Jump to content
Sign in to follow this  
Gruppo Botanico AMINT

Ophrys sphegodes subsp. tarquinia (P. Delforge) Kreutz

Recommended Posts

Ophrys sphegodes subsp. tarquinia (P. Delforge) Kreutz

 

Sinonimi

Ophrys tarquinia P. Delforge

 

Tassonomia

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Liliopsida

Ordine: Orchidales

Famiglia: Orchidaceae

 

Nome italiano

Ofride di Tarquinia

 

Etimologia

Il nome del genere deriva dal greco ophrys=sopracciglio, forse perchè questo tipo di fiore veniva utilizzato per ricavare tinture per capelli e sopracciglia o, forse, per la forma dei tepali interni, simili appunto a sopracciglia.

Il nome specifico deriva dal greco sphekòs=vespa.

Il nome subspecifico in riferimento all'etrusca Tarquinia, zona dell'alto Lazio dove per la prima volta è stata trovata e descritta questa specie e della quale furono originari gli ultimi tre re di Roma, i Tarquini.

 

Descrizione

Pianta slanciata, spesso robusta, che può raggiungere i 50 cm. di altezza, con fusto spesso, verde biancastro.

 

Foglie

Foglie basali raccolte in rosetta, di colore grigio bluastro brillante; brattee molto più lunghe dei fiori.

 

Fiori

Infiorescenza sublaxiflora, a volte spiralata, portante da (2) 5 a 11 fiori relativamente grandi. Sepali verde biancastri o verde giallastri pallidi, di rado sfumati di rosa, ovali lanceolati, il mediano spesso inarcato in avanti e coi bordi arrotolati verso l'esterno; petali glabri, grandi, lunghi poco meno dei sepali, ambrati, olivastri o bruni, a bordi increspati e più scuri. Labello generalmente privo di gibbosità, assai convesso lateralmente così da sembrare stretto e lungo, intero, finemente vellutato e bruno al centro, munito di una pelosità submarginale rada e lunga, di un bruno rossastro più chiaro e con un sottile bordo glabro, bruno giallastro o giallo. Macula basale spesso molto estesa e spezzettata, con appendici estese fino agli pseudoocchi, a forma di X o di H, grigio bluastro brillante o grigia, bordata di biancastro. Appendice molto piccola, triangolare, giallo verdastra.Cavità stigmatica concolore al centro del labello e al campo basale, relativamente piccola, con una linea orizzontale color porpora, con pareti esterne biancastre: Pseudoocchi importanti, grigiastri. Ginostemio dotato di un rostro appuntito; sacche polliniche color ambra o rosse.

 

Tipo corologico

Mediterranea. Endemica dalla Toscana al Gargano.

 

Periodo di fioritura

Aprile, Maggio.

 

Territorio di crescita

Toscana, Lazio e Puglia.

 

post-4431-0-74050900-1328010428.jpg

 

Habitat

Da piena luce a mezz'ombra, su terreno da alcalino ad acido, bordi di strada, prati, boschi radi, fino a 800 mt.

 

Somiglianze e varietà

La specie è abbastanza ben riconoscibile al'interno de gruppo di O. sphegodes, per un complesso di caratteristiche fisiche, fra cui i sepali sempre di colore verde, il labello intero e il periodo principale di fioritura. L'areale è ancora allo studio.

 

Note

L'impollinazione è entomofila, ad opera dell'Imenottero Andrena tibialis.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Annamaria Bononcini e Gianni Bonini - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information