Jump to content

Francesco Tozzi

Member AMINT
  • Content Count

    216
  • Joined

  • Last visited

2 Followers

About Francesco Tozzi

  • Rank
    Utente Junior
  • Birthday 02/10/1990

Profile Information

  • Residenza
    Roma

Recent Profile Visitors

965 profile views
  1. Ciao bob! Purtroppo la foto non è molto dettagliata... comunque mi da l'idea di Hemimycena sp. Un saluto, Ciccio
  2. Concordo anche io Oltre alle fibrille del pileo, nell'ultima foto (le altre purtroppo mostrano diverse aberrazioni cromatiche) sembra si possa percepire una sfumatura rosata del micelio Un saluto, Francesco
  3. Ciao! Senza dubbio Inocybe sp. Come sai, purtroppo senza microscopia in questo genere non si va molto lontano... però se non vogliamo accontentarci solo di quello, possiamo dire che: 1- Il gambo presenta pruina solo apicale e leggera fibrillosità basale, ergo siamo nelle "Cortinatae" 2- A occhio non sta bene né fra le Mallocybe (es. I. dulcamara) né fra le Inosperma (es. I. rimosa e I. bongardii) 3- Per esperienza la ricondurrei a specie con spore liscie. Quindi siamo nel Sottogenere Inocybe, Soprasez. Cortinatae, spore lisce... e qui ci areniamo Se proprio proprio la volessimo confrontare con qualcosa ti direi I. obscurobadia, ma diciamo che farei meglio a starmene zitto piuttosto Un saluto, Francesco
  4. Ramaria largentii cresce tipicamente sotto peccio ed ha colorazioni più aranciate... invece comune in faggeta, dove l'hai reperita tu, è la Ramaria flava... prendila come semplice ipotesi
  5. Ciao Roberto, premesso che la mia esperienza sulle Inocybe è decisamente mooolto limitata... devo dire che sto arrivando alla tua stessa conclusione
  6. Ciao Tom! La tua ipotesi di Inocybe muricellata mi piace, quello che mi fa titubare un pochino sono le dimensioni sporali, che solitamente in questa specie sono di poco maggiori, e il pileo che si dovrebbe presentare squamoso con la maturazione. Vero è che si tratta di una specie abbastanza variabile sia a livello macro che micro... tuttavia non ci metterei la mano sul fuoco. Le altre proposte avanzate, per quanto valide, mi piacciono un po' meno: I. subalbidodisca e le specie vicine (tutte sinonimizzate da Kuyper, a torto o a ragione, con I. ochroalba) presentano cistidi imeniali tendenzialmente clavati, come già sottolineato da bobby; mentre I. glabrescens presenta solitamente un disco nettamente più scuro e caulocistidi che si rarefanno verso la base del gambo. A mio avviso non è da escludere la possibilità che si tratti di una Inocybe sindonia dalle tonalità più cariche: la micro e l'habitat quadrerebbero e non dimentichiamoci che le colorazioni di I. sindonia, tendenzialmente biancastre, possono arrivare fino all'ocraceo brunastro Dopo la mia carrellata di fesserie lascio spazio agli esperti
  7. Ciao Enzo! A me ricorda molto una Melanoleuca... Ciao Francesco
  8. Ciao Natan Si appone "sp." al genere quando non si conosce la specie. Cortinarius sp. = specie non identificata del genere Cortinarius Comunque anche per me si tratta di Cortinarius sp., probabilmente del sottogenere Telamonia. Ciao Francesco
  9. Ciao Giovanni! Ok per genere Cortinarius e sottogenere Myxacium! La specie in questione è Cortinarius trivialis A presto Francesco
×
×
  • Create New...

Important Information