Jump to content

Ophrys scolopax subsp. santonica (J.M. Mathè & Melki) R. Engel & Quentin


Recommended Posts

Ophrys scolopax subsp. santonica (J.M. Mathè & Melki) R. Engel & Quentin

Sinonimi
Ophrys santonica J. M. Mathé & Melki

Tassonomia
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Orchidales
Famiglia: Orchidaceae

Nome italiano
Ofride di Saintonge

Etimologia
Il nome del genere deriva dal greco ophrys =sopracciglio, forse perchè questo tipo di fiore veniva utilizzato per ricavare tinture per capelli e sopracciglia o, forse, per la forma dei tepali interni, simili appunto a sopracciglia.
Il nome specifico dal latino scolopax = beccaccia, con riferimento alla forma del ginostemio.
Il nome subspeciico in riferimento alla regione francese Charente, il cui antico nome latino era Saintonge e che è la località dei primi ritrovamenti.

Descrizione
Pianta slanciata, alta fino a 60 cm.

Foglie
Foglie lanceolate, spesso già scomparse al momento dell'antesi.

Fiori
Infioresecnza portante 5-15 piccoli fiori; sepali generalmente rosei, di forma ovata, carenati, il mediano ricurvo sul ginostemio; petali triangolari, vellutati, dello stesso colore dei sepali o poco più scuri. Labello da suborizzontale a pendulo, trilobato, assai convesso e nettamente scolopaxoide, vellutato e bruno rossastro al centro, a volte con un bordo giallastro e glabro, con pelosità labellare submarginale pallida, munito di due gibbosità coniche e acute. Macula di forma varia, abbastanza estesa, grigio violacea, listata di biancastro. Appendice importante, giallo verdastra, diretta in avanti. Cavità stigmatica relativamente grande; ginostemio a becco appuntito.

Tipo corologico
Endem.

Periodo di fioritura
Giugno Luglio.

Territorio di crescita
Nel nostro paese è presente in alcune zone molto localizzate della Liguria e del Piemonte.

post-4431-0-41754100-1392484080.jpg

Habitat
Su terreno calcareo, prati, pascoli, garrighe, fino a 900 mt.

Somiglianze e varietà
Si differenzia dalle altre subspecie di Ophyrs scolopax presenti nel nostro paese principalmente per la fioritura tardiva e per il territorio di crescita. Quest'ultimo lo condvide con la Ophrys scolopax subsp. cornuta (Steven) E. G. Camus che si distingue per i lobi laterali tipicamente a forma di lunghe corna.

Note
L'impollinazione è entomofila, ad opera di Imenotteri della famiglia Apidae.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Annamari Bononcini e Gianni Bonini - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information