Vai al contenuto

Recommended Posts

Russula decolorans (Fr.: Fr.) Fr.

Tassonomia
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Foto e Descrizioni
Russula molto vicina al gruppo delle Nigricantine, cioè ha carne ingrigente se esposta all'aria o se corrosa. Cappello color rosso-bruno o arancione, gambo bianco e lamelle ocra chiaro. Carne bianca, fortemente virante al grigio se esposta, sapore mite. Si tratta di un commestibile che cresce sotto conifere dall'estate all'autunno, abbondantissima in Trentino, abbastanza rara nel resto d' Italia.

Regione Trentino; Settembre 2009; Foto di Pietro Curti.

post-4-1253106517.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula decolorans (Fr.: Fr.) Fr.; Regione Trentino; Settembre 2009; Foto e commento di Alessandro Francolini.

Si tratta di una Russula tipica delle abetaie (Peccio in particolare) alpine e prealpine, anche in presenza di mirtilli o presso le torbiere. Abbastanza frequente in Trentino, più rara nelle altre regioni, è tra le prime russule a fruttificare in alta quota (fino a 2000 metri). È caratterizzata dalla colorazione del cappello sempre sui toni più o meno brillanti e uniformi dell’arancio negli esemplari giovani (arancio-ocra, arancio-rossastro, arancio-giallognolo, arancio-brunastro, ecc.), con tendenza a impallidire a maturità; il margine pileico, invece, in vecchiaia si scurisce. La cuticola pileica è asportabile per breve tratto e, pur essendo sottile, è assai tenace. Le lamelle sono inizialmente bianche, poi color crema-ocra con la maturazione delle spore. Altra caratteristica utile al riconoscimento è la carne: ha sapore dolce (è un discreto commestibile), è bianca ma vira al grigio o grigio-nerastro se esposta all’aria o se sfregata oppure, spontaneamente, a maturità.

Con carne che diventa grigiastra se esposta all'aria.

post-4417-1253973906.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information