Vai al contenuto

Recommended Posts

Rubroboletus satanas (Lenz) Kuan Zhao & Zhu L. Yang 2014
                                       
Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae

Nome italiano
Porcino malefico, boleto malefico.

Sinonimi
Boletus satanas Lenz 1831
Tubiporus satanas (Lenz) Maire 1937
Suillellus satanas (Lenz) Blanco-Dios 2015


Etimologia
Dal latino sàtanas, di Satana, cioè velenoso, malefico.

Cappello
10-30(40) cm, emisferico poi convesso, molto carnoso, sodo, con cuticola eccedente e vellutata, asciutta, da bianco sporco-crema brunastro chiaro sino a grigio-bruno con tonalità olivastre, talvolta con leggere sfumature rosate, margine involuto nei giovani esemplari.

Tubuli e pori
Tubuli lunghi, arrotondati al gambo, quasi liberi, da giallo a giallo-verdastro poi olivastro, azzurro-blu al taglio; pori piccoli, rotondi, gialli ma presto arancio-rossi, generalmente più chiari presso il margine del cappello, bluastri alla pressione.

Gambo
5-15 × 4-10 cm, sodo, tozzo, generalmente più corto del diametro del cappello, obeso poi allungato, a forma di pera, allargato alla base, giallo nella parte superiore, da rosso porpora a rosso-viola nella zona centrale, giallo-rossastro alla base, percorso nei 2∕3 superiori da un fine reticolo concolore al fondo, imbluente al tocco.

Carne
Spessa e compatta nel giovane, poi molle, bianco-giallastra, giallo pallida, vira debolmente all'azzurro alla sezione in modo disomogeneo e distribuito a settori; odore debole nel giovane, ma poi forte, disgustoso, cadaverico negli esemplari maturi, sapore dolce.

Habitat
Cresce dall'estate all'inizio dell'autunno nei boschi caldi di latifoglie, in particolare Quercus, su suolo calcareo. Non molto comune.

Microscopia
Spore bruno-olivastre in massa, lisce, ellissoidali-fusiformi, 11-15 × 5-7 µm.

Commestibilità o Tossicità
Specie velenosa, certamente tossico da crudo, è responsabile di sindrome gastrointestinale a breve latenza che si manifesta poche ore dopo il consumo, eccezionalmente durante il pasto stesso.

Osservazioni
Boletaceae di notevoli dimensioni, in alcune zone d'Italia viene incautamente consumato dopo trattamenti e preparazioni empiriche atte a distruggere le Bolesatine di natura peptidica, responsabili dell'avvelenamento. In ogni caso il consumo di tale specie è assolutamente sconsigliato ed è opportuno, a livello di prevenzione, sconsigliarlo a tutti coloro che "indulgono" nel cibarsi di tale fungo.

Somiglianze e Varietà
Le tonalità biancastre del cappello, le notevoli dimensioni, il particolare viraggio della carne e lo sgradevole odore che emana a maturazione, lo rendono difficilmente confondibile con gli altre Boletaceae.

Note nomenclaturali
Nell'anno 2014, con l'avvento delle analisi filogenetiche la specie è stata segregata nel neogenere Rubroboletus. Nel 2015 la specie è stata ricombinata nel genere Suillellus tuttavia persistono discordanze tra i vari autori su quale sia il nome prioritario di questa specie. Tutte le ricombinazioni in Suillellus di Blanco Dios riferite a taxa diversi da queletii e luridus sono prive di supporto filogenetico e quindi risulterebbero non valide. Ne consegue che attualmente la collocazione corretta di questo fungo è nel genere Rubroboletus.

Bibliografia
KUAN, ZHAO, GANG, WU, & ZHU, L. YANG, 2014. A new genus, Rubroboletus, to accommodate Boletus sinicus and its allies. Phytotaxa 188(2): 61-77.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Giovanni Satta - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Regione Lazio; Settembre 2009; Foto e microscopia di Felice Di Palma.

post-12947-0-94564200-1469107691.jpg

 

post-12947-0-79121700-1469107701.jpg

Microscopia

Spore.

post-12947-0-90524000-1469107715.jpg

 

Elementi imeniali.

post-12947-0-20928000-1469107788.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rubroboletus satanas (Lenz) Kuan Zhao & Zhu L. Yang; Settembre 2005; Regione Umbria; Foto e commento di Michelangelo Nitti.

Dettaglio del fine reticolo rosso del gambo.

post-1254-1125825343.jpg

Rubroboletus satanas con i pori ancora di colore giallo verso la periferia del cappello. I pori dell'imenio, gialli nel giovane, diventano di colore rosso a cominciare da quelli più vicini al gambo.

post-1254-1125825828.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rubroboletus satanas (Lenz) Kuan Zhao & Zhu L. Yang; Regione Marche; Ottobre 2006; Foto di Pietro Curti.

post-4-0-03015400-1463490289.jpg

Macro del gambo e del cappello.

post-4-0-75340200-1463490295_thumb.jpg

Gruppo con sezione.

post-4-0-08087600-1463490291.jpg

Viraggio della carne esposta.

post-4-0-07728100-1463490468_thumb.jpg
enc.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information