Vai al contenuto
Archivio Micologico

Armillaria mellea (Vahl : Fr.) P. Kumm. 1871

Recommended Posts

Armillaria mellea (Vahl : Fr.) P. Kumm. 1871

Tassonomia
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae

Nome italiano
Famigliola buona, Chiodino.

Sinonimi
Armillariella mellea (Vahl : Fr.)  P. Karst. 1881
Clitocybe mellea (Vahl : Fr.) Ricken 1915

Etimologia
Color del miele, da latino melleus.

Cappello
3-15 cm, convesso, ma presto piano e umbonato con l'età, margine ondulato, striato ed infine fessurato; cuticola viscida col tempo umido; colore del miele o della cannella o del cuoio, brunastro o bruno rossastro o olivastro a seconda delle piante che la ospitano. Più scuro al centro con sottili squame irte, maggiormente presenti nell'umbone centrale del cappello, che in parte, scompaiono con la maturità.

Lamelle
Rade, basse, un poco decorrenti sul gambo; prima biancastre con iridescenze gialle o rosee, poi stinte e con tonalità sempre più scure.

Gambo
5-7(18) × 0,5-3,0 cm, slanciato, fibroso, elastico, midolloso, assottigliato verso la base quando cresce in cespi, allargato e bulboso alla base se solitario; roseo e striato in alto, brunastro e via via più scuro dall'anello al piede.

Anello
Il velo parziale forma un anello supero, simile alla parte superiore di una calza svasata (armilla=calza) di notevole spessore, duraturo e striato, bianco pallido di sopra e bruno-giallastro fino a bruno-rossastro nella parte sottostante.

Carne
Soda quella del cappello, fibrosa e coriacea quella del gambo, che per tale motivo non deve essere utilizzato ai fini alimentari. Odore tenue, fungino, non molto gradevole. Sapore acidulo, dolciastro.

Habitat
Cresce in autunno a cespi su alberi vivi, alla base di ceppaie, qualche volta tra l'erba che occulta radici; a volte anche solitaria assumendo maggiori dimensioni.

Spore
7-9.5 × 5-7 µm, bianche, lisce, ellittiche.

Commestibilità o Tossicità
Buono se ben cotto, escludendo il liquame che si forma nella prima cottura ed il gambo coriaceo. Si presta anche alla conservazione. Si consiglia di schiumare con ramaiolo durante la bollitura per eliminare il viscidume indigesto e di non raccoglierla mai dopo gelate o congelarla cruda, in questi ultimi due casi diverrebbe tossica.

Osservazioni
E' un fungo camaleontico a seconda del ceppo ospite: giallo miele se nasce dal Gelso, bruno o bruno-rossastro dalle Querce fino a volte completamente candido se ospite dell'Acacia.

Somiglianze e Varietà
Può essere confuso con la Kuehneromyces mutabilis (Schaeff. : Fr.) Singer & A.H. Sm. = Pholiota mutabilis (Schaeff. : Fr.) P. Kumm. al pari ottima specie commestibile, forse superiore, o con Hipholoma fasciculare (Huds. : Fr.) P. Kumm., diversamente velenoso, che però ha lamelle che da giallo verdastro diventano nere, oltre all'amaro sapore della carne, la superficie del cappello sempre liscia e la presenza di un effimero anello nel gambo.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Pietro Curti - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


Dal Raduno in Sardegna; Novembre 2007; Foto di Bonni.

post-665-1194714043.jpg
enc.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information