Jump to content

Recommended Posts

  • 1 year later...

Ophrys minipassionis Romolini & Soca, Regione Toscana, Aprile 2012 - Foto e commento di Bruno Ballerini.

 

Areale ancora in via di accertamento, ma sembra di vasta distribuzione, per i continui ritrovamenti in varie regioni.

Habitat: lo stesso delle altre Ophrys del gruppo sphegodes, personalmente ne ho visto delle belle colonie sul bordo strada, sulle colline a quote medie. A volte si trova in compagnia di Ophrys classica e di O. sphegodes, che però tendono a essere già sfiorite mentre le "minipassionis" sono a inizio o piena fioritura.
Portamento di O. sphegodes ma con fiori molto più piccoli, a volte numerosi, tendenzialmente scuri, anche tenendo presente la variabilità. Personalmente mi ha colpito il fatto che se a un primo colpo d'occhio sembravano delle sphegodes poi, subito ci si rende conto delle piccole dimensioni dei fiori e del colore in genere più scuro. Le dimensioni dei fiori sono all'incirca quelle di Ophrys araneola (per chi l'ha vista è più facile fare un paragone), e tendenzialmente un po' più piccoli della "argentaria".
Particolare è la forma del labello, generalmente bombato, il ginostemio e la cavità stimmatica. Questi particolari, assieme alle piccole dimensioni, giustificano il nome di "minipassionis".

 

post-24470-0-72376600-1335184133.jpg

 

Alcuni esemplari con tonalità rossastre che ricordano molto la "passionis".

 

post-24470-0-42584300-1335184346.jpg

 

Soggetto di normale tonalità.

 

post-24470-0-07696900-1335184559.jpg

 

Un crop per vedere la cavità stimmatica, il ginostemio e la forma del labello.

 

post-24470-0-16242600-1335184690.jpg

 

Con carta millimetrata posta dietro per vedere le dimensioni.

 

post-24470-0-42001700-1335184597.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information