Jump to content

2017.10 - Toscana - Tutor Alessandro


Recommended Posts

Boletus aereus Bull. : Fr.; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 209, Pag. 328: “Ottimo commestibile, può essere consumato crudo. Si tratta certamente del Porcino di qualità migliore: la compattezza delle carni, il suo delicato sapore, unito a un profumo soave e mai eccessivo, lo rendono sicuramente il più ricercato e appetibile. Adatto anche all’essiccazione dopo essere stato tagliato a fette.
Il colore del cappello può raggiungere tonalità scure più che negli altri Porcini, per arrivare a colorazioni praticamente nerastre. Il contrasto tra il bianco latteo dei pori e il bruno-nerastro del pileo è incredibilmente forte. Singoli individui raggiungono non di rado 1-2 Kg di peso, evento del tutto eccezionale per la maggioranza delle specie diffuse nella nostra penisola. Tra i Porcini è quello che con maggior frequenza ama crescere in coppia o in piccoli gruppi. Sovente gregario e associato con altri soggetti, regala sempre raccolti importanti.”

Sotto cerro, nascosto tra le foglie.

DSC01160.JPG.97caec624a027cc4bb1b05a0f97f951e.JPG

Pulito dalle foglie

DSC01162.JPG.40330fd50bab33561bca83263d67141a.JPG

Emergente dalle foglie

DSC01170.thumb.JPG.aca711a01fb9be2bd30fb27e1d477455.JPG

DSC01168.JPG.afb2054f3d94635fb428a5f74d503c03.JPG

Esemplare maturo

DSC01179.JPG.bb428612267a17930e2b30094e0faa0c.JPG

DSC01181.JPG.27b77e7d5a87dfdd75b57fe8af427d55.JPG

Giovane esemplare con la cuticola del cappello molto scura (da cui il nomignolo popolare di "neri" dato a questa specie di "porcino")

bq.JPG.a50221e18aebe79e43e6d00149111979.JPG

DSC01214.JPG.231f4d4706a784ced39b3aa8efc582e5.JPG

DSC01219.thumb.JPG.e477c56158fff6d86460d6582cacb22c.JPG

bv.JPG.b89972399549f77830eea0cc57f1e28d.JPG

Esemplare maturo

czu.JPG.7e75e19ad14849765a1cd0a36d6c9f8c.JPG

czv.JPG.ad40435bf049c745c9aa5ebc33bcb3d0.JPG

czw.JPG.cd2c84ab0986b38a499da44fe5ff5950.JPG

Link to post
Share on other sites

Omphalotus olearius (De Cand. : Fr.) Fayod; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

Caratterizzato dal cappello imbutiforme (tranne da giovanissimo in cui è convesso), dal colore brillante che va dall’arancio al bruno-aranciato, ma anche al bruno scuro. Lamelle di colore giallo-oro o giallo-aranciato (comunque sempre più giallastre rispetto al colore del cappello), molto decorrenti sul gambo e intercalate da lamellule. Si tratta di una specie che, se stropicciata, macchia le mani di arancione. Specie tossica. È lignicola e cresce di solito cespitosa alla base o sulle radici di latifoglie (in prevalenza Cerro, Leccio e Olivo).
 L’eventuale e grossolana confusione con i “galletti o finferli” (Cantharellus cibarius e simili), dovuta ad una errata interpretazione delle rispettive colorazioni, è comunque improbabile viste le differenze morfologiche e ambientali. Vere lamelle in Omphalotus olearius, una sorta di costolature o pseudolamelle in Cantharellus sp., crescita lignicola di O. olearius, terricola in Cantharellus cibarius e simili.
Più facile confondere, a causa della colorazione talvolta simile, O. olearius con Hygrophoropsis aurantiaca che tuttavia cresce isolata o tutt’al più gregaria (preferendo le aghifoglie alle latifoglie) su residui vegetali in decomposizione, ha imenoforo privo di lamellule, con lamelle caratteristicamente dicotomiche (cioè si biforcano alcune volte, in senso radiale, partendo dal gambo verso il margine del cappello).

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 180, Pag. 297: “Specie tipo del genere Omphalotus, termofila, molto diffusa nell’area mediterranea, può essere saprotrofa ma prevalentemente è parassita. Spesso la ritroviamo affiorante dal suolo, apparentemente terricola, ma basta scavare leggermente sotto il gambo per trovare la radice o il legno che le fa da supporto.”

aa.JPG.958daca2a166adc0efd18e8518f1fbe3.JPG

ab.JPG.15cfde1c5c7dc41bd6b344f1c49b49d2.JPG

ac.JPG.cea34a3f22e9f9df76b4b18a765b2868.JPG

Link to post
Share on other sites

Lepiota clypeolaria (Bull. : Fr.) Kummer; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Cappello con fini squamule brunastre su fondo pallido, più appressate al centro; margine appendicolato; gambo (liscio all'apice) fioccoso-lanoso con fiocchetti crema-chiaro. Simile a Lepiota ventriosospora che ha però velo giallastro-aranciato e che quindi presenta squamule sul cappello più aranciate e fiocchetti sul gambo concolori. Odore sgradevole che può ricordare quello di Lepiota cristata e che può quindi paragonarsi a quello della gomma più o meno bruciata, del copertone surriscaldato delle ruote o simili.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 92, Pag. 199: “Velenoso, sospettato di provocare complicazioni gastroenteriche anche di forte entità. È una delle poche Lepiota di media taglia di consistenza fragile: difficoltosa è la raccolta senza comprometterne l'integrità.”

ba.JPG.00837fcbabdae1b4e715b012683fba09.JPG

bb.JPG.1d74aee9818667d7b513622596b2e141.JPG

bc.JPG.252adc6d170e209dfb6197db3c86c9cb.JPG

Link to post
Share on other sites

Entoloma sinuatum (Bull.) P. Kumm.; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.
= Entoloma lividum (Bull.) Quélet

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 130, Pag. 242: “Tossico. Provoca disturbi gastro-intestinali acuti e intensi, con possibili complicazioni in relazione alla quantità ingerita. I francesi lo chiamano “le perfide” perché il suo aspetto invitante, unito al buon sapore a odore in gioventù, possono indurre al tragico errore di superficialità il principiante che, attratto dall’aspetto gradevole, potrebbe raccoglierlo e incautamente consumarlo. Si tratta di un fungo poco conosciuto che provoca numerose intossicazioni per la sua somiglianza con alcune specie eduli o diversamente ormai riconosciute al pari tossiche come Clitocybe nebularis, sospetto di tossicità, che ha lamelle bianche e non rosa, decorrenti sul gambo e non libere, più fitte e regolari, e con odore caratteristico non di farina.”

cb.JPG.d17ae8501e44db51215f46b4691c9a44.JPG

cd.JPG.ee87ed1af6a42713bcf8b194a5022d5d.JPG

Il colore del deposito sporale 

ce.JPG.6e7534bb68ed6ae0e13181ef53887cab.JPG

Link to post
Share on other sites

Amanita caesarea (Scop. : Fr.) Pers.; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 116, Pag. 225: "Questo fungo ama in particolare i siti soleggiati e caldi, con esposizione a sud, in particolare radure e aperture boschive. Per l’insieme delle situazioni descritte non è raro trovarlo ai margini dei sentieri boschivi più aperti e soleggiati. Spesse volte può essere parassitato da un ifomicete (fungo che cresce parassita su altro fungo): si tratta di Mycogone rosea che riveste la superficie di Amanita caesarea con una sorta di muffa rosa; in questi casi si sconsiglia tassativamente la raccolta e il consumo degli esemplari interessati dal processo di parassitismo."

********

Esemplare ancora parzialmente chiuso; in Toscana la raccolta di un esemplare simile è vietata. (Ma non la fotografia... :) )

al.JPG.f2f9d90c7b4925cc99a815249eb5dcc0.JPG

In alcune Regioni la raccolta di Amanita caesarea è consentita quando il velo generale si è spontaneamente lacerato lasciando così intravedere il colore arancione della cuticola del "futuro" cappello: quindi un esemplare come quello delle foto precedente può essere raccolto.

In Toscana, però, la legge è più restrittiva (Legge Regionale n° 58/2010): la raccolta è infatti consentita solo se le "lamelle sono visibili", cioè se anche il velo parziale comincia a lacerarsi oppure se il fungo è giunto a maturità (con il "cappello aperto"). Ciò consentirebbe con più alta probabilità la corretta sporulazione del fungo.

*************

be.JPG.a7176603440bf60930fb2fe03a0ed8d9.JPG

bp.JPG.971ee521b33b559dcb44d397766c729e.JPG

cm.JPG.c0203b798e9343b23bb7ba263307b8fc.JPG

Esemplare al massimo sviluppo, col cappello che si è completamente disteso e anche revoluto

cu.JPG.87203b270786cb4cb905e3fe05578132.JPG

cy.JPG.47309127778ea01e20242bee1b2f6d79.JPG

cz.JPG.e4e091ca9756283f99eb933543bddb9c.JPG

czc.JPG.0b3e0b28c0aea84f79c6acdebdd2fc0d.JPG

czd.JPG.8aee789f12ea85a5843cb4839ba963ff.JPG

db.JPG.5c2726a7287c361044cb66877abfdeab.JPG

dp.JPG.53bca211dd72b3b0644eec0a1bf8879e.JPG

dq.JPG.4ba9f77db3c40a727de743369797bd09.JPG

Link to post
Share on other sites

Amanita rubescens (Pers. : Fr.) S.F. Gray; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Robusta Amanita dal cappello rossastro, rosso-brunastro, rivestito di piccole scaglie acute che si stagliano sul fondo per il loro colore grigio, grigio-rosato; anello carnoso, ampio e a gonnellino, striato sulla faccia esterna e posizionato in alto sul gambo; gambo che si allarga verso la base quasi bulbosa, bianco in alto e poi sfumato di rosa scendendo verso la base. La carne è biancastra ma tende ad arrossarsi nelle ferite e nelle contusioni. La volva non è ben visibile: il velo generale alla base si frammenta fin da giovane, lasciando alla base del gambo soltanto residui in forma di protuberanze più o meno accentuate. Contiene tossine termolabili.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 121, Pag. 231: “Discreto commestibile da consumare cotto, contiene tossine termolabili che si disgregano e svaniscono con adeguata cottura. Cotto alla griglia risulterebbe quasi crudo nelle parti interne, con conseguente grave rischio di intossicazioni con sindrome emolitica.”

czg.JPG.f117265fa6e691329ce742f2a425bf29.JPG

Link to post
Share on other sites

Lactarius chrysorrheusus Fr.; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Lactarius molto comune, gregario, presente dalla tarda estate all’autunno. Caratteristiche utili al riconoscimento sono: latice amaro e acre, abbondante e fluido, bianco ma subito giallo-zolfo o giallo-oro sia lasciato sulle lamelle che isolato; cappello di medie dimensioni, liscio e asciutto, con zonature o guttule concentriche più scure del colore di fondo che varia dal color albicocca al crema con riflessi carnicini al rosa-arancio; carne dall’odore un po’ fruttati, biancastra ma presto di colore giallo zolfo al taglio; gambo più o meno slanciato, senza scrobicoli, subconcolore al cappello.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 176, Pag. 293: “Uno dei Lactarius più abbondanti e presenti in area mediterranea, cresce a piccoli gruppi, in modo diffuso e generalizzato; non esiste un solo angolo del bosco che non mostri la presenza di questo fungo nei momenti in cui si trova in produzione.
Si tratta di una specie fortemente tipicizzata e che difficilmente può essere confusa con altre: solo Lactarius decipiens può avvicinarsi e presentare una certa somiglianza: l’assenza di zonature sul cappello, il colore rossastro e in particolare il caratteristico odore di Pelargonio, aiutano moltissimo alla sua determinazione. Altre specie con cromatismi analoghi e zonature sul cappello, sono decisamente più grandi, non hanno latice ingiallente e non possono quindi essere confuse con questo fungo.
L’acredine lascia supporre la presenza di sostanze tossiche, anche se lievemente presenti in questo caso.

czh.JPG.197d93c06938f387203d7bc8615f2d58.JPG

czi.thumb.JPG.abc6f5b06423bb63488e11982aa457c8.JPG

Link to post
Share on other sites

Amanita phalloides (Vaill. ex Fr.) Link; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 124, Pag. 234: “Velenoso mortale. Responsabile del maggior numero di decessi dovuti all’incauta raccolta dei funghi spontanei. Provoca intossicazione a lungo termine di tipo falloideo.
Le caratteristiche prioritarie e principali per il suo riconoscimento sono: la presenza di quattro strutture morfologiche ben definite (cappello, gambo, anello e volva), il colore molto mutevole del cappello con prevalenza del verdastro e presenza di fibrille radiali innate; il colore sempre bianco del gambo, dell’anello e della volva, con la sola eccezione della presenza di screziature, quasi zebrature sul gambo, lievemente concolori al cappello; il cappello divisibile dal gambo e lamelle libere.
Quando è gialla è confondibile con l’Amanita junquillea e con l’Amanita citrina che hanno volva circoncisa e residui velari diversi sul cappello. Quando perde l’anello ed è di colore bianco o ardesia è confondibile con le Volvariella, senza anello e volva al piede, ma lamelle presto rosee. Quando è di colore bianco o grigiastro o brunastro e perde la volva si confonde con qualche Agaricus, dalle lamelle bianche poi rosee poi bruno-tabacco. Quando appare priva di volva ed anello ed è verde è confondibile con alcune Russula e alcuni Tricholoma, in particolare con Tricholoma sejunctum che ne è un vero sosia in quanto a colore pileico. Sempre con tonalità bruno verdastre, perdendo la volva, può essere confuso con Armillaria mellea isolate, cresciute al suolo, su radici e ceppaie interrate. Se è bianca con Tricoloma columbettaMelanoleuca evenosa e Leucoagaricus leucothites. Infine allo stadio di ovulo con l’Amanita caesarea o più raramente con qualche Lycoperdon.”

czn.JPG.165d0e859641d83b3dad6a7568202cff.JPG

czo.thumb.JPG.e39590f15c577b7447dc03340c2d7a30.JPG

czo..JPG.e7bc9990f8ce4171a136f48c09d5c702.JPG

Link to post
Share on other sites

Leccinum duriusculum (Schulzer ex Kalchbr.) Singer; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 216, Pag. 337: “Il forte annerimento della carne, le tonalità verdastre alla base del gambo e la stretta simbiosi con Pioppo ne semplificano la determinazione. Il Leccinum scabrum, specie maggiormente conosciuta e apprezzata nel Nord Italia, si differenzia per la carne pressoché immutabile e per l’habitat di crescita, generalmente associato a Betulla. Nonostante l’annerimento delle carni con la cottura, come del resto per tutti i Leccinum, L. duriusculum risulta essere uno dei più ricercati e consumati tra i Porcinelli.”

****************************

Qui fotografato, invasivo, vicino a una pista ciclabile fiancheggiata da una fila di Pioppo bianco

ac.thumb.JPG.dbf78af3af8437aba8e1f8fd87ef93bb.JPG

ae.thumb.JPG.bf41ce20e5d1cd5399010c2475c48afb.JPG

af.JPG.96c95edf273e82756e0eedeed2b4c60d.JPG

ah.JPG.2a90550d87d68f09543bd9412d45961a.JPG

ag.JPG.c5fac21551eb2e28d3ea96a33ad526b4.JPG

ai.JPG.80ea911d6030cd6b855dbee3d409d364.JPG

al.JPG.fce36043079db828ec9c4492934a93f3.JPG

Macchie di tonalità verde-bluastro verso la base del gambo

aq.JPG.11e5ec62927f4b8c7bd28cd2d58f823a.JPG

Nell'esemplare di sinistra si può osservare il viraggio

bb.JPG.a00ba652f769ad12782658886d1d09e1.JPG

Appena sezionato: carne bianca

bc.JPG.bac16b540a5f3ba7169d2248f6fcca7b.JPG

dopo un minuto

bd.JPG.3259346e5c2c0ade19bc379a810546e5.JPG

dopo 5 minuti

bf.JPG.214ad2ed63f54dcb5579cafe24bc3cdf.JPG

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...

Important Information