Vai al contenuto

Recommended Posts

Lactarius volemus (Fr.) Fr.

Tassonomia
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Foto e Descrizioni

Lactarius volemus (Fr.) Fr.

Tassonomia
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Genere Lactarius

Sezione Lactifluus

Etimologia

Dal sostantivo latino Volemum, volemi = varietà di pera dalle grandi dimensioni, che riempie il palmo della mano; con ciò facendo riferimento alle dimensioni del carpoforo.
Cappello
7-12(15) cm, prima convesso, poi appianato infine depresso, nessuna presenza di umbone, margine brevemente involuto, cuticola opaca ed asciutta, finemente vellutata, caratteristica osservabile con l’aiuto di una lente d’ingrandimento, di colore giallo-aranciato fino ad arancio-bruno o fulvo-rossastro secondo le condizioni d’idratazione, in maturità ha la tendenza a screpolarsi. Talvolta presenta delle piccole macchie più scure.
Imenoforo
Lamelle adnate o brevemente decorrenti, fitte e sinuose, intercalate da lamellule, colore crema o giallo-ocra pallido, con la tendenza a macchiarsi di marrone-bruno alla frattura o nei punti d’emersione del latice.
Gambo
6-10(12) × 1,5-3 cm, non slanciato ma panciuto ed attenuato verso la base, concolore al cappello o più chiaro, in special modo verso l’alto, talvolta interamente giallastro o con presenza di macchioline brunastre; opaco, a volte pruinoso e rugoso.
Carne
Spessa, soda anche se fragile e cassante, biancastra con tendenza ad imbrunire leggermente nelle zone sottoposte a manipolazione e frattura. Odore molto persistente e sgradevole, d’aringa affumicata o crostacei cotti che rimane chiaramente percettibile anche a una certa distanza di tempo dalla raccolta, sapore mite e gradevole. Latice abbondante, denso, dolce, bianco, talvolta opaco e sieroso, ma comunque virante al bruno-marrone dopo qualche minuto e con l’essiccazione.
Habitat
Fruttifica in boschi di latifoglie, particolarmente abbondante sotto Fagus sylvatica L. (Faggio) ma non è raro trovarlo anche sotto Picea abies (L.) H.Karst. (Abete rosso), Abies alba Miller (Abete bianco) e Castanea sativa Miller (Castagno), molto comune nelle zone di fruttificazione comparendo già in estate avanzata per continuare fino all’autunno inoltrato.
Commestibilità e tossicità
È uno dei due Lactarius a latice bianco che può essere considerato commestibile, l’altro è il Lactarius rugatus Kühner & Romagn..
Somiglianze e varietà
Molto simile è il Lactarius rugatus, si presenta sostanzialmente con le stesse caratteristiche cromatiche, toni forse un po' più carichi, ma con dimensioni più ridotte e lamelle meno fitte, l’odore non così penetrante, tanto da poter essere definito gradevole, è facilmente distinguibile perché la cuticola non tende a screpolarsi con il tempo, anzi forma delle caratteristiche rughe sul margine, che tendono ad aumentare di spessore con la maturazione o con la scarsa idratazione, tale particolarità gli è valsa il nome della specie. Il latice in questo fungo, a differenza del Lactarius volemus, non ha la caratteristica di virare rimanendo bianco anche con l’essiccazione.
Osservazioni
Il Lactarius volemus è ubiquitario, spazia tra pianura, collina e montagna non avendo preferenze specifiche riguardo all'habitat; il Lactarius rugatus invece, predilige boschi planiziali e xerofili presentandosi quasi esclusivamente nelle macchie mediterranee e in zone a clima temperato. Il Lactarius volemus è abbastanza ricercato in alcune regioni con il nome popolare di Lattario volemo o Peveraccio giallo, tuttavia il forte odore d’aringa, permane anche dopo la cottura.
Bibliografia
BASSO, M.T., 1999. Lactarius Pers. Fungi Europæi. Vol 7. Alassio (SV): Ed. Mykoflora.

Scheda AMINT tratta da Tutto Funghi.

Regione Lombardia; Settembre 2008; Foto di Federico Calledda.

post-620-1222449247.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lactarius volemus (Fr.) Fr., Regione Marche; Foto di Pietro Curti.



Insieme al Lactarius rugatus rappresenta uno dei due Lactarius a latice bianco commestibili. Si caratterizza per il latice bianco abbondante alla frattura, per la cuticola che tende a screpolarsi con tempo secco e per il forte odore di aringa affumicata.



post-36492-0-96434600-1461178359.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lactarius volemus (Fr.) Fr., Regione Lombardia; Giugno 2009; Foto di Massimo Mantovani.

Specie appartenente alla Sezione Lactifluus: è caratterizzata dal pileo fulvo-rossastro; dalla cuticola che appare opaca e vellutata; dalle lamelle fitte che si macchiano di brunastro alle fratture; dal latice molto abbondante e dal forte odore di aringa. La specie più prossima è il Lactarius rugatus, distinguibile per le lamelle piuttosto spaziate, per l'ambiente tipicamente mediterraneo e per l'odore leggero e gradevole.

post-735-1246260142.jpg

post-735-1246260183.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information