Jump to content

Recommended Posts

  • 4 weeks later...
  • 3 years later...

Lactarius deliciosus (L. : Fr.) Gray; Regione Toscana; Novembre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

È un Lactarius relativamente facile da determinare per l’habitat esclusivo sotto Pino, anche con presenza di Ginepro; per il cappello da ocra-arancio a giallo-arancio con evidenti zonature concentriche più scure; per il latice non particolarmente fluido, di color arancio carota, dolce e immutabile (o virante a colori più pallidi); per gli scrobicoli arancio-rossi presenti sul gambo; per la taglia medio-grande (con cappello che arriva fino a 15 cm di diametro).

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 174, Pag. 291: “Viene facilmente confuso con le altre specie a latice rosso-carota, per cui sono necessari per una esatta identificazione: il colore del latice al taglio della carne color arancio carota e immutabile, il cappello zonato con colorazioni assai cariche, il gambo scrobicolato, la tendenza praticamente minima all'inverdimento (anche se in alcune situazioni ecologiche è molto evidente) e l'habitat sotto Pino o Ginepro.
Lactarius sanguifluus cresce anche lui sotto Pino a due aghi, presenta maggior inverdimento, colori pileici arancio violacei e latice caratteristicamente rosso sangue, rosso-vinoso intenso.”

post-4417-0-34928100-1480061183.jpg

Particolare dell'imenoforo e del gambo scrobicolato:

post-4417-0-89591100-1480061187.jpg

Al taglio la carne assume color arancio-carota; il latice, in questo esemplare, era particolarmente scarso e per niente fluido.

post-4417-0-03644400-1480061192.jpg

Inverdimento parziale e molto tardivo (dopo quasi 4 ore dal taglio) nelle zone contuse:

post-4417-0-26680600-1480061197.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information