Vai al contenuto
Archivio Micologico

Caloboletus calopus (Pers. : Fr.) Vizzini 2014

Recommended Posts

Caloboletus calopus (Pers. : Fr.) Vizzini 2014

Tassonomia
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae

 

Sinonimi

Boletus calopus Pers. : Fr. 1801

Foto e Descrizioni
Uno delle poche Boletaceae a tubuli e pori gialli (spugna) non commestibile, anzi sono attribuite al suo consumo intossicazioni gastroenteriche costanti. Amarissimo e con tipico odore acidulo di vinavil, non si capisce come possa essere consumato. Si riconosce agevolmente per la caratteristica fiammatura al piede rosso vivo e per il pessimo odore e sapore già descritto, habitat nei boschi con forte presenza di calcare.

Etimologia
Dal greco kalòs = bello, e poùs = piede, boleto dal bel piede.

Cappello
10-25(30) cm, inizialmente emisferico poi convesso infine appianato, carnoso, con il margine eccedente, a lungo involuto poi disteso; cuticola asciutta, vellutato-feltrata, da grigio-beige a grigio-olivastro, talvolta ocra-brunastro, spesso screpolata per il clima secco. Tubuli lunghi, adnati, quasi liberi al gambo, inizialmente gialli poi olivastri, viranti all'azzurro-bluastro alla sezione; pori piccoli, arrotondati, concolori ai tubuli e rapidamente imbluenti alla pressione.

Gambo
8-15 × 4-5 cm, molto variabile nella forma, bulboso-ventricoso nei giovani esemplari, cilindraceo, clavato, talvolta con base allargata, obeso o anche ricurvo, di colore giallo nella parte superiore e rosso carminio in quella inferiore, percorso da un reticolo a maglie allungate giallo chiaro-biancastro in alto e gradualmente più scuro verso la base, dove risulta concolore al fondo; imbluente alla manipolazione.

Carne
Soda e compatta nei giovani ma presto molle negli esemplari maturi, crema-biancastra, giallo pallido, rossastra alla base del gambo, virante al verde-bluastro intenso alla sezione; odore acidulo come di colla "vinavil", sapore decisamente amaro.

Habitat
Cresce spesso a gruppi di diversi esemplari nei boschi di latifoglie (Fagus) e conifere (Picea, Abies), con preferenza per i terreni calcarei, dall'estate all'autunno, piuttosto comune anche se non ovunque diffuso.

Commestibilità e tossicità
Responsabile di alcuni casi di intossicazione (sindrome gastrointestinale costante), comunque non commestibile per il forte sapore amaro e per il netto odore sgradevole.

Osservazioni
I pori gialli, la caratteristica fiammatura rosso carminio alla base del gambo, il sapore della carne e l'odore inconfondibile agevolano nella determinazione.

Somiglianze e varietà
Caloboletus radicans, specie appartenuta alla sez. Calopodes del genere Boletus, si distingue per l'assenza di reticolo a maglie allungate, per il cappello con tonalità più biancastre e per la carne non amiloide. Altre possibili confusioni possono avvenire con Rubroboletus satanas, caratterizzato però dai pori arancio-rossi, dai toni lungamente biancastri del cappello, dal reticolo con bande di diverso colore sul gambo e dalla carne non amara. Altre specie confondibili sono i Boletus della sez. Appendiculati, attualmente nel genere Butyriboletus, in particolare il Butyriboletus fechtneri, che diversamente presenta tonalità grigio-bruno nocciola nel cappello, carne non amara e di norma una zona anulare rosato-rossastra sul gambo.

 

Curiosità
Insieme al Caloboletus radicans apparteneva alla Sez. Calopodes del genere Boletus, che comprendeva boleti con pori gialli e carne fortemente amara virante al blu.
Il termine "bel piede" sottolinea la particolarità e la bellezza dei cromatismi negli esemplari tipici di questa specie, dove la fiammatura rosso carminio presente sul gambo contrasta con il giallo vivo dei pori, rendendolo un fungo esclusivamente da ammirare e fotografare, dato che un solo esemplare cotto erroneamente nel misto rende il tutto immangiabile per via del forte sapore amaro.

 

Note nomenclaturali
Vizzini (2014) in seguito a studi molecolari ha segregato nel nuovo genere Caloboletus le due specie appartenenti alla vecchia Sez. Calopodes del genere Boletus (Boletus calopus e Boletus radicans). I carpofori appartenenti a questo nuovo genere si contraddistinguono macroscopicamente per i pori di colore giallo vivo e per il sapore amaro della carne.

Bibliografia
Index Fungorum. Index Fungorum no. 146. [Data di accesso: 06/11/2016].

Scheda AMINT tratta da "Tutto Funghi".


Regione Lombardia; Luglio 2008; Foto di Massimo Mantovani.

post-2286-1226057845.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caloboletus calopus (Pers. : Fr.) Vizzini; Regione Trentino; Luglio 2009; Foto di Pietro Curti.

post-4-1249803675.jpg

Reticolo sul gambo, imenoforo e viraggio della carne in sezione.

post-4-1249720117.jpg



Iscriviti subito alla nostra Associazione AMINT per non perdere l'opportunità di poter consultare sempre la nuo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information