Jump to content
Archivio Micologico

Infundibulicybe costata (Kühner & Romagn.) Harmaja 2003

Recommended Posts

Infundibulicybe costata (Kühner & Romagn.) Harmaja 2003

Tassonomia
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae

Sinonimi
Clitocybe costata Kühner & Romagn. 1954

Foto e Descrizioni
Simile a Infundibulicybe gibba (Pers. : Fr.) Harmaja ma con cappello non umbonato, margine striato in modo caratteristico (come da una serie di Y), gambo concolore al cappello. Reazione bruno scuro al KOH sulla cuticola.

Regione Lombardia; Agosto 2009; Foto di Massimo Biraghi.

post-12947-0-36501500-1469115262.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infundibulicybe costata (Kühner & Romagn.) Harmaja; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

Specie simile (quasi un sosia) del più comune e frequente “imbutino” (Clitocybe gibba), ma avente cappello non umbonato e striato al margine in modo caratteristico, con costolature a forma di “Y”. Il gambo è concolore al cappello e l’odore più forte e marcato (fungino-cianico) rispetto a C. gibba. Visto che anche C. gibba può presentare saltuariamente tali caratteri in alcune sue varianti, per distinguere con certezza le due specie si può eseguire un test macrochimico: una goccia di idrossido di Potassio (KOH) messa sulla superficie del cappello di C. costata provoca una colorazione marrone scuro che non si verifica in C. gibba.

post-4417-0-48804900-1478076433.jpg

post-4417-0-87505300-1478076438.jpg

post-4417-0-49922000-1478076442.jpg

post-4417-0-97372000-1478076447.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clitocybe costata Kühner & Romagnesi; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.
= Infundibulicybe costata (Kühner & Romagn.) Harmaja

Specie simile (quasi un sosia) del più comune e frequente “imbutino” (Clitocybe gibba), ma avente cappello generalmente non umbonato e soprattutto striato al margine in modo caratteristico, con costolature a forma di “Y”. Il gambo è concolore al cappello e l’odore più forte e marcato (fungino-cianico) rispetto a C. gibba. Visto che anche C. gibba può presentare saltuariamente tali caratteri in alcune sue varianti, per distinguere con certezza le due specie si può eseguire un test macrochimico: una goccia di idrossido di Potassio (KOH) messa sulla superficie del cappello di C. costata provoca una colorazione marrone scuro che non si verifica in C. gibba.

Esemplari di faggeta; qualcuno di dimensioni ragguardevoli, con cappello tra i 20 e i 25 cm di diametro; al punto da ricordare (da lontano) i "cimballi" (Infundibulicybe geotropa Clitocybe geotropa) che, tuttavia, hanno ben altro odore, non hanno margine costolato e fruttificano solitamente più tardivi e preferibilmente in altro habitat.

DSC03933.JPG

DSC03937.JPG

Giovane esemplare.

DSC03940.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information