Jump to content
Sign in to follow this  
Gruppo Botanico AMINT

Scilla bifolia L.

Recommended Posts

Scilla bifolia L.

 

 

Sinonimi

Scilla subtriphylla Schur

Scilla bifolia L. subsp. bifolia var. nivalis (Boiss.) Baker

 

Tassonomia

Regno:Plantae

Divisione:Magnoliophyta

Classe:Liliopsida

Ordine:Liliales (Asparagales)

Famiglia:Liliaceae (Hyacinthaceae)

 

Nome italiano

Scilla silvestre

Giacinto turchino

 

Etimologia

Il nome generico Scilla venne attribuito da Linneo in riferimento al nome con cui i greci (σκίλλα - skilla, citata da Teofrasto e Dioscoride) e successivamente i latini (scilla, citata da Virgilio e Plinio il Vecchio) chiamavano alcune piante bulbifere (verosimilmente la Charybdis maritima) che crescevano in vicinanza del mare, descrivendole come "cipolle marine"; l'epiteto bifolia si riferisce alla peculiarità della pianta, di possedere due sole foglie.

 

Descrizione

Pianta completamente glabra, bulbosa perenne, alta fino a 25 cm, con bulbo subsferico-ellissoidale, profondamente interrato (fino a oltre 20 cm). Scapo fiorale eretto.

 

Foglie

Le foglie, generalmente 2, sono radicali, lunghe, strette e concave all'apice, di colore verde brillante, con base avvolgente lo scapo fiorale fino a circa 1/3 - 1/2 della sua altezza e guaine sovrapposte. Si osservano a volte foglie in soprannumero, che sono però originate da un secondo bulbo; compaiono poco prima della fioritura.

 

Fiori

Da 3 a 8-10 fiori riuniti in racemi apicali con pedicelli articolati decrescenti di dimensioni dalla base verso l'apice delle infiorescenze. Perigonio di colore blu acceso, lilla e, raramente, bianco o porporino, con un diametro di 10-15 mm, con 6 tepali patenti, talvolta eretti, liberi o appena saldati alla base; stami 6, con filamenti concolori ai tepali e antere blu-scuro, bianche negli esemplari apocromici; ovario bislungo arrotondato, con stigma capitato.

 

Frutti

Il frutto è una capsula triloculare, trivalve, contenente parecchi semi rotondi.

 

Periodo di fioritura

Fiorisce da Marzo a Maggio.

 

Territorio di crescita

E' presente su tutto il territorio italiano.

 

post-3243-1234621075.jpg

 

Habitat

Preferisce ambienti ombrosi e freschi, prati al limitare di boschi misti, faggete, dalla pianura fino ai 2000 metri.

 

Somiglianze e varietà

Prospero autumnale (L.) Speta subsp. autumnale (=Scilla autumnalis L.) vive in luoghi aridi e sassosi, fiorendo dalla tarda estate a dicembre, raramente in primavera. Le sue foglie si sviluppano dopo la fioritura e sono lineari, quasi filiformi, lisce e glabre. Gli scapi fiorali sono lunghi fino a 25 cm, con fiori roseo-violacei su pedicelli lunghi quanto la corolla, 6 stami con antere violacee. I frutti sono capsule triloculari, portanti 2 semi scuri a sezione. Presente dal centro al sud, isole comprese, mentre è rara a nord di Liguria ed Emilia Romagna. Pianta protetta in Emilia Romagna.

Scilla italica L. o Hyacinthoides italica (L.) Rothm. pianta con bulbo ovoide, piccolo che produce 4 o 6 foglie, che sono lineari, scanalate, flaccide a lembo allungato e un po' attenuato verso il basso, in mezzo alle quali si alza lo scapo fiorale che supera la lunghezza delle foglie; ogni fiore è portato da pedicelli abbastanza lunghi, con 2 brattee, una delle quali misura quanto il picciolo mentre l'altra è più corta della metà. I fiori sono azzurro vivo, vive nei boschi e nei luoghi selvatici montani e subalpini, fiorisce da marzo a maggio, raggiunge l'altezza di 40 cm, è specie endemica di Liguria e Piemonte.

 

Specie protetta

In Liguria, dalla Legge Regionale N.° 9 del 30/01/1984 Regione Liguria, rimandando all'art.3 come pianta inserita nella tabella C ove può essere consentita la raccolta di non più di cinque esemplari al giorno, a persona, per scopi scientifici, didattici o farmaceutici previa autorizzazione della Giunta regionale.

In Emilia Romagna, dalla Legge Regionale N.° 2 art.4 del 24/01/1977 Regione Emilia Romagna.

In Toscana, dalla Legge Regionale N.° 56 del 06/04/2000 Regione Toscana.

 

Costituenti chimici

Glucosidi (scillitoxina, scillipicrina, scillina), saccarosio, tannino, mucillagine ed ossalato di calcio.

 

Uso Alimentare

Non si conoscono usi alimentari della pianta. I bulbi sono tossici per ingestione.

 

Uso Cosmetologico

Non ci sono usi cosmetici.

 

Uso Farmacologico

I glucosidi contenuti nei bulbi sono cardiotonici e ed agiscono sul cuore con lo stesso meccanismo della digitale, ma con il vantaggio di una azione più rapida e di una scarsa tendenza all'accumulo. Esercitano anche una potente azione diuretica. La pianta non è tuttavia iscritta nella farmacopea ufficiale.

 

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

 

Medicina alternativa e Curiosità

Esistono testimonianze dell'utilizzo dei bulbi di Scilla bifolia, nella medicina popolare, come diuretico e cardiotonico, con azione analoga ma più debole rispetto a quella di Urginea maritima (=Charybdis maritima (L.) Speta=Scilla maritima L.). Tale uso è probabilmente dovuto alla modesta presenza di glicosidi cardiaci nei bulbi. Tuttavia, poichè la ricerca in campo fitofarmacologico non si è occupata in misura sufficiente dello studio di queste specie, è bene astenersi dall'utilizzo medico.

 

Note

Plutarco riferì che gli Ateniesi paragonarono il capo di Pericle al bulbo delle Scilla.

Teofrasto sostenne che i superstiziosi piantavano le Scille davanti alle porte di casa credendo che allontanassero malefici e magie.

Il valore simbolico attribuito alle Scille in genere è quello di richiamo alla realtà, di appello al calore dei sentimenti e di ammonimento per chi si lascia distrarre da false promesse; mentre i cultori delle arti magiche continuano a ritenere che questi fiori siano in grado di fornire protezione nelle avversità, di garantire salute e lunga giovinezza.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Marika, Annamaria Bononcini e Renato Fondi - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

 

Link utili

 

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

Scilla bifolia L., Regione Lombardia, 150 m s.l.m., Marzo 2006 - foto di Porcinik

 

post-735-1141925593.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information