Jump to content

Recommended Posts

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.

Tassonomia
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Polyporales
Famiglia Ganodermataceae
Genere Ganoderma

Sinonimi
Fomes applanatus (Pers.) Gillet (1878)
Ganoderma leucophaeum (Mont.) Pat. (1889)
Polyporus applanatus (Pers.) Wallr. (1833)

Etimologia
Dal greco gános = lucentezza e dérma = pelle, con la pelle lucente.
Dal latino applanatus = spianato.

Cappello
10-60 × 5-30 cm, a forma di mensola, appiattito, superficie superiore quasi sempre irregolare, con zonature concentriche e nodosità, rivestito da una crosta spessa circa 1 cm, rugosa, dura ma cedevole se premuta, di colore brunastro, grigiastro-bruno, marrone, fino a tonalità grigio-scure o nerastre; viene ricoperto all’atto della sporulazione da uno strato abbondante di basidiospore di colore brunastro; il margine è ottuso, ispessito, ondulato, biancastro, che scurisce con l’età ma mantenendo tonalità più chiare rispetto al resto del cappello;

Imenoforo
I tubuli sono disposti su più strati con uno spessore di circa 1 cm, uno per ogni anno di età del basidioma, di colore brunastro, bruno-ruggine; pori rotondeggianti, del diametro di 0,2 mm, biancastri, brunastri alla manipolazione, frequentemente deformati da galle cilindriche o coniche-ottuse provocate dalle larve del dittero Agathomya wancowitzii.

Carne
Dura, suberosa, coriacea, di colore variabile da bruno-ocra a bruno-rossastro, odore e sapore nulli o comunque poco significativi.

Habitat
Parassita o saprotrofo, cresce tutto l’anno nelle zone a clima temperato in Italia e in Europa, predilige le zone a clima mite delle aree mediterranee ma si adatta facilmente all’ambiente urbano; si sviluppa alla base, a un metro o meno di altezza degli alberi viventi, su ceppaie o su tronchi caduti di latifoglie tra le quali: Leccio, Faggio, Platano, Sughera, Frassino, Carpino, Pioppo e più raramente su aghifoglie (Pino domestico).

Commestibilità e Tossicità
Non commestibile, per la consistenza della carne legnosa e coriacea.

Somiglianze e Varietà
Di problematica determinazione, può essere facilmente confuso con Ganoderma adspersum e Ganoderma resinaceum: più di uno dei caratteri distintivi indicati dagli autori per queste specie, sono riscontrabili in tutte e tre le specie, oppure, sono di difficile interpretazione; l’unico carattere che garantisce una sicura determinazione è la lunghezza delle spore.

Osservazioni
Sicuramente è uno dei Polyporales più diffusi, fa parte della Famiglia delle Ganodermataceae; le zonature o i solchi nella superficie pileica, indicano che la sua crescita avviene in diversi anni: ogni anno il diametro del cappello aumenta, un nuovo solco si aggiunge a quelli già esistenti e uno strato di tubuli si sovrappone agli altri. Danneggia gravemente gli alberi che attacca, minando la loro resistenza meccanica e la loro stabilità con la carie bianca e il marciume radicale.
La zona dei pori (imenoforo) se graffiata o incisa imbrunisce mettendo in risalto sul fondo biancastro le linee tracciate. Viene utilizzato in Giappone e in Cina come medicinale.

Scheda AMINT tratta da Tutto Funghi


Regione Lombardia; Settembre 2008; Foto di Emilio Pini.

post-21-1222466417.jpg
enc.gif

Link to post
Share on other sites

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.; Regione Lombardia; Marzo 2007; Foto e descrizioni di Rensacca.

post-4676-1173533391.jpg

Superficie poroide biancastra, scurisce se toccata; 6-7 pori per mm.

post-4676-1173533599.jpg

Microscopia
Ife vegetative arboriformi.

post-4676-1173533695_thumb.jpg

Basidiospore ellissoidali-ovoidali, provviste di exosporio ialino ed endosporio bruno-chiaro e verrucoso.

post-4676-1173533951_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.; Regione Marche; Agosto 2013; Foto e descrizioni di Pietro Curti.

Ai piedi del Leccio secolare del mio giardino.

post-4-0-57772300-1376744015.jpg

Contesto bruno ruggine.

post-4-0-17309300-1376744019.jpg

Odore acidulo fungino lieve, sapore subnullo, pori rotondi e abbastanza irregolari.

post-4-0-98279900-1376744032.jpg

Sezione.

post-4-0-11027700-1376744026.jpg

Contesto percorso da zonature concentriche e con maculature biancastre.

post-4-0-52168800-1376744036.jpg

 

Link to post
Share on other sites

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.; Giardino privato su Quercus ilex; Regione Marche; Mese di Settembre; Foto di Pietro Curti.

Soggetto maturo che ha completato la sua crescita.

post-4-0-12341100-1379149951.jpg

Superficie sterile liscia e lucida, ricoperta da basidiospore.

post-4-0-18202400-1379149962.jpg

Imenoforo.

post-4-0-85542000-1379149954.jpg

Bianco e con pori più o meno rotondeggianti.

post-4-0-12145100-1379149958.jpg

 

Link to post
Share on other sites
  • 3 years later...

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi.
Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR).

Alla base di un Faggio. Una delle caratteristiche di questo lignicolo è la fragile consistenza del suo pileo.

post-9732-0-61352900-1476122898.jpg

post-9732-0-96196200-1476122903.jpg

post-9732-0-83973500-1476122909.jpg

Link to post
Share on other sites
  • 5 months later...

Ganoderma applanatum (Pers.) Pat.; Regione Toscana; Luglio 2019; Foto di Alessandro Francolini.

Più che alla base di un piccolo Acero questo Ganoderma è nato sfondando l'asfalto alla base del cordolo di cemento che delimita la piccola aiuola. Avrà "pescato" in profondità qualche radice della pianta.

DSC03356.JPG

DSC03361.JPG

DSC03368.JPG

DSC03369.JPG

Superficie del cappello all'apparenza dura e compatta come nelle altre specie di Ganoderma; in realtà è relativamente morbida e cedevole alla pressione delle dita

DSC03374.JPG

DSC03375.JPG

Contesto suberoso, di colore bruno-ruggine

DSC03380.JPG

DSC03387.JPG

 Imenoforo con pori rotondeggianti e piccoli; superficie poroide che si macchia sensibilmente alla contusione

DSC03376.JPG

DSC03379.JPG

DSC03378.JPG

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information