Jump to content

2017.09 - Toscana - Tutor Alessandro


Alessandro F
 Share

Recommended Posts

Xerocomus subtomentosus (L. : Fr.) Quélet; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.
Commestibile discreto purché giovane e scartando il gambo. La colorazione della cuticola è variabile ma mai decisamente rosso-arancio. Carne di colore giallo chiaro nel cappello, più o meno ocra nella parte inferiore del gambo che è generalmente slanciato e flessuoso, sovente con costolature verticali. Alla sezione può mostrare un lieve viraggio verso un debole verde-azzurrognolo. Micelio basale biancastro. Fruttifica preferibilmente in boschi termofili mediterranei di latifoglia.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 197, Pag. 314: “L’estrema variabilità di questo fungo ha dato luogo a molte interpretazioni diverse; il carattere principale che lo contraddistingue è, senza dubbio, la mancanza di tonalità rossastre immediatamente sotto la cuticola del cappello; Xerocomus ferrugineus, a carne biancastra e commestibile, è simile alla nostra specie e ne differisce per i colori più carichi della cuticola, con la presenza sopra e sotto la stessa sempre di una componente più o meno rossiccia; molti autori lo considerano una semplice varietà del nostro fungo; altra differenza è il micelio basale giallognolo e nella parte alta del gambo si nota quasi sempre un falso reticolo. Xerocomus chrysenteron, commestibile, si distingue per le tonalità del gambo marcatamente rossastre, talvolta addirittura vermiglie; anche le tonalità sopra e sotto la cuticola sono più rossicce; il viraggio della carne e delle parti esterne è più immediato e intenso; micelio basale giallo molto chiaro.”

DSC00964.JPG.0b6577226d5358f2937f65bf8a283cfe.JPG

DSC00965.JPG.474d72c79ccfec20c913a5f7d5c568bd.JPG

DSC00966.JPG.a93f28c97b5e1a44a20c3fbb2b77d688.JPG

Il viraggio dopo 10 minuti

DSC00968.JPG.6afc585711202d7327d2908a79bb085e.JPG

Link to comment
Share on other sites

Clitocybe gibba (Pers. : Fr.) Kummer; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini. 

Detto anche imbutino per la caratteristica forma imbutiforme del cappello. Ha dimensioni medio piccole arrivando il suo diametro pileico a 7-8 cm di diametro. La cuticola del cappello è liscia e feltrata, su varie tonalità del beige, mai bianca; le lamelle sono biancastre o crema chiaro, molto fitte e nettamente decorrenti sul gambo; il gambo è cilindrico, di solito non più lungo del diametro pileico, un poco ingrossato alla base dove è presente una zona feltrata biancastra; sempre alla base del gambo si nota spesso, una volta tolto dal terreno, una copiosa parte di substrato (foglie, residui vegetali e altro) inglobato dal suo micelio; la colorazione del gambo è leggermente più chiara di quella del cappello; la carne è elastica e tenace, bianca, fibrosa nel gambo, di odore di mandorle amare e sapore gradevole. 

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 53, Pag. 157: “Si tratta di un buon commestibile ma è meglio utilizzare solo i cappelli. Si presta bene per la preparazione dei misti, specialmente quando scarseggiano altre specie più ricercate. Quando in cucina si impiega tale fungo nei misti, va tenuto presente che possiede carne elastica e tenace e che, come tutti gli altri funghi di consistenza simile, richiede tempi di cottura più lunghi; si consiglia quindi di precuocere per qualche minuto, prima di aggiungere esemplari di altre specie con carni più tenere.
È un fungo di medie dimensioni; nonostante ciò è forse il più conosciuto di tutto il Genere 
Clitocybe perché è comune, abbondante e relativamente facile da riconoscere.
La specie di 
Clitocybe che più gli si avvicina è senza dubbio C. costata che, morfologicamente ed ecologicamente, sembra quasi il suo sosia: si differenzia per il margine del cappello ornato da costolature a forma di “Y”, il gambo concolore al cappello e l’odore più marcato. Per distinguere con certezza le due specie si rende però necessario un test macrochimico: se mettiamo una goccia di idrossido di Potassio (KOH) sulla superficie del cappello di C. costata otteniamo una colorazione marrone scuro che non si verifica in C. gibba.
La confusione più pericolosa avviene con C. phaeophtalma, fungo tossico, appena più esile, avente il cappello solo infossato al centro (ombelicato) e difficilmente imbutiforme; la carne ha però un cattivo e netto odore di rancido. Il nostro funghetto può essere confuso anche con Lepista inversa che cresce nel medesimo habitat ma che ha colori aranciati, margine del cappello involuto, lamelle che si staccano facilmente dalla trama del cappello, carne con odore fungino e sapore un po’ astringente.”

DSC00970.JPG.ab90c146ba03d5ad1ba40775f06f9620.JPG

DSC00972.JPG.749e283f0fef80ee7ca8351a3f06bc4d.JPG

Link to comment
Share on other sites

Mycena pura (Pers. : Fr.) P. Kummer; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 85, Pag. 192: “È una delle più belle specie di Mycena, per i suoi colori violetti e la carne esigua, sottile, di colore biancastro. Si tratta in assoluto di una delle specie a maggiore diffusione ecologica: può essere rinvenuta in prossimità del mare, nei boschi litoranei mediterranei, sino ai boschi di Abete montani; oltre alla diffusione, grande è la sua variabilità cromatica che ha spinto vari autori a crearne molte forme e varietà. Possibile la confusione con Mycena rosea dalla taglia più grande, con cappello a lungo campanulato-parabolico e dal colore rosa-pallido, rosa-lilla, con il gambo fragile e non fibroso.”

DSC00997.thumb.JPG.8ade86c6e5211f6b262726e4fdbfbada.JPG

DSC00998.JPG.7b262b8998c3bdb2348357c6000a6030.JPG

DSC00999.JPG.0782a83f1beceab12f69a5de288db9d8.JPG

DSC01000.JPG.50b3279a86bed550c8c2c3fc3c8fc868.JPG

Link to comment
Share on other sites

Mycena rosea (Bulliard) Gramberg; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Nella foto con il caratteristico colore del cappello “rosa antico”, appena sfumato di vinoso. Mycena pura (con cui si può confondere) è più esile, ha colori variabilissimi sul cappello (bianco, grigio, rosato, violaceo, bluastro, ecc. ma non così “rosa antico”), ha gambo più corto, meno fragile.
I caratteri microscopici sono (quasi) sovrapponibili e, dal volume “Mycena d'Europa” di Giovanni Robich, “non sempre consentono una netta distinzione fra M. pura e M. rosea. Tuttavia, il più delle volte, M. rosea ha un cappello più grande e il gambo più largo e più lungo di M. pura.”

DSC00978.thumb.JPG.baa5e3b7a7615b926fa8dc1867b1a3a9.JPG

Link to comment
Share on other sites

Amanita muscaria (L. : Fr.) Lam.; Regione Toscana; Settembre 2017; foto di Alessandro Francolini.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 117, Pag. 226: “È il fungo più spettacolare e bello alla vista, cresce in numerosi esemplari che danno al bosco un aspetto fiabesco. È fungo velenoso, tanto che un tempo, cosparso di latte, veniva usato per uccidere le mosche (da cui il nome). Questa specie ha diverse varietà e forme come, ad esempio, Amanita muscaria var. formosa, con velo color giallo oro aranciato, comune sotto Eucaliptus, ma spesso negli stessi habitat della varietà tipo.”

DSC00973.JPG.e319407669447da3a27e87376692a400.JPG

DSC00974.JPG.3942cc9ded12ed893f4948c2ef1a8da4.JPG

Link to comment
Share on other sites

Boletus reticulatus Schaeff.; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.
Boletus aestivalis (Paulet) Fr. 

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 210, Pag. 330-331: “Abbastanza comune e molto ricercato. Inizia la sua crescita qualche settimana dopo i temporali primaverili del mese di maggio e continua a fruttificare, nelle aree mediterranee, fino a metà novembre. Quando l’aria è secca, tutta la superficie del cappello si screpola e rende visibile la carne bianca sottostante.
Nel periodo estivo e all’inizio dell’autunno il Boletus reticulatus in particolare viene invaso da larve anche quando si trova allo stadio di primordio. Questi insetti fanno parte principalmente di due famiglie di ditteri: la Famiglia Mycetophilidae e la Famiglia Sciaridae. Questi piccoli insetti micetofili hanno la consuetudine di insediarsi nel luogo dove c’è la fungaia. Le femmine iniziano a penetrare nel terreno e raggiungono la base del fungo, deponendovi 50-70 uova che subito dopo si schiudono. 
Le larve iniziano a cibarsi della carne invadendo e fagocitando l’intero fungo; una volta compiuto il loro stadio di larva, si impupano in un bozzoletto e così il ciclo ricomincia per numerose generazioni annuali.” 

A proposito di questo nome specifico (reticulatus), il Cetto riporta in nota alla scheda 265 della sua collana I funghi dal vero: “Si può determinare con una certa sicurezza (...) se si nota il tipico screpolarsi della cuticola del cappello, carattere che, contrariamente a quanto si crede, gli ha dato il nome. Qualcuno crede che il nome specifico derivi dalla presenza del reticolo sul gambo. Tale reticolo invece, presente anche nelle altre varietà dell’ edulis, non è per nulla determinante agli effetti di una sicura determinazione.”

DSC00975.JPG.6345108777524fc2b018354963031c5c.JPG

DSC00977.JPG.8ecac4a11f666ad053045903f356dfd7.JPG

DSC00992.JPG.98fcee7291c67fdd418cd7b7d4c85bf9.JPG

DSC00994.JPG.7bba07dd97893eb3885b30bbe5558dec.JPG

DSC01003.JPG.0f9bc1a92bc0d0074ab2b3a653889919.JPG

DSC01007.JPG.8d37c9dbf55ce7ca5f8e07574403e5cc.JPG

DSC01022.JPG.50278b8ab3ca52b6093f2f437f9123dd.JPG

DSC01024.JPG.b455096223e3a1837961e9cfced0c169.JPG

Link to comment
Share on other sites

Macrolepiota konradii (Huijsman ex P.D. Orton) M.M. Moser; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Cuticola spesso lacerata a forma di stella, con evidenti squame brunastre su fondo crema-pallido; le squame, che solitamente hanno il lembi rialzati, si staccano facilmente dalla cuticola. Il cappello presenta solitamente un evidente umbone. Il gambo è liscio e crema chiaro sopra l'anello e al di sotto è screziato da fini bande bruno-rossastre-chiare che lasciano intravedere il fondo crema pallido. L'anello presenta la faccia inferiore colorata di bruno più o meno chiaro. Habitat boschivo, talvolta nei prati al limitare dei boschi.
È simile a Macrolepiota excoriata che però presenta la squamatura sul cappello meno geometricamente pronunciata, ha cappello non così marcatamente umbonato ed ha il gambo più liscio, non screziato ma appena pruinoso-vellutato; ha anello biancastro anche nella faccia inferiore. Il suo habitat è praticolo.

DSC00980.JPG.d9c04fd126dca37fffe87a56aa04ca6f.JPG

DSC00983.JPG.e293e252017fc901dc749f46a42e5d07.JPG

DSC00986.JPG.dc8ba5622bdcf054f2dd673f18c1ceb1.JPG

Particolare dell'imenoforo e dell'anello

DSC00990.JPG.e8e98b18805d4626f36bb83fbb88a9c0.JPG

Fungo "eterogeneo" (come tutte le Macrolepiota), con evidente discontinuità della carne tra cappello e gambo; infatti il gambo si può facilmente staccare dal cappello.
In foto, dopo la netta asportazione del gambo, si nota anche il l'anellino ("collarium") in cui sono inserite le lamelle.

DSC00991.JPG.25a16c547ee82b8c9b9543aff57a25be.JPG

Link to comment
Share on other sites

Amanita vaginata (Bull. : Fr.) Vittadini; Regione Toscana; Settembre 2017; foto di Alessandro Francolini.

 Cappello con toni grigi (grigio cenere, grigio perla, grigio piombo,...) anche sfumato di ocraceo nella zona discale; umbone ampio ma non prominente; margine pileico con evidenti striature regolari; anello assente (o, meglio, dissociato e ridotto a fioccosità che rimangono aderenti alla base del gambo e ricoperti dalla volva; quindi anello non rilevabile sul gambo); gambo slanciato, bianco, liscio o coperto di fini fioccosità concolori; volva fragile ma abbastanza spessa, aderente al piede del gambo e libera all’orlo.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 114, Pag. 222: “Il Gruppo delle Amanita del sottogenere Amanita, sezione Vaginatae, è costituito da un numero di specie molto vasto e ancora non ben delimitato. Tranne rarissimi casi, per una corretta determinazione di questo gruppo è indispensabile l’attenta osservazione microscopica. Sono tutte commestibili di ottimo pregio; si usufruisce del solo cappello ed è obbligatoria una cottura adeguata (15 minuti dal primo bollore, perché sono tossiche da crude). Essendo funghi molto fragili devono essere raccolti con grande delicatezza.”

DSC01009.JPG.4bdaac8351e8835f8cf3e50484539d20.JPG

Link to comment
Share on other sites

Amanita rubescens (Pers. : Fr.) S.F. Gray; Regione Toscana; Settembre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Robusta Amanita dal cappello rossastro, rosso-brunastro, rivestito di piccole scaglie acute che si stagliano sul fondo per il loro colore grigio, grigio-rosato; anello carnoso, ampio e a gonnellino, striato sulla faccia esterna e posizionato in alto sul gambo; gambo che si allarga verso la base quasi bulbosa, bianco in alto e poi sfumato di rosa scendendo verso la base. La carne è biancastra ma tende ad arrossarsi nelle ferite e nelle contusioni. La volva non è ben visibile: il velo generale alla base si frammenta fin da giovane, lasciando alla base del gambo soltanto residui in forma di protuberanze più o meno accentuate. Contiene tossine termolabili.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 121, Pag. 231: “Discreto commestibile da consumare cotto, contiene tossine termolabili che si disgregano e svaniscono con adeguata cottura. Cotto alla griglia risulterebbe quasi crudo nelle parti interne, con conseguente grave rischio di intossicazioni con sindrome emolitica.”

DSC01026.JPG.94511aedfeb554ce8bc625ade54ef427.JPG

DSC01027.JPG.c453300594a6fe08b0fbde1c1249671d.JPG

Link to comment
Share on other sites

Amanita pantherina (De Cand. : Fr.) Krombh.; Regione Toscana; Settebre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Fungo ubiquitario, assai comune. Molto velenoso. Cresce isolato o fortemente gregario, da giugno-luglio a novembre, al margine o nei boschi di aghifoglie e latifoglie; spesso invasivo. Caratterizzato dalla presenza di un anello posto nella parte medio-bassa del gambo, dalla volva aderente al bulbo, circoncisa e dissociata in due o tre cercini più o meno paralleli ed evidenti.
 
Amanita simili possono essere: A. gemmata (ma con cappello giallo o giallo-ocraceo e non bruno), A. franchetii (che però ha velo generale giallastro e non bianco: quindi presenta verruche gialle sul cappello al contrario dell’A. pantherina che le presenta decisamente bianche; ha inoltre volva non circoncisa ma dissociata in fioccosità giallastre), A. rubescens (con l’anello a gonnellino e posto molto in alto sul gambo, con colori bruno-rossastri e con carne che vira al rossastro a contatto con l’aria mentre la carne di A. pantherina è bianca immutabile; ha infine volva non circoncisa ma dissociata in fioccosità rossastre).
Come per Amanita muscaria può considerarsi “spia del porcino” perché ha lo stesso habitat. 

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 119, Pag. 229: “Amanita pantherina è fungo velenoso, talora mortale. Provoca avvelenamento di tipo neurotropico simile, ma più grave, a quello provocato dall’Amanita muscaria. I sintomi compaiono da trenta minuti a tre ore dopo l’ingestione. I principi tossici colpiscono prevalentemente il sistema nervoso centrale.”

DSC01011.thumb.JPG.28e60c2c3fd3e50e73985c820691bed3.JPG

DSC01031.JPG.f3cee0960484db99a9364f49f6e47b58.JPG

DSC01033.thumb.JPG.60c2136140c1a763433651a93a686ef4.JPG

DSC01035.thumb.JPG.2705693018c4ff48b5959614543959ff.JPG

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information