Jump to content

Giovanni Galeotti

Direttivo AMINT
  • Content Count

    3,362
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Giovanni Galeotti

  1. Ben saldo su detriti legnosi. Inizialmente ho pensato ad un vecchio Pluteus perchè la prima ipotesi era che avessi davanti un fungo rodosporeo, con lo stipite inserito su rametto al suolo, poi ho notato altre caratteristiche che mi riportavano ad altro genere, il cappello e ricoperto da peluria brunastra forse cosi' scura, perchè il fungo è vecchio, e le lamelle sono adnate di colore creta con solo sfumature rosacee, e mi è tornato in mente un fungo che avevo trovato precedentemente, potrebbe trattarsi quindi di Psatyrella melanthina?
  2. E mi sa che Nicola ci ha visto bene, c'è veramente un seme, ci sta che sia un chicco d'uva gigante spiaccicato.
  3. Ciao Tom grazie non escluderei nemmeno P. satur per il cappello interamente rugoso e il gambo con riflessi giallognoli, correggimi se sbaglio
  4. Si Tom sono d'accordo piu' che un fungo sembra una di quelle sostanze estranee che i ragazzini moderni appiccicano ai muri, ma fino a prova contraria per me l'unica ipotesi plausibile, visto che di fungo si tratta ben ancorato al substrato legnoso è quella che ho previsto.
  5. Piccolo Pluteus di colore bruno ocraceo ,con umbone ampio stondato e molto pronunciato , cuticola viscida e lucente finemente rugosa in tutto il pileo. Il margine appare sottile striato e trasparente. L' imenio alterna lamelle rosacee, ventricose rade e appressate, a lamellule, filo leggermente piu' chiaro nella spaziatura si osserva il pileo che mette in evidenza i l'inconsistenza della carne. Lo stipite cilindrico striato longitudinalmente di colore biancastro con riflessi giallognoli. Odore non significante.
  6. Passeggiata lungo il fiume Tevere Mi sono imbattuto in questa massa informe aderente a legno marcescente, medio grande, di consistenza elastica gelatinosa dai colori rossastri, anche se non si osserva una forma petaloide ma un ammasso gelatinoso l'unica ipotesi che sono riuscito a fare è che possa trattarsi del fungo citato nel titolo, magari precedentemente calpestato dai passanti, attendo come sempre pareri. Giovanni
  7. Enno Tom!!! non mi puoi fare queste cose, mangiare il fungo del faggio. senza averlo prima identificato. Be dai lo avrei provato anche io, visto che si tratta di un fungo, ma a volte si parla di insetti o similari fonti rinnovabili di energie e proteine, e in questo caso viaggi o no almeno psicologicamente il mio stomaco reagisce. Ciao Giovanni
  8. Grazie siamo li o nei paraggi, logicamente come citato da max serve una micro, ma mi ritengo già soddisfatto al momento per esserci andato vicino. Ciao
×
×
  • Create New...

Important Information