Jump to content

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja 2003


Recommended Posts

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Abruzzo; Ottobre 2014; Foto di Mario Iannotti.
Raduno GEMA 2014 - Rivisondoli.

post-12947-0-85621200-1414876504.jpg

post-12947-0-13757100-1414876611.jpg

Foto di Tomaso Lezzi
Raduno GEMA 2014 - Rivisondoli.

Il nome più aggiornato, in base a studi molecolari che hanno modificato profondamente la tassonomia del genere è Infundibulicybe geotropa.

post-2993-0-61086800-1412611822.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 3 years later...

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

post-4417-0-63499900-1478076698.jpg

post-4417-0-84897600-1478076707.jpg

post-4417-0-39866900-1478076719.jpg

Il tipico e piccolo umboncino nel centro del cappello. Negli esemplari molto grandi e maturi può essere di aiuto, premendolo con un dito, per capire se il fungo è in buone condizioni oppure no: se risulta consistente e duro allora il fungo è in "ottime" condizioni; se invece è cedevole e morbido o molliccio allora il fungo è di solito invaso dalle larve oppure troppo vecchio.

post-4417-0-11771400-1478076939.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • 3 months later...

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Toscana; Novembre 2019; Foto di Alessandro Francolini

Giovani esemplari:

DSC04381.JPG.2b1a91c29ffb53825a4ecbc44be43283.JPG

DSC04384.JPG.6c6854ba837fd325dc92c4daa85f4941.JPG

DSC04404.JPG.c5845c88b08c1181f796af5bdef3a0f4.JPG

In fila indiana, tra l'erba alta:

DSC04392.JPG.032932f18cf52e4223820802f1a73020.JPG

DSC04394.JPG.52f9788eb7b32d57a2c1c1384fdb077b.JPG

DSC04395.JPG.f266153e3d4f9c78d1be82fcc11b523c.JPG

A destra un "cimballo" in ottime condizioni (gastronomicamente parlando); a sinistra un esemplare di grandi dimensioni (cappello di 20 cm di diametro) con l'umboncino ormai molliccio e subito cedevole al tatto: quindi quasi sicuramente invaso dalle larve e perciò lasciato sul terreno a sporulare.

Questi ottimi funghi sono fedeli alle zone di crescita (cimballaie), solitamente tenute segrete dai cercatori che le conoscono. Tuttavia, per mentenere in vita tali cimballaie è consigliabile non raccogliere esemplari vetusti (che possano quindi tranquillamente finire il proprio ciclo e sporulare completamente) né, ovviamente, raccogliere troppi esemplari giovanissimi.

DSC04401.JPG.7ee6b01a45c7e5e8fd7492b75dd1e832.JPG

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use Privacy Policy