Jump to content
Sign in to follow this  
Gruppo Botanico AMINT

Orchis mascula subsp. speciosa (Mutel) Hegi

Recommended Posts

Orchis mascula subsp. speciosa (Mutel) Hegi

Sinonimi
Orchis mascula var. speciosa Mutel
Orchis ovalis F.W. Schmidt
Orchis signifera Vest.
Orchis mascula subsp. signifera (Vest) Soò.

Tassonomia
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Orchidales
Famiglia: Orchidaceae

Nome italiano
Orchide maschia speciosa

Etimologia
l nome del genere deriva dal greco orchis = testicolo per i suoi tuberi che ricordano gli organi seminali maschili.
Il nome specifico deriva dal latino masculus = maschio, forte, prestante per le dimensioni ed il suo portamento.
Il nome subspecifico dall'aggettivo latino speciosus = magnifico, appariscente, in probabile riferimento ai grandi fiori.

Descrizione
Pianta dall'aspetto robusto alta 20-60 cm, con fusto soffuso di brunastro nella parte superiore.

Foglie
Foglie basali oblungo-lanceolate, verdine, lucide, spesso con base punteggiata o striata di porpora; le caulinari guainanti; brattee membranacee soffuse di violetto,

Fiori
Numerosi fiori grandi, di colore variabile dal rosa al rosso porporino scuro; sepali e petali lunghi e acuminati, ad apice acuto, curvati verso l'altro; sepali laterali distesi orizzontalmente in avanti; sepalo dorsale e petali conniventi a formare un casco campanulato. Labello trilobo, a margini ondulati e crenulati, col lobo centrale più lungo dei laterali; sperone dritto, spesso, cilindrico, più o meno grande come il labello.

Tipo corologico
L'areale non è del tutto noto, probabilmente medio-europeo orientale. Nel nostro paese individui con le caratteristiche descritte sono stati segnalati sulle Alpi e nell'Italia Centrale.

Periodo di fioritura
Da Aprile a Luglio.

Territorio di crescita
Alpi occidentali e Italia centrale

post-4431-0-53416200-1329564076.jpg

Habitat
Prati aridi e umidi, margine del bosco, prevalentemente su suoli calcarei, fino a 2500 mt.

Somiglianze e varietà
Differisce dalla specie tipo Orchis mascula subsp. mascula (L.) L., per le foglie basali che nella subsp. mascula sono decorate da macchie rosso brune o, raramente, verdi, per i fiori più grandi, i sepali laterali acuminati e più lunghi, per il lobo centrale del labello nettamente più lungo dei laterali e per lo sperone più grande dell'ovario. Il valore tassonomico degli esemplari rinvenuti nel nostro paese è tuttavia dubbio, per la facile confusione con la specie tipo e per la presenza di piante con caratteri intermedi.

Note
L'impollinazione è entomofila, ad opera di imenotteri.


Scheda di proprietà AMINT realizzata da Annamaria Bononcini e Gianni Bonini - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information