Jump to content

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja 2003


Recommended Posts

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Alessandro Francolini.

post-4417-0-63499900-1478076698.jpg

post-4417-0-84897600-1478076707.jpg

post-4417-0-39866900-1478076719.jpg

Il tipico e piccolo umboncino nel centro del cappello. Negli esemplari molto grandi e maturi può essere di aiuto, premendolo con un dito, per capire se il fungo è in buone condizioni oppure no: se risulta consistente e duro allora il fungo è in "ottime" condizioni; se invece è cedevole e morbido o molliccio allora il fungo è di solito invaso dalle larve oppure troppo vecchio.

post-4417-0-11771400-1478076939.jpg

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • 3 months later...

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Toscana; Novembre 2019; Foto di Alessandro Francolini

Giovani esemplari:

DSC04381.JPG.2b1a91c29ffb53825a4ecbc44be43283.JPG

DSC04384.JPG.6c6854ba837fd325dc92c4daa85f4941.JPG

DSC04404.JPG.c5845c88b08c1181f796af5bdef3a0f4.JPG

In fila indiana, tra l'erba alta:

DSC04392.JPG.032932f18cf52e4223820802f1a73020.JPG

DSC04394.JPG.52f9788eb7b32d57a2c1c1384fdb077b.JPG

DSC04395.JPG.f266153e3d4f9c78d1be82fcc11b523c.JPG

A destra un "cimballo" in ottime condizioni (gastronomicamente parlando); a sinistra un esemplare di grandi dimensioni (cappello di 20 cm di diametro) con l'umboncino ormai molliccio e subito cedevole al tatto: quindi quasi sicuramente invaso dalle larve e perciò lasciato sul terreno a sporulare.

Questi ottimi funghi sono fedeli alle zone di crescita (cimballaie), solitamente tenute segrete dai cercatori che le conoscono. Tuttavia, per mentenere in vita tali cimballaie è consigliabile non raccogliere esemplari vetusti (che possano quindi tranquillamente finire il proprio ciclo e sporulare completamente) né, ovviamente, raccogliere troppi esemplari giovanissimi.

DSC04401.JPG.7ee6b01a45c7e5e8fd7492b75dd1e832.JPG

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Infundibulicybe geotropa (Bull. : Fr.) Harmaja; Regione Toscana; Novembre 2018; Foto di Alessandro Francolini.

Specie ottima commestibile; riconoscibile per le grandi dimensioni, per la forma tipica ad “imbuto” che acquista con la crescita (potrebbe a grandi linee ricordare un “imbutino” [Clitocybe gibba  = Infundibulicybe gibba] ma di notevoli dimensioni), per l’umbone centrale persistente sia nei giovani esemplari che in quelli maturi, per le lamelle decorrenti, per il sapore gradevole e delicato e per l’odore (anche intenso) variamente interpretato: di lavanda, di mandorle dolci, fruttato, ecc. Da giovanissimo assume tutt’altra forma di quella definitiva, col gambo decisamente più appariscente del cappello, mentre questo è, in proporzione, molto più piccolo e con orlo fortemente involuto.
Conosciuto anche col nome volgare di “Cimballo”; data la sua bontà molti cercatori tengono gelosamente segrete le stazioni di crescita come avviene per i “Prugnoli” (Calocybe gambosa).
Il tipico e piccolo umboncino nel centro del cappello degli esemplari molto grandi e maturi può essere di aiuto, premendolo con un dito, per capire se il fungo è in buone condizioni oppure no: se risulta consistente e duro allora il fungo è in "ottime" condizioni; se invece è cedevole e morbido o molliccio allora il fungo è di solito invaso dalle larve oppure troppo vecchio.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 52, Pag. 156: “Cresce in autunno, anche inoltrato, dopo abbondanti piogge, isolato o a gruppi di numerosi individui, disposti in circoli o file, tra l’erba o nei rovi, al limitare dei prati e nelle radure boschive di latifoglie. Di ottima qualità il cappello; il gambo, soprattutto negli esemplari più maturi, risulta stopposo e coriaceo e deve essere scartato.
Molto apprezzato in tante zone d’Italia, in altre è praticamente sconosciuto. In realtà molti cercatori di funghi, a novembre, sospendono ogni attività di ricerca e, come suol dirsi, “appendono il cesto al chiodo” o comunque quasi nessuno in questo momento stagionale frequenta i prati e i pascoli. I pochi che continuano a cercare funghi nella stagione fredda, dedicano attenzione ai boschi planiziali, alle pinete di rimboschimento collinari, alle rive fluviali.”

Esemplari maturi, già sviluppati; con la tipica depressione del cappello che si mostra caratteristicamente imbutiforme; orlo pileico disteso.

DSC02245.JPG.dbcc9f5af87f35aebe2eedaa2120e4bf.JPG

DSC02246.JPG.2bdc22cfd36ffad0f477752f387cbb57.JPG

Esemplare di media taglia, col cappello che inizia a presentarsi imbutiforme.

DSC02247.JPG.d49be6a458e14f0859892fe1fc606af5.JPG

DSC02248.JPG.472cda98345b69bb4eb3bd54d273f1f0.JPG

DSC02249.JPG.3b3a2f2e84565325e31c2e3ebc3bcf07.JPG

 Due esemplari maturi a confronto con uno piccolo che ancora mostra il cappello col tipico umboncino e privo della futura depressione.

DSC02250.JPG.e05dd1429e1d4104c12282b96105c590.JPG

DSC02251.JPG.1400639e0c522af0227bbb103f923598.JPG

Gruppetto di giovani esemplari; l'orlo del cappello si presenta involuto; le dimensioni del cappello sono, in proporzione, piccole rispetto al gambo.

DSC02252.JPG.81d8aeffcde2f9bd8371a8cba39c360d.JPG

DSC02253.thumb.JPG.462fca12557b9aac558dc615fff1def0.JPG

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information