Jump to content
Archivio Micologico

Amanita echinocephala (Vittad.) Quél. 1872

Recommended Posts

Amanita echinocephala (Vittad.) Quél. 1872

Tassonomia 
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Amanitaceae

Foto e Descrizioni
Questa specie può essere determinata abbastanza facilmente sul campo per l'aspetto tipico con il quale spesso si presenta, il cappello subgloboso, poi convesso ed a maturità piano, è ornato da verruche appuntite di forma conico-piramidale presto caduche a partire dal margine, le lamelle sono molto fitte, intercalate da lamellule di varia lunghezza, di colore biancastro con riflessi glauchi.
Il gambo è cilindrico, attenuato verso l'apice e con base bulbosa-radicante infissa nel terreno, con volva dissociata in verruche tronco-coniche, distribuite in cercini su tutta la base. Sul gambo è presente un'anello membranoso, ampio, supero, striato e munito di ornamentazioni al margine. Fungo che deve essere considerato velenoso in quanto responsabile di sindrome norleucinica o nefrotossica o smithiana.
La specie simili sono: Amanita boudieri Barla, fruttifica solitamente in primavera, ha un portamento meno massiccio ed un'anello molto cremoso, caduco, si dissolve senza lasciare traccie sul gambo; Amanita strobiliformis (Paulet ex Vittad.) Bertill., si differenzia per il cappello ricoperto da placche irregolari grigiastre e per la consistenza dell'anello presto dissolto in fioccosità cremose; Amanita vittadini (Moretti) Vittad., si caratterizza per le squame che rivestono l'intero carpoforo; Amanita gracilior Bas & Honrubia, come indica l'epiteto dovrebbe avere un portamento più gracile, il cappello non dovrebbe superare i 5 cm. di diametro, oltre alle spore di forma cilindrica.

 

Regione Umbria; Ottobre 2012; Foto e descrizione di Mario Iannotti.

post-12947-0-71721200-1351447668.jpg

post-12947-0-10062700-1351447749.jpg

Primordio.

post-12947-0-36110700-1351447833.jpg

Macro del cappello con le verruche appuntite di forma conico-piramidale presto caduche a partire dal margine.

post-12947-0-65634000-1351447910.jpg

Macro del cappello con le verruche appuntite di forma conico-piramidale presto caduche a partire dal margine.

post-12947-0-61134800-1351447962.jpg

Macro del cappello con le verruche appuntite di forma conico-piramidale presto caduche a partire dal margine.

post-12947-0-37700400-1351447998.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amanita echinocephala (Vittad.) Quél.; Regione Marche; Settembre 2007; Foto di Pietro Curti.

post-4-0-61627600-1457693569_thumb.jpg

Cappello con dettaglio delle verruche piramidali fragili e caduche.

post-4-0-84763800-1457693046_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amanita echinocephala (Vittad.) Quél.; Regione Lombardia; Ottobre 2007; Foto di Federico Caledda.

post-620-1192296630.jpg

Ornamentazioni pileiche.

post-620-1192296697.jpg

L'imenoforo tipicamente grigio-verdastro.

post-620-1192296775.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amanita echinocephala (Vittad.) Quél.; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

In greco echìnos indica il porcospino; da qui, per estensione, l’elemento echino- impiegato come prefisso per indicare qualcosa di spinoso, aculeato. Inoltre, sempre dal greco, kefalê indica testa, capo; da cui il latino scientifico cephalus con identico significato. Quindi, letteralmente, si tratta di un’Amanita col capo (cappello) spinoso, dotato di aculei.
Epiteto più appropriato non poteva essere scelto per questa bella Amanita! Caratteristico è infatti il suo cappello decorato da molte verruche appuntite o di forma conico-piramidale: aspetto che aiuta a determinarla con facilità direttamente sul campo.
Il cappello (da 6 a 15 cm di diametro) è inizialmente subgloboso emisferico, poi convesso, piano-convesso e, a maturità, piano o addirittura un po’ depresso; complessivamente, si presenta di colore grigio chiaro o grigio-argentato, ma anche grigio-brunastro chiaro in alcuni esemplari, mentre le verruche sono bianco-grigiastre, più fitte verso il centro e più rade verso il margine; tali verruche aderiscono alla cuticola negli esemplari giovani, poi tendono a divenire detersili con l’età, soprattutto a partire dal margine. Lamelle fitte, di colore bianco-crema con riflessi crema-verdolino in età, a causa della colorazione sporale che in questa specie è color crema con sfumature verdognole.
Gambo cilindrico, bianco, attenuato all’apice e bulboso alla base, quasi liscio sopra l’anello e decorato di squamosità bianche al di sotto. Anello pendulo, ampio e membranoso, persistente (eventualmente fugace a maturità), striato e col bordo ornamentato da fioccosità. La volva è biancastra e friabile, si dissocia fin da giovane in piccole squamette fioccose che vanno ad aderire sul bulbo basale e sulla parte inferiore del gambo.
Specie abbastanza rara, cresce all’interno o al bordo di boschi termofili di latifoglie, anche lungo sentieri e stradelle, in estate-autunno.
Nonostante in alcuni testi venga ritenuta specie commestibile dopo adeguata cottura, si tratta in realtà di specie velenosa in quanto responsabile di sindrome norleucinica o nefrotossica o smithiana.
Specie simili nella colorazione generale, ma facilmente distinguibili ad un attento esame, possono essere: Amanita vittadini caratterizzata da belle squame fioccose e in rilievo che ne rivestono cappello e gambo; Amanita strobiliformis che ha cappello cosparso di placche verrucose più o meno ampie e irregolari, con anello fioccoso e cremoso (come di burro che si scioglie sotto le dita); Amanita boudieri, specie solitamente primaverile, che è più piccola, ha squamette sul cappello meno appuntite o piatte, irregolari, con anello cremoso e fugace, presto dissolto senza lasciare tracce sul gambo; Amanita ovoidea e Amanita proxima che hanno cappello liscio o tutt’al più con rare placche, residui del velo, di colore rispettivamente bianco-crema e ocra.

Esemplare reperito al bordo di una boscaglia con latifoglie varie:

post-4417-0-95275700-1478158496.jpg

post-4417-0-05531900-1478158502_thumb.jpg

Particolare del cappello e degli "aculei":

post-4417-0-74586400-1478158505.jpg

post-4417-0-09939400-1478158536_thumb.jpg

post-4417-0-58349000-1478158585.jpg

Anello decorato:

post-4417-0-79790300-1478158772_thumb.jpg

Volva dissociata in varie squamette:

post-4417-0-51438900-1478158776_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information