Jump to content

Recommended Posts

Agaricus impudicus (Rea) Pilát 1952

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Agaricus
Sezione Sanguinolenti
Subsezione Sylvatici

Sinonimi
Agaricus variegans F.H. Møller 1952
Agaricus vinosobrunneus P.D. Orton 1960
Agaricus koelerionensis (Bon) Bon 1980

Foto e Descrizioni
Agaricus caratterizzato da un odore particolare, simile a quello di Lepiota cristata, viraggio al rosso sulle lamelle quando vengono strofinate, cheilocistidi largamente clavati, sferopenduncolati. Ritrovamento effettuato sotto Cupressus arizonica Cedrus atlantica.

Regione Lazio; Novembre 2019; Foto di Tomaso Lezzi.

Agaricus impudicus 03.jpg

Agaricus impudicus 15.jpg

Particolare delle squame sul cappello.

Agaricus impudicus 12.jpg

Particolare dell'anello.

Agaricus impudicus 07.jpg

Agaricus impudicus 13.jpg

Sezione.

Agaricus impudicus 10.jpg

Le lamelle che arrossano quando vengono strofinate.

Agaricus impudicus 21.jpg

Agaricus impudicus 22.jpg

Agaricus impudicus 23.jpg

Cheilocistidi largamente clavati, sferopenduncolati.

Agaricus impudicus 25 Cheilo 400x RC.jpg

Agaricus_impudicus_31_Cheilo_400x_RC.jpg

Agaricus impudicus 35b Cheilo 400x RC_800x600.jpg

Spore ellittiche, (4,3) 4,6-5,59 (5,6) × (3,3) 3,4-4,2 (4,3) µm; Q = (1,2) 1,3-1,56 (1,6); N = 11; Media = 5,0 × 3,7 µm; Qm = 1,4.

Agaricus impudicus 40-4b Spore 1000x RC.jpg

Link to comment
Share on other sites

Agaricus impudicus (Rea) Pilát; Regione Campania; Ottobre 2008; Foto e commento di Felice Di Palma.

Una specie decisamente molto variabile nel suo aspetto morfo-cromatico. L'habitat è bosco misto Pino-Leccio, in particolare in una zona con poco Pino e presenza di diversi esemplari di Robinia.
Odore come di Lepiota cristata, soprattutto alla base del gambo.
Non sono stati apprezzati viraggi evidenti alla sezione (di solito la specie non ne presenta mai di molto accentuati) è invece molto evidente (vedi esemplare a sx nella prima foto) l'arrossamento delle lamelle alla contusione, caratteristica tipica di questa specie.

14.jpg

15.jpg

Dal punto di vista microscopico, la specie si caratterizza per le spore di dimensioni più ridotte rispetto alle specie simili, cheilocistidi rigonfi (fino a sferopenducolati) talora abbondanti, talora scarsi. Spore n=30: (4,66)4,97-5,802(5,92) × (3,38)3,44-4,125(4,27).

16.jpg

Filo lamellare e cheilocistidi.

17.jpg

18.jpg

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use Privacy Policy