Jump to content

Recommended Posts

  • 6 months later...
  • 3 weeks later...

Schizophyllum commune Fr.: Fr.; Regione Toscana; Gennaio 2018; Foto di Alessandro Francolini.

La caratteristica fondamentale è data dalle lamelle o, meglio, dal loro filo che è tipicamente fessurato longitudinalmente sì da far apparire le lamelle stesse come sdoppiate. Sembra infatti che le lamelle siano “incollate” due a due con le loro facce. In realtà è solo il filo della singola lamella che è sdoppiato e che crea questa particolare illusione ottica. Il nome del Genere Schizophyllum deriva dal greco skhízo = fendere e phýllon = foglia [col significato di foglia (= lamella) divisa]. Il colore delle lamelle varia dal crema-carnicino al rosa-rosso.
Visto da sopra (superficie sterile del cappello) non è un fungo dalle caratteristiche appariscenti: la superficie è nettamente feltrata-lanosa, con colori prevalentemente chiari (panna, crema, grigiastro, rosa sporco), anche con macchie verdi per la presenza di alghe. In genere si presenta sessile o tutt’al più con gambo rudimentale, laterale e brevissimo. La forma del cappello varia dal rotondeggiante a quella di un ventaglio; l’orlo è lanoso, irregolare, lobato e involuto. Le dimensioni variano da 1 a poco più di 5 cm. Comune durante tutto l’anno, soprattutto su legno di latifoglie. 

DSC02488.JPG.38712be50cc92f6c8961ef320ad66fcc.JPG

DSC02489.JPG.97f1b61bbad8ed8c336ca87be926d63d.JPG

DSC02491.JPG.51a452fcda5c097fa2f95ea188759ccc.JPG

Primordi

DSC02492.JPG.b7570d778bb7de397f1b346f91b2c3fb.JPG

DSC02516.JPG.4e25c893f992a3c34fa1b5fa0d7ea877.JPG

Sezionato trasversalmente, con il particolare profilo delle lamelle

DSC02523.JPG.c55703641bb9de824a37e43535f0830e.JPG

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information