Jump to content

Recommended Posts

Lactarius salicis-herbaceae Kühner

Tassonomia

Divisione Basidiomycota

Classe Basidiomycetes

Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Foto, Descrizioni e Microscopia

Ritrovamento a Passo Gavia, 2560 m s.l.m., prateria alpina con cospicua presenza di Salix herbaceae su suolo acido.

Altro abitante delle alte quote. Appartiene alla sottosezione Aspideini ed è strettamente legato al Salix-herbacea come indicato dal suo epiteto. Le caratteristcihe fondamentali di questa specie sono le piccole dimensioni, le colorazioni giallo-paglierine, il portamento simile a quello di una piccola Russula e le lamelle giallognolo chiare.

Nel medesimo ambiente alpino è possibile reperire anche Lactarius dryadophilus e Lactarius salicis-reticulateae anche se prevalentemente su suoli calcarei in quanto si tratta di specie più legate alla Dryas octopetala (il primo) e al Salix reticulatae (il secondo).

Regione Lombardia; Settembre 2012; Foto, descrizione e microscopia di Massimo Mantovani.

post-735-0-88751700-1350840696.jpg

Particolare degli imenofori in cui si mostra il viraggio al violetto, tipico di tutti gli Uvidi.

post-735-0-93903100-1350840784.jpg

Microscopia

Sul filo lamellare sono presenti numerosi Macrocheilocistidi (in alto a sinistra nell'immagine), non molto emergenti. Quelli osservati misurano tra i 50-70 μm di lunghezza, sono subfusiformi e presentano spesso l'estremità strangolata. I Macropleurocistidi (in basso a sinstra) sono simili per forma ma sono un po' più grandi. Le spore misurano 8,5- 9,5 × 6,5-8 μm e sono caratterizzate da creste che formano un reticolo incompleto.

post-735-0-98831400-1350840880.jpg

Filo lamellare in cui si evidenziano la presenza di un Cheilocistidio e di un basidio.

post-735-0-22630900-1350841403.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information