Jump to content

Recommended Posts

Agaricus phaeolepidotus (F.H. Møller) F.H. Møller 1952

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Agaricus
Sottogenere Agaricus
Sezione Xanthodermatei

Sinonimi
Psalliota phaeolepidota F.H. Møller. 1952
Agaricus perdicinus Pilát 1953

Etimologia
Phaeolepidotus, a, um: con il cappello ricoperto da squame scure; deriva dalla combinazione di tre parole greche: “φαιός phaiós” oscuro, “λεπίς lepìs” squama e “οὖς, ωτόϛ oús, otós” orecchio, dell’orecchio.

Cappello
Di medie-grandi dimensioni, inizialmente è emisferico, con la crescita progressivamente diventa campanulato e poi convesso, con il centro spianato e il margine tronco, smussato tende quindi ad assumere la classica forma trapeziodale, un po’ tipica delle specie della Sezione Xanthodermadei. La cuticola è di colore bruno-fulvastro, dissociata in squame appressate a partire dal margine verso il centro, con andamento concentrico, che lasciano intravedere la carne sottostante biancastra, mentre il centro resta più compatto ed omogeneo.

Lamelle
Abbastanza fitte, libere al gambo, strette, spesse, grigio-biancastre, poi rosate, infine bruno-porpora, intercalate da lamellule di varie dimensioni.

Gambo
Cilindrico, robusto, pieno ma a maturità fistoloso, glabro, liscio, di colore da bianco a ocraceo-brunastro, rastremato verso l’apice e progressivamente ingrossato verso in basso ove termina in una base bulbosa provvista di grossi cordoni miceliari. Nella parte alta è presente un anello complesso, ampio a gonnellino.

Anello
Complesso, membranoso, supero, molto appariscente a gonnellino, doppio per la presenza di una barruletta sulla faccia inferiore che, lacerandosi, conferisce un aspetto tipo “ruota dentata”. La parte superiore è liscia, quella inferiore invece è ornata da squame grossolane con bordo brunastro.

Carne
Bianca, vira al rosa tenue nella parte alta del gambo, leggermente ingiallente alla base del gambo. Odore leggero di fenolo, si percepisce con maggiore intensità alla base del gambo.

Microscopia

Spore largamente ellissoidali, di colore marrone, monoguttulate, con apicolo evidente, 4,9-5,8(6,1) × 3,1-3,8 µm, media 5,4 × 3,6 µm, Q = 1,3-1,8; Qm = 1,5, misurazioni su 32 spore da sporata.

Basidi clavati, tetrasporici.

Cheilocistidi abbondanti, polimorfi, piriformi, subpiriformi, alcuni largamente clavati, ovoidi.

Pileipellis di tipo cutis. Le ife sono cilindriche, coricate, intrecciate, ramificate, settate, con terminali rialzati arrotondati, osservati anche con forma irregolare ramificata.

GAF non osservati.

Habitat
Specie gregaria, non molto comune, cresce nei boschi di latifoglia. Il ritrovamento è avvenuto nel bosco di Macchia Grande di Manziana, essenze prevalenti Quercus cerris e in quantità minore Quercus frainetto.

Commestibilità e Tossicità
Tossico. Sindrome gastroenterica incostante.

Specie simili
Agaricus xanthodermus Genevier, ha il cappello con cuticola liscia, bianco o con sfumature grigiastre, a maturità può dissociarsi in squame concolori o brunastre, soprattutto nella parte centrale, vira al giallo al tocco o allo sfregamento, anello doppio, dissociato in ruota dentata nella faccia inferiore, odore marcato di fenolo-inchiostro, cheilocistidi subsferici.
Agaricus menieri Bon, si separa per il cappello bianco-grigiastro, se non influenzato dagli agenti atmosferici e per la crescita in luoghi molto sabbiosi, dune costiere, con crescita semi-ipogea. Dal punto di vista microscopico ha spore e cheilocistidi molto più grandi, mai multisettati.

Agaricus pseudopratensis (Bohus) Wasser si separa per il cappello a rade squame grigio-nocciola su fondo bianco, gambo cilindrico senza evidenti grossi cordoni miceliari, carne leggermente ingiallente alla base del gambo e dopo alcuni minuti virante al rosso-vinoso, odore di fenolo, anello supero membranoso, campanulato, pendulo, meno ampio ed importante che in Agaricus phaeolepidotus. Quest'ultimo aspetto è un carattere macroscopico molto importante, insieme al carattere microscopico dei cheilocistidi clavati, per separare le due specie.
Agaricus moelleri Wasser = Agaricus praeclaresquamosus A.E. Freeman, ha assunto nel tempo numerose denominazioni in base alla colorazione del cappello ed alla disposizione delle squame, oggi tutte ricondotte a sinonimi della specie tipo. Si caratterizza per il cappello con squamette scure, in contrasto con il colore bianco del fondo. Microscopicamente si distingue per avere i cheilocistidi molto abbondanti, claviformi, piriformi o sferopeduncolati, generalmente semplici, meno frequenti con un setto.

Agaricus porphyrizon P.D.Orton, specie commestibile, si distingue per la sua carne che ha uno spiccato e gradevole odore di mandorla amara, il cappello dissociato in fibrille e squame appressate di colore porpora, più fitte al centro.

Agaricus augustus Fries, facilmente riconoscibile per le sue dimensioni, spesso notevoli, per il cappello decorato da vistose squame brune su fondo bianco-giallastro, che spesso si intravedono già nei giovani esemplari, nonché per la sua tendenza a macchiarsi di giallo alla manipolazione su tutto il carpoforo, presenta inoltre un forte odore di mandorla amara ed è un ottimo commestibile.

Bibliografia
PARRA SÁNCHEZ L.A., 2013. Agaricus L. Allopsalliota Nauta & Bas. Agaricus. Fungi Europæi. Vol 1A (Parte II). Alassio (SV): Ed. Candusso.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti. Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Regione Lazio, Macchia Grande di Manziana; Novembre 2015; Foto, descrizione e microscopia di Mario Iannotti.

(Exsiccatum MI20151114-01)

post-12947-0-53966000-1448661643.jpg

post-12947-0-20127400-1448661666.jpg

Particolare della base bulbosa provvista di grossi cordoni miceliari e dell'anello doppio per la presenza di una barruletta sulla faccia inferiore che, lacerandosi, conferisce un aspetto tipo “ruota dentata”.

post-12947-0-82523800-1448661766.jpg

Microscopia

Spore largamente ellissoidali, di colore marrone, monoguttulate, con apicolo evidente, 4,9-5,8(6,1) × 3,1-3,8 µm, media 5,4 × 3,6 µm, Q = 1,3-1,8; Qm = 1,5, misurazioni su 32 spore da sporata. Osservazione in acqua a 1000×.

post-12947-0-89583000-1448661855.jpg

Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-79158500-1448661914.jpg

Basidi clavati, tetrasporici. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-67620700-1448661950.jpg

post-12947-0-57728900-1448661960.jpg

Cheilocistidi abbondanti, polimorfi, piriformi, subpiriformi, alcuni largamente clavati, ovoidi. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 400×.
 
post-12947-0-58159300-1448662010.jpg
 
In questa foto guardando le dimensioni si apprezza molto bene la differenza tra basidi e basidioli immaturi ed i cheilocistidi piriformi.
(i primi a sinistra i secondi a destra).
 
post-12947-0-64344000-1448708303.jpg
 
Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.
 
post-12947-0-98952600-1448662035.jpg
 
post-12947-0-95151600-1448662045.jpg
 
post-12947-0-60917300-1448662055.jpg
 
post-12947-0-08197200-1448708348.jpg
 
Pileipellis di tipo cutis. Le ife sono cilindriche, coricate, intrecciate, ramificate, settate, con terminali rialzati arrototondati, osservati anche con forma irregolare ramificata. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 400×.
 
post-12947-0-06352600-1448662105.jpg
 
post-12947-0-03270100-1448662140.jpg
 
Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.
 
post-12947-0-48246700-1448662163.jpg
 
post-12947-0-95267000-1448662173.jpg
Link to post
Share on other sites

Agaricus phaeolepidotus (F.H. Møller) F.H. Møller; Regione Lazio; Novembre 2014; Foto e commenti di Tomaso Lezzi.

Agaricus a appartenente al gruppo degli Xanthodermatei, che mostra leggero ingiallimento alla base del gambo e viraggio al rosa nel resto della sezione. Anello ampio, membranoso, supero, discendente; superficie inferiore dell'anello a ruota dentata.

Cheilocistidi largamente clavati, più grandi dei basidi e quindi facilmente individuabili. Spore ellissoidali, con apicolo evidente.

post-36492-0-23455100-1458395324.jpg

Arrossamento del cappello a maturità.

post-36492-0-63396700-1458395344.jpg

Anello ampio, membranoso, supero, discendente.

post-36492-0-02457200-1458395361.jpg

Superficie inferiore dell'anello a ruota dentata.

post-36492-0-35067900-1458395379.jpg

Sezione che mostra un viraggio al giallo alla base e al rosso nella parte alta.

post-36492-0-73253300-1458395394.jpg

Cheilocistidi largamente clavati, più grandi dei basidi e quindi facilmente individuabili. 400×.

post-36492-0-43336000-1458395637.jpg

post-36492-0-39703900-1458395656.jpg

post-36492-0-00143600-1458395669.jpg

Cheilocistidi. 1000×.

post-36492-0-31566100-1458395684.jpg

Spore ellissoidali, con apicolo evidente. 1000×.

post-36492-0-92286400-1458395700.jpg

post-36492-0-87147600-1458395711.jpg

Link to post
Share on other sites

Agaricus phaeolepidotus (F.H. Møller) F.H. MøllerRegione Lazio; Novembre 2018; Foto di Tomaso Lezzi.

Agaricus poco comune, con odore di fenolo meno intenso e ingiallimento meno forte che in Agaricus xanthodermus, è simile a Agaricus freirei, e se ne distingue per un arrossamento più forte, un anello con ruota dentata con lamina lineare scura concolore al cappello, posizionato a metà strada tra il margine pileico e il gambo, cappello color caffelatte, a volte con evidenti arrossamenti.

Primordio.

Agaricus phaeolepidotus 06.jpg

Adulti, con evidente arrossamento del cappello.

Agaricus phaeolepidotus 04.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information