Jump to content

2008.11 - Toscana - Tutor Paolo Benelli


Alessandro F
 Share

Recommended Posts

Boletus appendiculatus Schaeffer

Boleto “capogruppo” della Sezione Appendiculati che comprende boleti fin dall’inizio a tubuli e pori gialli (e non bianchi come nei “porcini”) e in seguito, a maturità, con tonalità giallo-verdastre; con fine reticolo nella parte alta del gambo; con carne dolce e con viraggi più o meno deboli o nulli. Tutti i boleti di questa sezione sono commestibili.

A grandi linee: B. appendiculatus e B. subappendiculatus hanno cappello e gambo privi di colorazioni rosa-rossastre (B. appendiculatus ha in genere gambo ben radicante e cresce sotto latifoglie; B. subappendiculatus ha il gambo poco o per niente radicante e cresce sotto conifere) mentre gli altri boleti della Sezione (B. regius, B. fechtneri, B. pseudoregius) hanno cappello e/o gambo con colorazioni dalle tonalità rosa-rossastre

In foto: colorazione del cappello (probabilmente più pallida del consueto per i 2 giorni precedenti di pioggia intensa)

post-4417-1229162516.jpg

Link to comment
Share on other sites

Hygrophorus eburneus (Bull.: Fr.) Fr. var. eburneus

Trovato sotto faggio, che costituisce il suo habitat tipico (anche se non esclusivo). H. eburneus può essere confuso con H. cossus per i caratteri morfocromatici. Di aiuto per la distinzione è l’odore (oltre che a particolari reazioni macrochimiche); l’odore di H. eburneus viene riportato anche come “odore di giacinto”; questi esemplari avevano un odore particolare, gradevole, misto tra floreale e acuto (come di buccia di limone) e ciò li dovrebbe distinguere da H. cossus che ha in genere odore sgradevole (come di formaggio di capra). Anche la sfumatura delle lamelle può aiutare: con tonalità rosate in H. eburneus; con tonalità bianco-grigiastre in H. cossus. Inoltre H. cossus ha un habitat prevalentemente presso quercia. H. eburneus var. quercetorum è una varietà che cresce in boschi di quercia ma non di faggio.

post-4417-1229162739.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tricholoma sulphureum (Bull.: Fr.) Kummer

Tricoloma velenoso e facilmente riconoscibile per la sua colorazione uniformemente gialla (o giallo-zolfo) e per l’odore nauseante che emana: in letteratura si parla di odore di gas illuminante (acetilene); si può anche far riferimento all’odore del gas delle bombole da cucina, oppure all’odore dello zolfo bruciato o, ancora, penetrante come quello dell’asfalto caldo; l’odore di questo fungo è comunque uno di quelli che non si dimentica facilmente.

Dal TUTTO FUNGHI, pag. 240:

“Alcune specie appartenenti alla stessa Sezione Inamoena possiedono analogo odore nauseante. Tra queste T. inamoenum ha dimensioni minori e colori notevolmente sbiaditi con cappello color sabbia e gambo quasi bianco. T. sulphurescens ha superfici esterne biancastre viranti al giallo o ruggine alla manipolazione e con l’età, e ha odore più fruttato-terroso.

Non confondere T. sulphureum con T. equestre che ha carne bianca e odore e sapore farinacei, gradevoli ma, nonostante ciò, da ritenere specie altamente pericolosa e responsabile di avvelenamenti letali recentemente documentati in Francia.”

post-4417-1229162846.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tricholomopsis rutilans (Scaeff.: Fr.) Singer

Bellissimo e inconfondibile fungo che cresce fascicolato o a gruppi presso ceppe di conifere (abeti e pini in preferenza). Il cappello (ampio fino a 15 cm di diametro) è caratterizzato da numerosissime e piccole squamette fibrillose di colore rosso-vinoso che lasciano intravedere il fondo giallo; tali squame sono più appressate al centro (a volte un po’ umbonato) che appare quindi quasi scaglioso e di un colore rosso-vinoso scuro. Colpisce in particolare il contrasto cromatico tra il rosso-vinoso (su fondo giallo) del cappello con il giallo vivo (quasi dorato o giallo-zolfo) delle lamelle. Pure il gambo è giallo ma un po’ decorato da striature rossastre, fugaci; con evidente “stacco” cromatico bianco-giallino all’apice.

post-4417-1229162890.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use Privacy Policy