Jump to content

Stefano Rocchi

Soci AMINT CSM
  • Content Count

    5,385
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Stefano Rocchi

  1. Buon Compleanno Max Auguri anche a Donlui! Un Caro Ricordo per Paolo! Stefano
  2. Ciao Marika! Prova a controllare Lactarius atlanticus l'habitat ci sta, l'odore è simile a quello della cimice, ha latice scarso, sapore mite e peletti alla base biancastri o rossicci. Stefano
  3. Bulgaria inquinans (Pers. : Fr.) Fr.; Regione Umbria; Novembre 2016; Foto, descrizione e microscopia di Stefano Rocchi. Ascomicete prima globoso con superficie piana o depressa, in seguito a forma di dischi appianati, isolati o adiacenti, più o meno circolari, con il margine spesso dentellato e la superficie pileica liscia, nera, brillante; la faccia inferiore è invece feltrata, pustolata, di colore brunastro o bruno-nerastro. Gli esemplari maturi assumono infine un colore nero, sfumato di verde petrolio. La carne è di consistenza gommosa e un poco gelatinosa; diviene molto dura, cornea,
  4. Schizophyllum commune Fr. : Fr.; Regione Umbria; Novembre 2016; Foto, descrizione e microscopia di Stefano Rocchi. Fungo lignicolo a forma di conchiglia o piccolo ventaglio, sessile o attaccato al substrato di crescita tramite un breve peduncolo laterale. Il pileo ha una superficie feltrata, irsuta, di colore biancastro o grigio-brunastro. Le lamelle sono rosate e si irradiano da un punto dell'imenoforo centrale o laterale; sono talora forcate in prossimità del bordo del cappello e hanno la particolare caratteristica di avere il filo scisso in due parti, ovvero come solcato. Spore 4,5-5,6
  5. Podofomes trogii (Fr.) Pouzar; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. = Ischnoderma trogii (Fr.) Teixeira Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo lignicolo, con cappello flabellato ed orlo disteso, sottile, ma anche lobato, irregolare, sinuoso, è raramente circolare; ha una superficie prima vellutata poi glabra, rugosa e ruvida, talvolta zonata, di colore variabile, all’inizio completamente bianco, poi dal crema, nocciola-marrone, al bruno-rossastro con la parte verso il bordo di solito più chiara o bianca
  6. Heterobasidion abietinum Niemelä & Korhonen; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo lignicolo resupinato, disteso, tendente a formare una piccola mensola irregolare con margine ondulato. Ha una superficie pileica tubercolata, rugosa, di colore scuro, brunastro. L’imenio si presenta con tubuli corti, stratificati e pori arrotondati, taluni allungati, 6-10 per millimetro quadrato, di colore biancastro o crema-biancastro. Carne dura, legnosa di odore misto tra la muff
  7. Phellinus hartigii (Allesch. & Schnabl) Pat.; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo lignicolo di grosse dimensioni che vegeta sia su alberi vivi che morti a terra. In questo ultimo caso la sua forma da mensola diviene irregolare, allungata. Frequente su Abete bianco, è stato rinvenuto anche su altre conifere. (Exsiccatum SR20161001-06)
  8. Phlebia tuberculata (Berk. & M.A. Curtis) Ţura, Zmitr., Wasser & Spirin; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. = Phlebia albida Fr. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo corticolo, adeso alla corteccia di legni degradati a terra ma esteso anche a foglie o rametti ivi presenti. Ha una superficie cerosa, irregolare, gibbosa-pustulata, di colore turchese-carta zucchero, grigiastro, con sfumature soffuse ocra-violacee o giallastre. Il bordo del basidioma si presenta biancastro e fimbri
  9. Cerocorticium sulfureoisabellinum (Litsch.) Jülich & Stalpers; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. = Flavophlebia sulfureoisabellina (Litsch.) K.H. Larss. & Hjortstam. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo corticolo, adeso a mo’ di macchia più o meno estesa al substrato di crescita. Di consistenza cerosa, è liscio o lievemente tubercolato, igrofano, giallo-verdastro, sfumato di grigio con tempo umido, diviene arancio-giallo o giallo chiaro uniforme e ben saldo alla corteccia con
  10. Fomitiporia punctata (Fr.) Murrill; Regione Umbria; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. = Phellinus punctatus (Fr.) Pilát = Phellinus friesianus (Bres.) Bourdot & Galzin (exsiccatum SR20161025-1) Lignicolo resupinato, a forma di cuscino, pulvinato, con la parte non fertile che circonda l’imenio finemente vellutata, di colore brunastro-camoscio, cannella, con sfumature giallastre. Duro, coriaceo, ha i tubuli corti, giallastri ed i pori molto stretti 6-8 per mm quadrato, da arrotondati ad allungati, di colore grigio-brunastro, ricoperti da una pruina biancastra. Sp
  11. Steccherinum fimbriatum (Pers.: Fr.) J. Erikss.; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo lignicolo adeso al substrato di crescita, con superficie verrucosa, cosparsa da piccoli aculei alti circa un millimetro o poco più, irregolari, appuntiti e non. Il colore varia dal giallastro al violetto chiaro ma più spesso si presenta color rosa-salmone abbastanza uniforme. Il bordo tende ad avere una colorazione più chiara, biancastra ed è in genere decorato da rizomorfi
  12. Chlorociboria aeruginascens (Nyl.) Kanouse ex C.S. Ramamurthi, Korf & L.R. Batra; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Su legno marcescente.
  13. Ciao Igor! Non conosco Ischnoderma benzoinum ma in Archivio come si può vedere i ritrovamenti sono molto simili al tuoi! Poi mi sembra che Fomitopsis pinicola ha di solito goccioline di essudato trasparenti e non giallastre. Quindi io opto per la specie indicata da Lillo! Stefano
  14. Coprinellus disseminatus (Pers.: Fr.) J.E. Lange; Regione Umbria; Novembre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Su ceppaia di Mimosa.
  15. Trichaptum biforme (Fr.) Ryvarden; Regione Umbria; Settembre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. (exsiccatum SR20160924_1_ARME) Fungo dimidiato che si sviluppa in genere mediante mensole sovrapposte, aventi un pileo zonato, vellutato, talvolta irsuto ed anche bitorzoluto, di colore che va dal biancastro al bianco-crema fino al nocciola, con il bordo spesso sfumato di viola-glicine. Imenoforo costituito da tubuli molto corti, con pori irregolari, sinuosi e spesso dentellati, di colore all'inizio lilla, glicine o viola più o meno inteso, poi nocciola-brunastri, sfumati di giallast
  16. Junghuhnia nitida (Pers.: Fr.) Ryvarden; Regione Toscana; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. Workshop - Gli Aphyllophorales e la biodiversità, Riserva Naturale Biogenetica di Camaldoli (AR). Fungo resupinato, a sviluppo non molto esteso, con imenio formato da pori più o meno regolari, da alveolari ad allungati e solo in alcuni punti tendenti alla formazione di un labirinto; il colore varia dal biancastro al crema-giallastro, talvolta con sfumature rosate; margine stretto, bianco, cotonoso e senza rizomorfi. Microscopicamente si presenta con diffusi cistidi metuloidi (a
  17. Paxillus involutus (Batsch: Fr.) Fr.; Regione Umbria; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Stabile crescita da numerosi anni, sempre in ottobre e novembre, sotto una betulla nel prato di casa. La particolarità di questo anno è che nonostante in primavera io abbia arato il terreno con la motozappa, il fungo è ricomparso regolarmente. Un esemplare è addirittura nato alla base del muro di casa in mezzo cm quadro di muschio e terriccio. Le lamelle nella fase iniziale. Le lamelle a maturazione. L'esemplare nato alla base del muro.
  18. Amanita pantherina (DC.: Fr.) Krombh.; Regione Umbria; Ottobre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. (exsiccatum SR20161029-01) Cappello all'inizio emisferico poi appianato, margine tipicamente striato, cuticola di colore bruno ricoperta da evidenti verruche bianche. Lamelle bianche, fitte, libere con il filo un poco fioccoso ed intercalate da numerose lamellule. Gambo con anello basso e base bulbosa. Spore 9,7-10,8 (13,2) × 7,3-8,1 (9,5) µm; Qm = 1,3, ellittiche lisce e non amiloidi. Spore 9,7-10,8 (13,2) × 7,3-8,1 (9,5) µm; Qm = 1,3
  19. Caloboletus radicans (Pers.) Vizzini; Regione Umbria; Ottobre 2016; Foto di Stefano Rocchi. Sapore amaro, reticolo quasi impercettibile, concolore al fondo del gambo e limitato alla parte superiore.
×
×
  • Create New...

Important Information