Jump to content

Recommended Posts

Tricholoma viridilutescens  M.M. Moser 1978

Tassonomia
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales 
Famiglia Tricholomataceae 
Genere Tricholoma 
Sezione Equestria 
Sottosezione Parafucata

Sinonimi
Non sono conosciuti sinonimi per questa specie.

Etimologia
Tricholoma: dal greco τριχός, ἡ (trichos) = capello, pelo, per la struttura della cuticola. 
L’epiteto specifico viridilutescens, è formato dal latino vírido = io sono verde, e da lútesco = io divengo giallo, per il colore del carpoforo. 

Cappello
Si presenta con aspetto robusto, da 5 a 6 cm di diametro, di forma inizialmente conico-campanulata, poi convesso-appianata, con pronunciato umbone ottuso, glabro; margine lobato, ondulato, tendenzialmente involuto. La cuticola ha un colore di fondo giallo-verdastro, poi bruno oliva, con centro nero, coperto da marcate fibrille in senso radiale. Al bordo prevale la tinta giallo-verdastra, a volte nella parte mediana sono presenti sfumature bruno-oliva-fulvastre, al centro bruno-nerastre.

Imenoforo
Lamelle moderatamente fitte, smarginato-adnate, sinuose, con presenza di lamellule di diversa lunghezza, di colore bianco, gialle al margine del cappello. Il filo è irregolare, ondulato, dentellato, eroso.

Gambo
Cilindrico, robusto, carnoso, leggermente rastremato e ricurvo verso la base, talvolta anche clavato, pieno, poi fistoloso. Di colore bianco con sfumature giallastre.

Carne
Biancastra, talora leggermente ingiallente. Odore non caratteristico, non farinoso. Sapore gradevole.

Habitat
Cresce in autunno in boschi di conifera, Pinus e Picea, anche frammisti a  Faggio o Betulla.

Commestibilità e Tossicità
Non accertata.

Microscopia
Spore subglobose, largamente ellissoidali, 6,2-7,8 × 5,1-6,4 µm; Q = 1,1-1,4, Qm = 1,3, lisce, con apicolo poco pronunciato, alcune con grossa guttula centrale.
Basidi tetrasporici, banali.
GAF non osservati.

Somiglianze e Varietà
Tricholoma sejunctum  (Sowerby : Fr.) Quél., abbastanza simile per portamento, si separa per la crescita nei boschi di latifoglia e per le tinte più diluite, sul giallastro, odore farinoso, la sua varietà coniferarum Bon, condivide l’habitat di abetaia, ma la cuticola è di colore giallo-citrino, giallo-arancio e non è fibrillosa, il gambo è sfumato di rosa alla base.       
Tricholoma luridum (Schaeff. : Fr.) P. Kumm., si separa per il cappello verde-grigiastro molto scuro, le lamelle grigie e le spore di dimensione maggiore.

Bibliografia
RIVA, A., 1988. Tricholoma (Fr.) Staude. Fungi Europæi. Vol. 3.
RIVA, A., 2003. Tricholoma (Fr.) Staude Supplemento. Fungi Europaei. Vol. 3A.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti e Tomaso Lezzi  - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


Regione Abruzzo; Ottobre 2018; Foto di Mario Iannotti.

Tricholoma-viridilutescens-9637_39_2018_TL.jpg

Regione Abruzzo; Ottobre 2018; Foto di Tomaso Lezzi.

Tricholoma viridilutescens 05.jpg

Regione Abruzzo; Ottobre 2018; Foto di Mario Iannotti.

Basidi e spore. Osservazione in Rosso Congo, 400×.

Tricholoma-viridilutescens-basidi-03_400.jpg

Basidi e spore. Osservazione in Rosso Congo, 1000×.

Tricholoma-viridilutescens-basidi-04_1000.jpg

Tricholoma-viridilutescens-basidi-07_1000.jpg

Tricholoma-viridilutescens-basidi-08_1000.jpg

Tricholoma-viridilutescens-basidi-09_1000.jpg

Spore. Osservazione in Rosso Congo, 1000×.

Tricholoma-viridilutescens-spore-01_1000.jpg

Tricholoma-viridilutescens-spore-13_14_1000.jpg

Tricholoma-viridilutescens-spore-15_1000.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information