Jump to content

2010.11 - Lazio - Tutor Tomaso Lezzi


Tomaso Lezzi
 Share

Recommended Posts

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis, foto di Tomaso Lezzi

 

Psathyrella con il cappello tipicamente paraboloide, molto igrofano, che quando è umido è marrone scuro e mostra delle nette scanalature per trasparenza, mentre quando è asciutto diventa quasi biancastro e non mostra le lamelle in tasparenza. Microscopicamente è caratterizzato dalle setae, delle ife grandi, di colore giallo nelle struttura della cuticola.

 

Psathyrella-conopilus-01.jpg

 

Psathyrella-conopilus-02.jpg

 

Il confronto tra un campione con il cappello asciutto e due col cappello umido.

 

Psathyrella-conopilus-04.jpg

 

L'esemplare con il cappello asciutto.

 

Psathyrella-conopilus-06.jpg

 

Gli esemplari con il cappello umido che mostrano le striature per trasparenza.

 

Psathyrella-conopilus-05.jpg

 

Tipiche le cellule presenti sulla cuticola, denominate setae, per la forma estremamente allungata simile ad un capello, microscopia di Luigi Minciarelli.

 

IMG_6807_6812_2.jpg

 

Spore: 14,7-18,9×6,9-8,9 µm; Q=1,8-2,4; Qm=2,07, di forma piuttosto regolare, ellissoidali.

 

IMG_6997_7000_1.jpg

Link to comment
Share on other sites

Lactarius quietus (Fr.: Fr.) Fr., foto di Tomaso Lezzi

 

Campioni trovati sotto un grande Leccio, colori marroni-rossicci, cappello zonato, macchiato, gambo concolore, latice dolce, bianco leggermente giallino, un poco acquoso, odore particolare aromatico.

 

post-2993-077270500%201290956559.jpg

 

Il latice dolce, bianco leggermente giallino, un poco acquoso, odore particolare aromatico.

 

post-2993-097864700%201290956606.jpg

Link to comment
Share on other sites

Lyophyllum subglobisporum Consiglio & Contu, foto di Tomaso Lezzi

Sezione Difformia

Subsezione Difformia

 

Ritrovamento di Castelfusano, sotto Quercus ilex e Pinus pinea, sul bordo del sentiero.

Crescita di più esemplari vicini, ma non connati, né cespitosi, consistenza elastica, ma non cartilaginea, cappello marrone, lamelle bianche non annerenti, gambo marrone più chiaro del cappello, odore e sapore neutri, sporata bianca.

Spore non amiloidi, cianofile, globose, subglobose, cortamente ellissoidi, 4,8-5,8 × 4,2-5 µm, Qm = 1,16, filo della lamella fertile, con peli cistidiali; basdi tetrasporici lunghi 40 µm ca. cuticola con pigmento intraparietale cioè compreso nello spessore delle pareti delle cellule, GAF abbondanti e di grandi dimensioni.

 

Simile al Lyophyllum decastes, che ha le spore globose.

 

 

post-2993-022768100%201290813428.jpg

 

Particolare delle lamelle.

 

post-2993-003079100%201290813431.jpg

 

Spore non amiloidi in Melzer.

 

post-2993-022832800%201290813433.jpg

 

Spore cianofile in Blu cotone lattico a caldo.

 

post-2993-023095200%201290813435.jpg

Link to comment
Share on other sites

Lyophyllum subglobisporum Consiglio & Contu, foto di Tomaso Lezzi

 

Peli cistidiali sul filo della lamella.

 

post-2993-064730300%201290813535.jpg

 

Basidi e basidioli in Floxina.

 

post-2993-044253700%201290813543.jpg

 

Basidi e basidioli in Floxina.

 

post-2993-014163300%201290813545.jpg

 

Pigmento intraparietale nelle ife della cuticola, osservazione in acqua.

 

post-2993-081131300%201290813537.jpg

 

post-2993-058778900%201290813539.jpg

 

GAF abbondanti e di grandi dimensioni nelle ife della cuticola, osservazione in acqua.

 

post-2993-047862600%201290813541.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ossicaulis lignatilis (Pers.) Redhead & Ginns, foto di Tomaso Lezzi.

(recuperato per l'archivio)

 

Nuovo ritrovamento di novembre 2010, su avanzi di legno a terra di un albero in disfacimento non più identificabile, gambo da centrale a tipicamente asimmetrico, fortissimo odore di farina.

La simile Ossicaulis lachnopus (Fr.) Contu, secondo M. Contu ha misure sporali piccole: 2-3(3,5) × 1,5-1,8(2) e assenza di ogni tipo di cistidi.

Ossicaulis lignatilis (Pers. ex Fr.) Kummer, ha spore più grandi, > 4 µm di lunghezza, Moser non specifica se ha cistidi o no, Funga Nordica li descrive come presenti, da clavati a diverticolati, a coralloidi.

Visti i dati della misura sporale questi campioni si posizionano nell'intervallo di Ossicaulis lignatilis, confermando comunque la grande variabilità delle misure sporali in questa specie. I cheilocistidi osservati appaiono banali, cilindrici, allungati.

 

Bibliografia

CONSIGLIO, G. & CONTU, M., 1999. Funghi della Sardegna: note e descrizioni. III. Bollettino AMER, 48, Anno XV, 9: 3-15. Ed. AMER.

 

post-2993-025956400%201290955022.jpg

 

post-2993-060606400%201290955026.jpg

 

post-2993-062558700%201290955024.jpg

 

post-2993-047009700%201290955028.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ossicaulis lignatilis (Pers.) Redhead & Ginns, foto di Tomaso Lezzi.

 

Spore 3,1-5,3 × 1,9-3,9 µm; Q = 1,3-1,9; Qm = 1,5.

 

post-2993-050830600%201291072588.jpg

 

Basidi quadrisporici.

 

post-2993-037797400%201291072590.jpg

 

GAF.

 

post-2993-077000200%201291072593.jpg

 

Cheilocistidi banali, cilindrici, allungati, osservati sul filo della lamella senza schiacciare il vetrino coprioggetto.

 

post-2993-099703000%201291072591.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tricholoma pseudoalbum Bon, foto di Tomaso Lezzi,

 

Ritrovamento effettuato sui M.ti Cimini, sotto Carpino, Frassino, Cerro, Tricholoma bianco con tipico odore cattivo del gruppo di Tricholoma album.

Il gambo dopo la manipolazione diventa lentamente bruno, mentre il simile Tricholoma album è immutabile; Tricholoma sulphurescens diventa giallo e non bruno e Tricholoma inamoenum e Tricholoma lascivum anche loro con odore simile, hanno un altro colore.

 

post-2993-074688100%201289950197.jpg

 

Un particolare dei gambi che sono diventato maroni alla manipolazione.

 

post-2993-018506200%201289950200.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information