Jump to content
Sign in to follow this  
Gruppo Botanico AMINT

Cistus albidus L.

Recommended Posts

Cistus albidus L.

Sinonimi
Anthelis albidus (L.) Raf.
Cistus chevalieri Sennen
Cistus lloverae Sennen
Cistus bernardii Sennen
Cistus eulaliae Sennen
Cistus fremiotii Sennen
Cistus pascalis Sennen
Cistus tomentosus Lam.

Tassonomia
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Dicotyledonae
Ordine: Violales
Famiglia: Cistaceae

Nomi italiano
Cisto biancastro, Cisto a foglie sessili
Nomi locali: Mudregu, Mudecru, Mutrecu (Sardegna)

Etimologia
Cistus dal nome greco Kistos e Kìsthos = pianta cespugliosa; albidus = biancastro: termine di origine latina che fa, evidentemente, riferimento ai giovani germogli ed alle foglie, la cui folta pelosità tende appunto al biancastro. Taluni fanno risalire l'origine del termine Cistus dal greco Kistò che significa scatoletta, per la peculiarità che ha la capsula di aprirsi improvvisamente, di scatto, per liberare i semi contenuti al proprio interno.

Descrizione
Arbusto sempreverde, tomentoso e vischioso, che generalmente non supera il metro di altezza, ma che talvolta può raggiungere ed oltrepassare il metro e mezzo; il fusto è legnoso provvisto di corteccia che si stacca in strisce più o meno longitudinali; i rametti giovani sono di colore bianco-bruniccio con pelosità stellata, a volte con peli semplici soprattutto ai nodi.

Foglie
Le foglie, opposte e di colore verde biancastro, sono sessili, semi-amplessicauli, con margine leggermente revoluto-ondulato e con densa pelosità stellata sia sulla pagina superiore che su quella inferiore; sulla pagina superiore possono essere presenti anche peli semplici; la pagina inferiore è a nervatura reticolato-rilevata; spesso, oltre quello centrale, 2(-4) nervi sono più rilevati rispetto agli altri e, nella pagina superiore, appaiono come solchi quasi paralleli al nervo mediano stesso.

Fiori
Inflorescenze in cime terminali portanti da 3 a 8 fiori, sorretti da lunghi peduncoli privi di brattee involucrali.
Il calice, pentamero con sepali da ovati a ovato-lanceolati, possiede un apice acuminato e tomentosità stellata; i petali sono rosei, raramente tendenti al bianco, con stami numerosi e ineguali, ovario con villosità sericea e stigma globoso, all’incirca della stessa altezza degli stami.

Frutti
Il frutto consiste in una capsula subconica, pelosa, avvolta dal calice, che si apre in 5 valve e contenente numerosi piccoli semi di colore bruno-giallastro.

Periodo di fioritura
La fioritura va da Aprile, alle quote più basse, fino a Giugno per quelle più elevate.

Territorio di crescita
Presente in Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Lazio, Abruzzo e Sardegna, da 0 a 1300 metri s.l.m.

post-3243-0-78014500-1463316242.jpg


Habitat Lo si può trovare nel sottobosco in zone ben esposte, aride e su terreni rocciosi, soprattutto nella macchia mediterranea.

Somiglianze e varietà
Potenzialmente possono essere confusi con C. albidus tutti gli Eritrocisti (cisti con corolla di color rosaceo), che in Italia sono rappresentati, a parte la specie in questione, da:
- Cistus creticus L. subsp. corsicus (Loisel.) Greuter et Burdet (in Italia presente solo in Sardegna).
- Cistus creticus L. subsp. creticus (presente in Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna).
- Cistus creticus L. subsp. eriocephalus (Viv.) Greuter et Burdet (la specie meglio rappresentata nel nostro Paese; manca in Friuli-Venezia-Giulia, Trentino-Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Val d'Aosta).
- Cistus crispus L. (la cui presenza è certa solo in Sicilia e Liguria, e dubbia nel Lazio).
- Cistus parviflorus Lam. (presenza certa solo in Sicilia, dubbia in Puglia)http://www.funghiitaliani.it/index.php?showtopic=46746&st=0#
Si riconoscono tutti abbastanza facilmente da C. albidus soprattutto perché quest'ultimo è l'unico ad avere foglie sessili.

Specie protetta
Il C. albidus compare nell'elenco delle specie a protezione assoluta della L. R. n. 32 del 02/11/1982 della Regione Piemonte, limitatamente alla provincia di Cuneo.
Compare inoltre nell' elenco dell'allegato A della L. R. n. 56 del 06/04/2000 della Regione Toscana, tra le specie di interesse regionale la cui cui conservazione può richiedere la designazione di SIR delle zone in cui è presente.


Costituenti chimici
Contiene rutina e acido gallico.
Alcuni cisti contengono il ladano, una resina astringente e stimolante nervina, usata anche in profumeria. Probabilmente anche C. albidus contiene questa resina.

Uso Alimentare
Non esiste uso alimentare umano delle specie di Cistus ed anche gli animali lo evitano accuratamente.

Uso Cosmetologico
Il ladano viene usato in profumeria, e nella cura della forfora e dell’acne giovanile.

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

Medicina alternativa e Curiosità
Le parti aeree dei cisti, e in particolar modo le foglie, contenenti essenze dall'azione antisettica, venivano impiegate nella cura di ferite, piaghe o infiammazioni della pelle.
Efficaci anche nelle affezioni delle prime vie respiratorie e nelle carenze di vitamina C e D.

Note
Il Cisto è una pianta aromatica ed il periodo balsamico lo si ha durante l’antesi, quando diventa abbastanza vischiosa; il profumo è piacevole e viene liberato per contatto o per il movimento indotto dal vento, o anche per contatto con l’acqua, durante o subito dopo le piogge.
La germinazione dei semi, come per altre specie congeneri, viene stimolata dalle alte temperature, per cui è una delle tipiche piante che per prime ricolonizzano i luoghi devastati dagli incendi; infatti il calore rompe i tegumenti e facilita l’assorbimento di acqua, a vantaggio della germinazione dei numerosissimi semi.
Il suo legno, fortemente infiammabile, viene utilizzato per favorire l'accensione e la combustione del fuoco nel focolaio.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Gian Battista e Giovanni Baruffa - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Link utili
Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

Cistus albidus L. - Foto di Gian Battista

post-656-1209595767.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information