Jump to content

Recommended Posts

Tarzetta catinus (Holmsk.) Korf & J.K. Rogers

Tassonomia
Divisione Ascomycota
Classe Pezizomycetes
Ordine Pezizales
Famiglia Pyronemataceae

Nome italiano
Non risultano nomi volgari per questa specie.

Etimologia
Dal latino catinus = bacino, catino, per la sua forma.

Sinonimi
Acetabula albida (Gillet) Sacc.
Aleuria catinus (Holmsk.) Gillet.
Galactinia pustulata (Hedw.) Boud.
Geopyxis catinus (Holmsk.) Sacc.
Octospora pustulata Hedw.
Peziza ochracea Boud.
Peziza catinus Holmsk.
Peziza sphacelata subsp. catinus (Holmsk.) Pers.
Pustularia catinus (Holmsk.) Fuckel.
Scodellina pustulata (Hedw.) Gray.

Ascoma
Apotecio di 2-5(6) cm di diametro a forma di tazza provvisto di un rudimentale gambo più o meno pronunciato. La superficie esterna è di colore ocra pallido, ricoperta da piccole pustule di colore biancastro nel fungo giovane, imbrunenti a maturazione o per manipolazione, il margine è dentellato o leggermente fessurato. La superficie interna (imenio), appare liscia o leggermente pruinosa (lente), di colore avorio con sfumature grigiastre. La carne è relativamente spessa, abbastanza fragile, di colore ocra scuro, odore sgradevole e sapore non significativo.

Microscopia
Spore 19-22 × 11-13,5 µm, Q medio = 1,75, uniseriate nell’asco, ialine, ellissoidali, inizialmente biguttulate, spesso pluriguttulate a maturazione. Aschi 300-350 × 10-14 µm, con base allugata, reazione negativa con Melzer o Lugol.
Parafisi cilindriche, filiformi, settate, lobate e diverticolate all’apice.
Excipulum medullare a textura epidermodea-intricata.
Excipulum ectale a textura globosa-augularis con ife terminali spesso concatenate.

Habitat
Specie terricola, fruttifica specialmente in primavera inoltrata, dalla pianura alla media montagna, prediligendo i boschi di latifoglia.

Osservazioni
Le raccolte fino ad ora studiate, sia in habitat prettamente planiziale che in habitat submontano, hanno sempre evidenziato dimensioni e caratteri microscopici attribuibili a Tarzetta catinus (Holmsk.) Korf & J.K. Rogers, per questo motivo i caratteri delle altre specie qui trattate sono state prese dalla letteratura specializzata. Rimane quindi da verificare se le dimensioni, le colorazioni dell’ascoma, le dimensioni sporali e la morfologia delle parafisi siano elementi stabili e sufficienti per la separazione da Tarzetta cupularis (L.) Svrček, oppure siano da ricondurre a una variante ecologica della stessa entità, dubbi che solo una futura indagine dei caratteri genetici potrà sciogliere definitivamente.

Commestibilità e tossicità
Non commestibile.

Somiglianze e varietà
La specie più vicina è Tarzetta cupularis (L.) Svrček, si distingue macroscopicamente per le dimensioni più minute (1-2 cm di diametro) e lo stipite meno pronunciato (substipitato), apotecio con colorazioni più tendenti al grigiastro, microscopicamente per le spore più corte e più larghe (18-20 × 13-15 µm) e per le parafisi cilindriche appena allargate all’apice. Rhodotarzetta rosea (Rea) Dissing & Sivertsen si riconosce agevolmente sul campo per le colorazioni rosate e per l’habitat carbonicolo. Tarzetta gaillardiana (Boud.) Korf & J.K. Rogers fruttifica su terreni generalmente sabbiosi e presenta colorazioni grigio-brunastre con sfumature rosa-arancio, inoltre microscopicamente presenta spore che possono arrivare fino a 28 µm.

Bibliografia
AA.VV., 2000. Nordic Macromycetes. Ascomycetes. Flora Agaricina Neerlandica. Vol. 1. Ed. Nordsvamp.
PHILLIPS, W.,K., 1893. Manual of the British Discomycetes with descriptions of all the species of fungi hitherto found in Britain, included in the family and illustrations of the genera. Published by K. Paul, Trench, Trübner. London .
SEAVER, F.J., 1942. The North American Cup-fungi (Operculates). New York: Ed. Seaver F.J..

Fonti internet
ASCOFRANCE.FR. Tarzetta catinus. Ascofrance.fr. Site dédié aux ascomycota. [Data di accesso: 16/06/2011].
KUO, M., 2007. Tarzetta catinus. Mushroomexpert.com. [Data di accesso: 16/06/2011].
LANDRY, J., 2002. Tarzetta catinus. Mycoquebec.org. Les champignons du Québec. [Data di accesso: 16/06/2011].

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Massimo Biraghi - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


Tarzetta catinus (Holmsk.) Korf & J.K. Rogers; Regione Lombardia, Filago (BG), in parco pubblico sotto un filare di Carpino e Quercia sp.; Foto di Massimo Biraghi.

post-2286-0-42702800-1307687905.jpg

post-2286-0-73335500-1307689016.jpg

post-2286-0-19141400-1307689034.jpgpost-2286-0-93254200-1307689043.jpg
post-2286-0-09587900-1307689056.jpgpost-2286-0-39610500-1307689072.jpg

Microscopia
Spore (18,5)19-21(22) × (10,5) 11-13(13,5) µm, Q medio = 1,75, uniseriate nell’asco, ialine, ellissoidali, inizialmente biguttulate, spesso pluriguttulate a maturazione.
Osservazione in Melzer 400×.

post-2286-0-03843500-1307690583.jpg

Osservazione in Melzer 1000×.

post-2286-0-34922000-1307690665.jpg

Osservazione in Rosso Congo 400×.

post-2286-0-38180000-1307690727.jpg

Osservazione in Rosso Congo 1000×.

post-2286-0-21442000-1307690770.jpg

Osservazione in Lugol 1000×.

post-2286-0-36938400-1307690830.jpg

post-2286-0-93158500-1307690852.jpgpost-2286-0-49520000-1307690866.jpg

Aschi 300-350 × 10-14 µm, con base allugata, reazione negativa con Melzer e Lugol.
Visione della palizzata imeniale.

post-2286-0-85656700-1307691449.jpg

post-2286-0-94548000-1307691466.jpg

Parafisi cilindriche, filiformi, settate, lobate e diverticolate all’apice.

post-2286-0-61571500-1307691504.jpg

post-2286-0-25253400-1307691519.jpg

Excipulum medullare a textura epidermodea-intricata, excipulum ectale a textura globosa-augularis con ife terminali spesso concatenate.

post-2286-0-32726700-1307691970.jpg

Excipulum medullare 1000×.

post-2286-0-30571300-1307692015.jpg

Excipulum ectale 1000×.

post-2286-0-33021600-1307692099.jpg

Excipulum ectale, ife terminali concatenate 1000×.

post-2286-0-23036200-1307692170.jpg

Link to post
Share on other sites

Tarzetta catinus (Holmsk.) Korf & J.K. Rogers; Regione Lombardia; Maggio 2012; Foto, commento e microscopia di Massimo Biraghi.

Ritrovamento nella Bassa Pianura Bergamasca, località Pagazzano, sotto Quercus robur.
Le dimensioni che possono raggiungere 4 cm di diametro, lo stipite ben pronunciato, le parafisi diverticolate all'apice, sono elementi utili per la determinazione.

post-2286-0-88796500-1336346493.jpg

post-2286-0-46152800-1336346516.jpg

post-2286-0-25184500-1336346535.jpg

Microscopia
Parafisi diverticolate all'apice.

post-2286-0-89863900-1336346677.jpg

Link to post
Share on other sites

Tarzetta catinus (Holmsk.) Korf & J.K. Rogers

Nella boscaglia lungo il fiume Tescio (Assisi)

Apotecio da 2 fino a 4 cm a forma di coppa munito di un grossolano gambo. Superficie esterna di colore ocra chiaro, con verruche e margine nettamente dentellato. L'imenio è di colore bianco avorio. Spore ellissoidali all'inizio biguttulate 18,9-23,4 × 12-15 µm, Qm= 1,6. Aschi 290-330 × 13-165 µm. Parafisi cilindriche e settate.

post-2993-0-07150900-1417448394.jpg

post-2993-0-44914700-1417448408.jpg

Il margine dentellato.

post-2993-0-69362200-1417448480.jpg

Particolare delle pustule.

post-2993-0-52091100-1417448506.jpg

Spore ellissoidali all'inizio biguttulate 18,9-23,4 × 12-15 µm, Qm= 1,6. Aschi 290-330 × 13-16 µm. Osservazione 1000× in Blu cotone in acido lattico.

post-2993-0-34515700-1417448669.jpg

Esame microscopico 1000× in Melzer: reazione negativa.

post-2993-0-25416000-1415020919.jpg

Esame microscopico 1000× in Rosso Congo: spore ellissoidali all'inizio biguttulate 18,9-23,4 × 12-15 µm, Qm= 1,6. Aschi 290-330 × 13-16 µm.

post-2993-0-78140300-1415020950.jpg

Link to post
Share on other sites
  • 3 years later...
×
×
  • Create New...

Important Information