Jump to content

Recommended Posts

:nono: io intendevo proprio Frassino.

Scusa ma nella tua zona sia Fraxinus ornus (Orniello) che Fraxinus oxycarpa (Frassino meridionale) non vengono chiamati Linnarbu?

Per nome locale, mi informerò da fonte sicura, quando tira fuori foglie.

Vedrò di confrontarlo con storto.

Come sia finito, solo soletto in uno spuntone ventoso dove stenta a crescere l'ortica, proprio non lo ho capito.

:porta:

Share this post


Link to post
Share on other sites
:nono: io intendevo proprio Frassino.

Scusa ma nella tua zona sia Fraxinus ornus (Orniello) che Fraxinus oxycarpa (Frassino meridionale) non vengono chiamati Linnarbu?

:hands49:

:) Gianni

Tittaccio malefico,quando dai dei nomi dialettali metti fra parentesi quello italiano,mica tutti sanno i dialetti :Cuscinate:

Share this post


Link to post
Share on other sites
:nono: io intendevo proprio Frassino.

Scusa ma nella tua zona sia Fraxinus ornus (Orniello) che Fraxinus oxycarpa (Frassino meridionale) non vengono chiamati Linnarbu?

:hands49:

:) Gianni

 

Con linnarbu (che letteralmente significa dal legno bianco), in alcune zone della Sardegna, si indica sia il frassino che il pioppo (indifferentemente dalle relative specie), purtroppo, soprattutto con i nomi delle piante qui si fa molta confusione, meno male esistono i nomi scientifici! Nel nuorese il pioppo (in generale) lo chiamiamo ostiarvu (Barbagia) o astiarvore (Baronia), mentre l'acero (A. monspessulanum!) 'osti, costike, a Siniscola lo si chiama anche murikessa, nome con cui viene denominato anche il gelso (Morus alba), che venne introdotto anche in Sardegna per l'allevamento del baco da seta, c'è quindi da presupporre che questo nome locale sia da riferirsi più all'acero che al gelso: poiché però l'acero cresce solo sul Monte Albo, nella zona di Siniscola, per molti è una specie ignota (in tanti lo confondono addiritura col leccio!), quindi i più pensano che murikessa sia effettivamente il solo gelso! A Lula l'acero minore lo chiamano, invece, linnu malu, in riferimento alla non facile lavorabilità del legno (in zone impervie come il Monte Albo il legno risulta essere assai nodoso).

:hands49: GB

Share this post


Link to post
Share on other sites
:nono: io intendevo proprio Frassino.

Scusa ma nella tua zona sia Fraxinus ornus (Orniello) che Fraxinus oxycarpa (Frassino meridionale) non vengono chiamati Linnarbu?

:hands49:

:) Gianni

Con linnarbu (che letteralmente significa dal legno bianco), in alcune zone della Sardegna, si indica sia il frassino che il pioppo (indifferentemente dalle relative specie), purtroppo, soprattutto con i nomi delle piante qui si fa molta confusione, meno male esistono i nomi scientifici! Nel nuorese il pioppo (in generale) lo chiamiamo ostiarvu (Barbagia) o astiarvore (Baronia), mentre l'acero (A. monspessulanum!) 'osti, costike, a Siniscola lo si chiama anche murikessa, nome con cui viene denominato anche il gelso (Morus alba), che venne introdotto anche in Sardegna per l'allevamento del baco da seta, c'è quindi da presupporre che questo nome locale sia da riferirsi più all'acero che al gelso: poiché però l'acero cresce solo sul Monte Albo, nella zona di Siniscola, per molti è una specie ignota (in tanti lo confondono addiritura col leccio!), quindi i più pensano che murikessa sia effettivamente il solo gelso! A Lula l'acero minore lo chiamano, invece, linnu malu, in riferimento alla non facile lavorabilità del legno (in zone impervie come il Monte Albo il legno risulta essere assai nodoso).

:hands49: GB

Comunque,

non è ostiarvu = pioppo

non è ostia = (A. monspessulanum!)

non è muriqessa = (Morus alba) un tenpo, forse, molto più diffuso

rimangono acero e frassino

 

Mai sentito linnarbu ma mi informerò.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Con linnarbu (che letteralmente significa dal legno bianco), in alcune zone della Sardegna, si indica sia il frassino che il pioppo (indifferentemente dalle relative specie), purtroppo, soprattutto con i nomi delle piante qui si fa molta confusione, meno male esistono i nomi scientifici! Nel nuorese il pioppo (in generale) lo chiamiamo ostiarvu (Barbagia) o astiarvore (Baronia), mentre l'acero (A. monspessulanum!) 'osti, costike, a Siniscola lo si chiama anche murikessa, nome con cui viene denominato anche il gelso (Morus alba), che venne introdotto anche in Sardegna per l'allevamento del baco da seta, c'è quindi da presupporre che questo nome locale sia da riferirsi più all'acero che al gelso: poiché però l'acero cresce solo sul Monte Albo, nella zona di Siniscola, per molti è una specie ignota (in tanti lo confondono addiritura col leccio!), quindi i più pensano che murikessa sia effettivamente il solo gelso! A Lula l'acero minore lo chiamano, invece, linnu malu, in riferimento alla non facile lavorabilità del legno (in zone impervie come il Monte Albo il legno risulta essere assai nodoso).

:hands49: GB

 

Beh! Mi dimentico sempre qualcosa, almeno qui a Siniscola il frassino (qui vegeta sia F. ornus che F. angustifolius subsp. oxycarpa) viene denominato vrassu.

Di nuovo :bye: GB

Share this post


Link to post
Share on other sites
:nono: io intendevo proprio Frassino.

Scusa ma nella tua zona sia Fraxinus ornus (Orniello) che Fraxinus oxycarpa (Frassino meridionale) non vengono chiamati Linnarbu?

:hands49:

:) Gianni

Con linnarbu (che letteralmente significa dal legno bianco), in alcune zone della Sardegna, si indica sia il frassino che il pioppo (indifferentemente dalle relative specie), purtroppo, soprattutto con i nomi delle piante qui si fa molta confusione, meno male esistono i nomi scientifici! Nel nuorese il pioppo (in generale) lo chiamiamo ostiarvu (Barbagia) o astiarvore (Baronia), mentre l'acero (A. monspessulanum!) 'osti, costike, a Siniscola lo si chiama anche murikessa, nome con cui viene denominato anche il gelso (Morus alba), che venne introdotto anche in Sardegna per l'allevamento del baco da seta, c'è quindi da presupporre che questo nome locale sia da riferirsi più all'acero che al gelso: poiché però l'acero cresce solo sul Monte Albo, nella zona di Siniscola, per molti è una specie ignota (in tanti lo confondono addiritura col leccio!), quindi i più pensano che murikessa sia effettivamente il solo gelso! A Lula l'acero minore lo chiamano, invece, linnu malu, in riferimento alla non facile lavorabilità del legno (in zone impervie come il Monte Albo il legno risulta essere assai nodoso).

:hands49: GB

Comunque,

non è ostiarvu = pioppo

non è ostia = (A. monspessulanum!)

non è muriqessa = (Morus alba) un tenpo, forse, molto più diffuso

rimangono acero e frassino

 

Mai sentito linnarbu ma mi informerò.

 

Ciao Lido',

ciò che ho detto era solo in riferimento ai nomi delle specie che avete citato nella discussione, sul tuo alberello non azzardo alcuna ipotesi, posso solo dirti che non escluderei che possa trattarsi di qualche genere di frassino, ma senza altri indizi potrebbe essere qualsiasi cosa, anche perchè, essendo cresciuta in ambiente cittadino potrebbe essere anche una specie non autoctona!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciauuuu a tutta la compagnia....

Marikù, il problema è che tu non hai voluto mai studiare le lingue, al contrario di me.... :whistling:

Comunque, se alla prossima mi offri il pranzetto... ti mostro il mio serbatoio di botanica sarda:

http://www.montelinas.it/florasarda/031-frassino.htm

Clicca una pianta qualsiasi e ti apparirà "tutto, anche le parolacce :rolleyes: "

Manco a farlo apposta è il monte tanto caro a Gibì....

:tease:

Gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciauuuu a tutta la compagnia....

Marikù, il problema è che tu non hai voluto mai studiare le lingue, al contrario di me.... :whistling:

Comunque, se alla prossima mi offri il pranzetto... ti mostro il mio serbatoio di botanica sarda:

http://www.montelinas.it/florasarda/031-frassino.htm

Clicca una pianta qualsiasi e ti apparirà "tutto, anche le parolacce :rolleyes: "

Manco a farlo apposta è il monte tanto caro a Gibì....

:tease:

Gianni

 

Ciauuuu, Titus Sardous! :thumbup:

Conoscevo già il sito che hai linkato, ma non avevo mai visto le schede degli alberi (mi affascinano più le piante basse, anche perché con la vista non arrivo a vedere bene parti dell'albero che stanno un po' in alto, mentre con le erbe basta abbassarmi un pochino....); al M. Linas non ci sono mai andato, perché sta praticamente all'estremità opposta della Sardegna, ma mi piacerebbe tanto farci qualche bella visitina, lassù vegetano specie che farebbero gola a qualsiasi appassionato di botanica, cito, fra tutte, l'Helichrysum montelinasanum Schmid, per ora esclusiva di questa montagna!

:bye: GB

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh! Mi dimentico sempre qualcosa, almeno qui a Siniscola il frassino (qui vegeta sia F. ornus che F. angustifolius subsp. oxycarpa) viene denominato vrassu.

Di nuovo :bye: GB

 

Questo, non mi è nuovo :rasta4ui: ma lo darei a storto, come fatto in precedenza.

Per dritto, invece, insisto con l' acero.

Se è di importazione, si è ambientata bene! In una qodina ventosa , fredda d'inverno e secca d'estate: terra sterile, anche le specie più rustiche, sono morte.

 

PS: io vi avrei messo pirasru, qalavriqe, mimieri............. :smartass:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciauuuu a tutta la compagnia....

Marikù, il problema è che tu non hai voluto mai studiare le lingue, al contrario di me.... :whistling:

Comunque, se alla prossima mi offri il pranzetto... ti mostro il mio serbatoio di botanica sarda:

http://www.montelinas.it/florasarda/031-frassino.htm

Clicca una pianta qualsiasi e ti apparirà "tutto, anche le parolacce :rolleyes: "

Manco a farlo apposta è il monte tanto caro a Gibì....

:tease:

Gianni

Gianni le parolacce sono l'unica cosa che conosco in sardo visto che qui a Savona la comunità è molto numerosa :194:

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information