Cistidi fusiformi. Osservazione in Rosso Congo 1000×.



post-9732-0-80111000-1417213715.jpg



Peli superficiali costituiti da cellule cilindriche con andamento irregolare, sinuoso, larghe 3-5 µm. Osservazione in Rosso Congo 1000×.



post-9732-0-55496700-1417213930.jpg



Osservazione in Blu di Cresile 1000×.



post-9732-0-64412800-1417213985.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula subfoetens W.G. Smith; Regione Emilia Romagna, Alta Val Nure; Luglio 2015; Foto di Massimo Biraghi.



post-2286-0-39765300-1436391510.jpg



Specie molto vicina a Russula foetens Pers., più imponente e con odore repellente più intenso. La reazione macrochimica con KOH, giallastra sulla carne bianca e arancio-brunastro sulla cuticola, serve a togliere qualsiasi dubbio.



post-2286-0-82394900-1436391559.jpg



post-2286-0-47267800-1436391580.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information