Jump to content

Recommended Posts

Amanita magnivolvata Aalto 1974

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Amanitaceae

Etimologia
L'epiteto Amanita deriva dal greco Ἀμανὶτης [Amanitos] = fungo del monte Amano, da Ἄμανος [Amanos] = Amano, catena di monti tra la Cilicia e la Siria, nella Turchia asiatica, dove questa specie sembra fosse abbondante in antichità.

Foto e Descrizioni
Cappello fino 10 cm. da emisferico/campanulato e con largo umbone, senza resti del velo generale, il margine è profondamente striato fino ad un terzo della superficie del cappello, colorazione grigio/brunastra al centro va attenuandosi al grigio/nocciola verso il margine, la cuticola è tendenzialmente umida. Lamelle fitte, libere al gambo, di colore biancastro, filo concolore, intercalate da sporadiche lamelle. Gambo cilindriforme ingrossato progressivamente verso la base, lungo fino a 20 cm., biancastro e generalmente liscio o leggermente fibrillato. Volva massiccia avvolgente, molto resistente e membranosa, molto spesso biancastra ma con la tendenza di macchiarsi di bruno/rugginoso con delle piccole macchie tondeggianti. Carne bianca senza particolare odore e sapore. Habitat cresce abitudinalmente nei boschi di latifoglia in particolare fagacee. Specie non comune
Secondo M. Bon Amanita pachyvolvata (Bon) Krieglst. avrebbe spore più grosse e predilige i boschi di conifere, mentre altri ritengono che le due entità sono da sinomizzare.

Regione Lombardia; Giugno 2005; Foto e commenti di Massimo Biraghi.

post-2286-1118008506.jpg

Ancora.

post-2286-1118008762.jpg

Particolare della volva.

post-2286-1118008844.jpg

Particolare del cappello.

post-2286-1118009069.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information