Vai al contenuto

Recommended Posts

Melanoleuca evenosa (Saccardo) Konrad
= Melanoleuca subalpina (Britzelm.) Bresinsky & Stangl

Tassonomia
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae
Genere Melanoleuca
Sezione Alboflavidae

Etimologia
Dal latino evenosus = senza vene, per la cuticola glabra e liscia.

Cappello
6-15 cm, inizialmente campanulato, poi piano-depresso, mantiene in tutte le fasi dello sviluppo un evidente umbone; margine dapprima involuto poi disteso, a volte ondulato. Colore bianco o biancastro, diviene avorio-crema o isabella a maturità, più carico al disco. Leggermente igrofano, cuticola liscia e sericea in condizioni di umidità elevata; assume invece particolare lucentezza e si screpola con il secco.

Imenoforo
Lamelle molto fitte, uncinate al gambo, mediamente più alte dello spessore della carne, intercalate da numerose lamellule; inizialmente bianche per poi prendere riflessi incarnato-rosacei a maturità.

Gambo
8-15 × 1-2 cm, cilindrico o leggermente ingrossato alla base, pieno e tenace. Superficie bianca, liscia e fibrosa per la quasi totalità della lunghezza, in prossimità del cappello diviene forforacea.

Carne
Bianca, senza viraggi o vagamente bruno-rossiccia sotto la cuticola, tenera nel cappello, diventa molle a maturità, tenace e fibrosa invece quella del gambo; sapore prima dolciastro poi leggermente aspro, quasi astringente, odore forte aromatico, caratteristico, tra il farinaceo e l'erbaceo.

Habitat
È un fungo tipicamente montano, cresce nei prati e nei pascoli d'altura in modo gregario, a gruppi non numerosi, oppure in file o in cerchi che risaltano nettamente nel verde dei prati. Fa la sua comparsa già dalla primavera per continuare fino all'autunno.

Microscopia
Spore ellissoidali, 7,5-10,8 × 4,4-5,8 µm; Qm = 1,8. Cheilocistidi abbondantissimi, fusiformi, lageniformi, non settati, con apice arrotondato.

Commestibilità e tossicità
Non da tutti gradito per il particolare odore, è comunque da ritenersi commestibile, apprezzato e ricercato dai conoscitori in ambito alpino.

Somiglianze e varietà
Per le tonalità cromatiche generali ed a causa del suo lungo periodo di fruttificazione, che si sovrappone temporalmente alla crescita delle pericoloseAmanita bianche, è da ritenersi possibile per un neofita la confusione con Amanita verna (Bull.: Fr.) Lamarck, anch'essa a crescita primaverile, non ne condivide però gli habitat, e Amanita virosa (Lamarck) Bertillon, quest'ultima con gli stessi habitat.
Piccole Melanoleuca evenosa potrebbero essere confuse con velenose Clitocybe bianche prive dei caratteristici odori sgradevoli a causa del freddo o di altri fattori ambientali.
Può altresì essere scambiata con:
Melanoleuca substrictipes Kühner, che si differenzia per avere taglia minore, essere priva di odori particolari e mantenere la colorazione delle lamelle perfettamente bianca anche a maturità, oltre che per alcuni caratteri microscopici (cheilocistidi settati, a pelo d'ortica);
Melanoleuca pseudoevenosa Bon ex Bon & G. Moreno, praticamente un sosia di collina-pianura con diversa microscopia;
Melanoleuca verrucipes (Fr.) Singer, che si distingue per avere granulazioni nerastre sul gambo;
Melanoleuca parisianorum R. Haller Aar. ex Bon, che si differenzia per l'odore molto particolare, come anisato, di violetta;
Melanoleuca strictipes (P. Karst.) Jul. Schäff., che ha un portamento più slanciato e carne con viraggio grigio-bruno, ma è ormai ritenuta dalla maggior parte degli autori sinonimo di Melanoleuca evenosa.

Osservazioni
Questa specie appartiene alla Sezione Alboflavidae nella quale a tutt’oggi non vi è molta chiarezza tassonomica. Melanoleuca evenosa viene infatti trattata differentemente da vari Autori come complesso di specie o come specie separata. In attesa di chiarificatrici revisioni genetiche riportiamo i binomi ad essa collegati: Melanoleuca subalpina (Britzelm.) Bresinsky & Stangl, Melanoleuca strictipes (P. Karst.) Jul. Schäff. e Tricholoma cnista (Fr.) Gillet.

Bibliografia
MOSER, M., 2000. Guida alla determinazione dei funghi. Polyporales, Boletales, Agaricales, Russulales. Vol. 1. Ed. Saturnia.

Scheda AMINT tratta da Tutto Funghi.

Regione Lombardia, Giugno 2008; Foto di Federico Calledda.

post-620-1214497054.jpg

enc.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Melanoleuca evenosa (Saccardo) Konrad, Regione Trentino; Agosto 2011; Foto, descrizione e microscopia di Tomaso Lezzi.

1º Congresso trentino sui funghi alpini, Cles (TN), Loc. Malgaroi, Foto di Tomaso Lezzi.

Cappello, gambo e lamelle bianche, senza viraggi nella carne.

La simile Melanoleuca substrictipes Kühner ha cheilocistidi settati, a pelo d'ortica.
Melanoleuca strictipes (P. Karst.) Jul. Schäff. ha portamento più slanciato e carne con viraggio grigio-bruno.
Cheilocistidi abbondantissimi, fusiformi, lageniformi, non settati, con apice arrotondato.
Spore ellissoidali, 7,5-10,8 × 4,4-5,8 µm; Q = 1,5-2,0; Qm = 1,8.

(Exsiccatum TL20110825-01)

post-2993-0-82848500-1315132805.jpg

Microscopia

Cheilocistidi abbondantissimi, fusiformi, lageniformi, non settati, con apice arrotondato.
Osservazione in Rosso Congo.

post-2993-0-75549500-1315132854.jpg

Osservazioni in Floxina basica.

post-2993-0-90026800-1315132856.jpg

post-2993-0-84348100-1315132858.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Melanoleuca evenosa (Saccardo) Konrad; Regione Trentino, Cles (TN), loc. Malgaroi; Settembre 2012; Foto di Mario Iannotti.
= Melanoleuca subalpina (Britzelm.) Bresinsky & Stangl

2° Congresso sui Funghi della Zona Alpina. - Segue microscopia a cura di Tomaso Lezzi.

post-12947-0-03119900-1362417203.jpg

post-12947-0-25740800-1362417243.jpg

Sezione.

 

post-12947-0-48380000-1362417288.jpg

post-12947-0-36874800-1362417321.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information