Jump to content

Recommended Posts

Amanita phalloides (Vaill. ex Fr. : Fr.) Link; Regione Marche, Pianello di Cagli, Bosco delle Tecchie; Ottobre 2012; Foto di Pietro Curti.

post-4-0-15592400-1352075223.jpg

Confronto con il quasi sosia Tricholoma sejunctum.

post-4-0-42793400-1352075232.jpg

Gambo con striature zebrate in Amanita phalloides.

post-4-0-28728700-1352075241.jpg

Presenza di anello e volva in Amanita phalloides.

post-4-0-22924300-1352075250.jpg

Gambo con decorazioni striate.

post-4-0-33232300-1352073612.jpg

Volva ampia e sacciforme.

post-4-0-06216300-1352073626.jpg

Gruppo, si tratta del fungo letale per antonomasia, il responsabile primo degli avvelenamenti con diagnosi infausta (20/30 gr di fungo fresco uccidono un uomo in perfette condizioni di salute del peso corporeo di 70 Kg).

post-4-0-08754900-1352074031.jpg

Link to post
Share on other sites

Amanita phalloides (Vaill. ex Fr. : Fr.) Link; Regione Campania; Agosto 2013; Foto Mario Iannotti.

Fungo molto conosciuto sin dall'antichità per la potenzialità delle sue tossine di provocare la morte. Si presenta con colorazioni variabili, la tonalità principale è il verde oliva, non uniforme, ma possiamo trovarla anche con toni di colore che vanno dal biancastro al giallognolo, al bruno-oliva, o completamente bianco sericeo nella varietà alba. In questo ritrovamento il cappello ha una colorazione bianco sericeo con sfumature giallastre, nei giovani esemplari ha una forma emisferica, poi a completo sviluppo spianata, presenza di fibrille, margine non striato. Gli altri particolari da osservare sono: lamelle, anello e gambo bianchi, base bulbosa con volva membranosa sacciforme bianca.

post-12947-0-17025500-1376326564.jpg

post-12947-0-51615000-1376326636.jpg

post-12947-0-51673600-1376326679.jpg

post-12947-0-66558600-1376326732.jpg

post-12947-0-47318200-1376326771.jpg

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...
  • 2 years later...
  • 2 weeks later...

Amanita phalloides (Vaill. ex Fr.) Link; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 124, Pag. 234“Velenoso mortale. Responsabile del maggior numero di decessi dovuti all’incauta raccolta dei funghi spontanei. Provoca intossicazione a lungo termine di tipo falloideo.
Le caratteristiche prioritarie e principali per il suo riconoscimento sono: la presenza di quattro strutture morfologiche ben definite (cappello, gambo, anello e volva), il colore molto mutevole del cappello con prevalenza del verdastro e presenza di fibrille radiali innate; il colore sempre bianco del gambo, dell’anello e della volva, con la sola eccezione della presenza di screziature, quasi zebrature sul gambo, lievemente concolori al cappello; il cappello divisibile dal gambo e lamelle libere.
Quando è gialla è confondibile con l’Amanita junquillea e con l’Amanita citrina
 che hanno volva circoncisa e residui velari diversi sul cappello. Quando perde l’anello ed è di colore bianco o ardesia è confondibile con le Volvariella, senza anello e volva al piede, ma lamelle presto rosee. Quando è di colore bianco o grigiastro o brunastro e perde la volva si confonde con qualche Agaricus, dalle lamelle bianche poi rosee poi bruno-tabacco. Quando appare priva di volva ed anello ed è verde è confondibile con alcune Russula e alcuni Tricholoma, in particolare con Tricholoma sejunctum che ne è un vero sosia in quanto a colore pileico. Sempre con tonalità bruno verdastre, perdendo la volva, può essere confuso con Armillaria mellea isolate, cresciute al suolo, su radici e ceppaie interrate. Se è bianca con Tricoloma columbetta, Melanoleuca evenosa e Leucoagaricus leucothites. Infine allo stadio di ovulo con l’Amanita caesarea o più raramente con qualche Lycoperdon.”

post-4417-0-15798300-1477493043.jpg

post-4417-0-56636000-1477493049.jpg

post-4417-0-88780700-1477493053.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information