Jump to content

Ascocoryne cylichnium (Tul.) Korf 1971


Recommended Posts

Ascocoryne cylichnium (Tul.) Korf 1971

Tassonomia
Regno Fungi
Divisione Ascomycota
Classe Leotiomycetes
Ordine Helotiales
Famiglia Gelatinodiscaceae

Sinonimi
Peziza cylichnium Tul. 1853
Coryne sarcoides var. urnalis (Nyl.) Rehm 1891
Coryne cylichnium (Tul.) Boud 1907

Ascoma
Apotecio di consistenza elastica, gelatinoso, imenio di un colore da rosa a violetto a secondo del grado di maturazione, inizialmente di forma subglobosa, presto cupoliforme, discoide a maturazione, fino a pulvinato in vecchiaia, parte interna subconcolore, finemente pruinosa, sessile o brevemente stipitato. Cresce a piccoli gruppi con esemplari appressati su tronchi e rami di latifoglie in ambienti umidi, dall'autunno ai primi rigori dell'inverno.

Microscopia
Spore 18-26 × 4-6 µm, strettamente ellittiche, lisce, plurisettate a maturità, spesso formanti spore secondarie.
Aschi 170-200 × 7-10 µm, ottosporici, spore mono- biseriate.
Parafisi filiformi, un poco rigonfie all'apice e spesso contorte, più lunghe degli aschi.
Excipulum medullare a struttura intricata.
Excipulum ectale formato da elementi piriformi o globulosi concatenati.

Commestibilità e tossicità
Non commestibile

Specie simili
Ascocoryne sarcoides (Jacq. : Fr.) J.W. Groves & D.E. Wilson è macroscopicamente simile, si differenzia esclusivamente per le spore monosettate che non oltrepassano i 18 µm, inoltre presenta parafisi forcate e settate. Fruttifica in particolare su tronchi di conifera, ma è rinvenibile anche su legno decomposto di latifoglia. Anche alcune specie con tonalità violette appartenenti al Genere Peziza Dill. ex Fr. : Fr. possono generare confusione sul campo, si riconoscono macroscopicamente per la consistenza ceracea della carne e per l'habitat diverso, microscopicamente per le spore che sono largamente ellittiche e prive di setti.

Regione Lombardia, Dicembre 2011, Parco dei Colli di Bergamo, su tronco di latifoglia vicino all'acqua. Foto e descrizioni di Massimo Biraghi.

post-2286-0-99190600-1323478697.jpg

post-2286-0-70928700-1323478720.jpg

Aschi 170-200 × 7-10 µm, osservazione a 400×.

post-2286-0-59501800-1323478849.jpg

Aschi 170-200 × 7-10 µm, parafisi filiformi, un poco rigonfie all'apice e spesso contorte, più lunghe degli aschi.

post-2286-0-43263900-1323478904.jpg

Aschi 170-200 × 7-10 µm, ottosporici, spore mono- biseriate.

post-2286-0-59026500-1323478951.jpg

Spore 18-26 × 4-6 µm, strettamente ellittiche, lisce, plurisettate a maturità.

post-2286-0-52418200-1323479184.jpg

post-2286-0-09098700-1323479207.jpg

Excipulum medullare a struttura intricata, excipulum ectale formato da elementi piriformi o globulosi concatenati.

post-2286-0-68070700-1323479260.jpg

post-2286-0-76961800-1323479284.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ascocoryne cylichnium (Tul.) Korf; Regione Lombardia, Mandello del Lario (LC); Novembre 2013; Foto e commento di Marco Barbanera, microscopia di Angelo Mariani.

Su ceppaia di latifoglia molto degradata.

post-15250-0-55019400-1384792469.jpg

post-15250-0-70769500-1384792495.jpg

Microscopia

Aschi 180-200 × 10-13 µm, amiloidi in doppio lugol. Osservazione a a 400×.

 

post-15250-0-97430000-1384792642.jpg

 

Osservazione in Rosso Congo ammoniacale.

 

post-15250-0-46853300-1384792752.jpg

 

Spore 23-29 × 5-6 µm, plurisettate a maturità. Osservazione a a 1000×.

 

post-15250-0-38969100-1384792858.jpg

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information